Tronchetti_si_dà_all'edilizia._dopo_La_Scala_il_Gerolamo

si è offerta di pagare le ristrutturazioni.

01/nov/2003 09.05.52 Ernani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Casi Metropolitani
Il teatro Gerolamo aspetta di rinascere
Il tempio delle marionette fu chiuso nel 1983. La Pirelli
si è offerta di pagare le ristrutturazioni. Ma non basta
Molti dei miei ricordi più belli sono legati al Teatro Gerolamo, piccola e deliziosa sala dedicata agli spettacoli di marionette in piazza Beccaria, purtroppo chiusa da vent’anni. Recentemente ho sentito di progetti per piazza Fontana, e anche di un’offerta di Pirelli Real Estate: c’è qualche speranza di rivedere le marionette al Gerolamo? O verrà adibito a Residence?

(Tam Tam)
Il portone chiuso del Teatro Gerolamo mette tristezza a molti milanesi: qualcuno ricorda le marionette della compagnia «Carlo Colla e Figli», fino al 1957, altri gli spettacoli d’avanguardia e i recital che vi si tennero fino al 1983, anno della chiusura per motivi di sicurezza (dopo la tragica domenica 13 febbraio, con il rogo del cinema Statuto di Torino e la rottura della funivia di Champoluc). Il 24 luglio scorso, dopo 15 anni di discussioni, la Commissione edilizia del Comune ha finalmente approvato il progetto di risistemazione di piazza Fontana, e questo ha riacceso le speranze anche per il Gerolamo.
Il teatro, monumento nazionale dal 1956, nel ’74 è stato dichiarato ente autonomo sotto la giurisdizione del Comune; l’edificio in cui si trova appartiene però all’immobiliare Sanitaria Ceschina, che si è impegnata a «riattivare la sala con caratteristiche di polifunzionalità nel settore della cultura e dello spettacolo». Un’espressione generica, mentre in origine il teatro aveva una destinazione ben precisa: è l’unica sala d’Europa costruita apposta per le marionette. L’architetto Giuseppe Mengoni, artefice della Galleria, ne utilizzò i materiali di recupero - legno, stucco e ghisa - per realizzare nel 1867 un teatro che riproducesse in piccolo la Scala: pianta a ferro di cavallo, due ordini di palchi, loggione e platea. Per alcuni decenni vi si alternarono varie compagnie di marionettisti, finché l’impresario, nel 1906, non assistette a uno spettacolo dei quattro fratelli Colla e decise di affidare a loro il teatro. Racconta Eugenio Monti Colla: «Mio cugino Carlo III Colla ed io siamo nati nel portone accanto al Gerolamo e cresciuti lì, a quattro anni già aiutavamo a vestire le marionette e a dar voce ai personaggi. Nel ’56 arrivò la notizia, falsa, che lo stabile doveva essere abbattuto, e così ce ne andammo, con un trasloco che pareva il corteo dell’Aida. Vi tornai nel ’92 per un sopralluogo con Ornella Vanoni, l’architetto Gregotti e la signora Ceschina. Il teatro era in condizioni discrete. Certo, occorre restaurare e mettere tutto a norma». Pirelli Real Estate s’è recentemente offerta di eseguire questi lavori a proprie spese, come regalo alla città, e di affidare il teatro alla compagnia «Carlo Colla e Figli». Ai Ceschina sono state prospettate tre soluzioni: rimanere proprietari e dare il teatro in concessione ai Colla; vendere la sala al Fai; vendere l’intero stabile alla Pirelli che lo frazionerebbe e rivenderebbe, affidando il teatro al Fai. Il Comune sarebbe favorevole all’operazione, ma la proprietà, almeno per il momento, non ha dato risposta. Quanto ai Colla, sarebbero entusiasti: «Il Gerolamo non sarebbe un nostro feudo: vi si potrebbero esibire molte compagnie marionettistiche, per esempio quelle cinesi, che al momento evitano Milano perché manca una sala adatta. Un tempo il Gerolamo era un fenomeno teatrale imperdibile per chi veniva a Milano: potrebbe tornare a essere così». No, certamente, se ci mettono su le mani "I privati!

----
Email.it, the professional e-mail, gratis per te: clicca qui

Sponsor:
Stai già pensando ai regali di Natale? Da Enoteca Squillari puoi trovare cesti
Assortiti e raffinati con i migliori prodotti della gastronomia italiana
Clicca qui

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl