La Reginetta delle Rose e la rassegna d'operette di Ab Harmoniae Onlus

06/feb/2017 15:28:56 Ab Harmoniae Onlus Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Dopo l’applaudita esecuzione dello scorso gennaio di La Vedova allegra, prosegue la rassegna di operette proposta da Denia Mazzola e da Ab Harmoniae Onlus per la Sala Alfredo Piatti in Bergamo, con una nuova avvincente vicenda d’amore.

Si tratta della prima esecuzione in Bergamo di La reginetta delle rose, operetta composta nel 1911 da Ruggero Leoncavallo durante il suo soggiorno londinese per un allestimento di Pagliacci.

Il compositore napoletano, incontrando a Montecatini Giovacchino Forzano - giornalista, direttore de Il giornale Apuano, cineasta, scrittore e librettista di numerose opere di compositori della Giovane Scuola quali Puccini, Mascagni, Giordano, Wolf Ferrari e appunto, Leoncavallo – accolse l’idea dell’operetta che il librettista Forzano avrebbe nel 1915 tradotto in un soggetto per il film muto.

La vicenda si svolge a Londra per “l’erigendo ricovero dei piccoli cani abbandonati”; Max, principe ereditario di Portowa, incontra – in incognita e durante una festa di beneficenza – Lilian, la bella fioraia e se ne innamora, ricambiato.
Invitata a raggiungerlo a Portowa per occuparsi dei giardini reali, Lilian scoprirà che Max è l’erede al trono al quale la terribile reggente Mikalis, nega il permesso di unirsi in matrimonio. La protagonista sarà imprigionata al suo arrivo a Portowa e verrà liberata poi per volontà dell’erede al trono; si troverà anche in un fermento rivoluzionario che scaccerà l’antica reggente per nominare Max, l’erede al trono, nuovo sovrano di una monarchia costituzionale.
Con lo stelo di una rosa, allora, Lilian inviterà il principe a firmare la Costituzione per il bene del proprio popolo e, alla sua decisione di lasciar Portowa, sarà invece trattenuta e proclamata da Max Regina di Portowa o la Reginetta delle rose.

Classificata come appartenente al genere “operetta”, La reginetta delle rose risulta essere in realtà un grande lavoro operistico considerato il grande impegno vocale richiesto agli interpreti il consistente organico strumentale previsto in orchestra.

Assai raramente proposta nelle stagioni liriche teatrali La reginetta delle rose trovò nella concertazione e direzione del Maestro Gianandrea Gavazzeni una fra le più significative rappresentazioni in Italia con Denia Mazzola Gavazzeni come interprete del ruolo titolo.

Con la collaborazione di Fondazione MIA gli interpreti dell’edizione proposta da Ab Harmoniae Onlus a Bergamo, in sala Piatti, gli interpreti saranno accanto all’artista bergamasca che ne firma anche la regia i giovani usci dal concorso per audizioni di Ab Harmoniae Onlus: Rosario di Mauro, tenore, Mae Hayashi, mezzosoprano, Dalila De Leo, soprano e gli altri giovani artisti selezionati dall’associazione come fra i più valenti del panorama lirico italiano: Lucas Moreira Cordoso (anche vincitore Aslico 2017) e Claudia Roberta Strano.
Completano il cast il valente basso Gabriele Bolletta, e Marco Marfone, nel ruolo dell’agente americano di box.

L’operetta in scena l’11 febbraio prossimo, alle ore 16.00 alla sala Piatti, sarà eseguita al pianoforte (Svetlana Huseynova/Francesco Massimi) e con i costumi della casa d’arte Bianchi.

L’ingresso è libero ed è gradita l’offerta libera che potrà sostenere le inziative culturali solidali organizzate dall’associazione Ab Harmoniae Onlus propone per i giovani.


Segreteria
AB HARMONIAE ONLUS
http://www.abharmoniaeonlus.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl