Scintillante Inaugurazione della Stagione di “Cantiere all’Opera” 2016

21/mar/2016 19:01:02 Cantiere all'Opera Padova Ufficio Stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Sala Nobile, gremitissima, dell’Istituto Barbarigo ha ospitato il concerto inaugurale della quarta stagione organizzata dall’Associazione “Cantiere all’Opera”.
Un concerto magnifico, incentrato su di un programma tanto articolato quanto impegnativo, che ha visto protagonisti il soprano Federica Grumiro ed il tenore Alessandro Kim, al pianoforte Bruno Volpato.

I due giovani cantanti sono tra i selezionati delle audizioni, presiedute da Mara Zampieri affiancata da una giuria composta da segretari artistici, agenti e critici, e che hanno visto quasi 140 partecipanti da tutto il mondo, dagli Stati uniti all’Islanda.

Programma ricco, si diceva, con arie e romanze più note alternate ad alcune di meno frequente esecuzione.

Federica Grumiro, voce rotonda e perfettamente proiettata, forte di acuti sicuri e di un fraseggio maturo, si è particolarmente distinta nell’impervia “Col sorriso d’innocenza”, da Il pirata di Vincenzo Bellini, seguita dalla funambolica cabaletta “O sole ti vela”. In Puccini, segnatamente in “Tu che di gel sei cinta”, la Grumiro esibisce bella varietà di accenti, che si ritrovano anche nella grande aria di Micaela “Je dis que rien m’épouvante” dalla Carmen di Bizet.

Ottima anche la prova di Alessandro Kim, tenore dallo squillo tornito e dalla linea di canto sicura, il tutto unito ad una non comune sensibilità interpretativa. Appassionata la sua interpretazione di “Tutto parea sorridere” da Il corsaro di Giuseppe Verdi, nel quale echi belcantistici si fondono con ardori romantici. Assai ben cantata anche “E anche Beppe amò”, da L’Amico Fritz di Mascagni, che Kim rende con un misto di malinconia e speranza.
Splendida la conclusione del concerto, con la Grumiro e Kim impegnati nel finale del primo atto de La bohème, con “Mi chiamano Mimì”, “Che gelida manina” e il duetto “O soave fanciulla”, interpretati con partecipato trasporto, unito ad una perfetta interazione di sguardi e movimenti.

Eccellente, come sempre, ci è parso l’accompagnamento al pianoforte di Bruno Volpato.

Il momento “Diamo voce a”, che dallo scorso anno vede la partecipazione di associazioni che operano a vari livelli nel sociale, ha visto protagonista Puppy walker ONLUS, che da anni addestra cani guida per non vedenti. Toccanti le testimonianze di Presidente e volontari.

 

Applausi prolungati e convinti per tutti.

6 Marzo 2016
Piero Randi 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl