è?= uno spettacolovolgare e abberrant

21/mar/2007 18.20.00 Baritono Giuseppe Zecchillo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Far soffrire un animale (astice) in scena è uno spettacolo volgare e aberrante
E' UN ATTO DI CRUDELTA' CHE SOLO MENTI DEFICIENTI POSSONO CONCEPIRE

Per favore, almeno l'astice, lasciamolo in cucina. Capisco che c'è sempre qualcuno che pur di far parlare di sè si inventa l'impossibile, ma far bollire lentamente un astice durante una scena teatrale (come succede nella performance del regista argentino Rodrigo Garcia "Accidents, matar por comer", ovvero "Uccidere per mangiare" al Teatro I diretto da Renzo Martinelli e Federica Fracassi) mi sembra davvero troppo. E' una spettacolarizzazione crudele, esibizionismo facile e fine a sè stesso che di certo non giova al teatro. Negli anni ho sempre combattuto contro ladri, lottizzati, tangentisti, incapaci, non avrei mai immaginato di prendermela anche con i deficienti. Ho avuto a che fare con direttori artistici e sovrintendenti, alcuni dei quali addirittura sfioravano l'ignoranza e la stupidità essendo imposti dai partiti, ma ringraziando il cielo non ho mai trovato fra questi, gente così crudele e spregiudicata. Con sentimenti così disumani. Gente senza talento, perché chi str!
umentalizza barbaramente così gli animali è un cretino e basta. Una persona malata di mente che non può definirsi un artista. Il teatro ha sempre avuto il ruolo fondamentale di migliorare la società, non di barbarizzarla. Il teatro deve essere educati vo e non deve sottoporre al pubblico scene orribili e disumane. Qualcuno solleverà il problema che anche io come tanti mangio il pesce, ma una cosa è nutrirsi, un'altra è utilizzarlo a fini non proprio nobili. Capisco che in natura molti animali per sopravvivere ne mangiano altri. E' la legge della sopravvivenza e la rispetto. Ma non posso accettare che qualche cretino faccia soffrire così un crostaceo e definisca la sua performance "spettacolo teatrale". Mi chiedo dove siamo finiti. Se questi sono i nuovi artisti allora è meglio chiuderli i teatri. Bene ha fatto l'associazione Protezione Animali a denunciare lo spettacolo e infatti ha ottenuto l'apertura di un procedimento giudiziario e una diffida della Questura a mettere in!
scena lo spettacolo. La mia sensibilità si ribella di fronte a tanta
crudeltà. Torturare, come fa Rodrigo, un povero astice è disumano. Esporlo così al pubblico e addirittura amplificare con un microfono il rantolo per poi decapitarlo mi sembra davvero atroce. Troppo. Se non si ha nient'altro da proporre a teatro, bisognerebbe piuttosto fare autocritica e togliersi dalla circolazione. Il teatro ha bisogno di pulizia, cominciamo a ripulire la spazzatura di Rodrigo e company con l'augurio che gente di questo tipo sparisca dal mondo del teatro e non se ne senta più parlare.

Giuseppe Zecchillo - Segretario nazionale SNAAL e già consigliere d'amministrazione del Teatro alla Scala


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl