NABUCCO a Castel Sangiovanni

NABUCCO a Castel Sangiovanni "NABUCCO" IN TRIONFO A CASTEL SAN GIOVANNI Festa grande della musica ieri sera in piazza a Castel San Giovanni dove, proseguendo la stagione lirica organizzata dal tenore Luigi Frattola, con la collaborazione del Comune, dell'Enel, dell'Associazione La Valtidone e della Banca di Credito Cooperativo, è andata in scena un'acclamata produzione di "Nabucco" di Giuseppe Verdi.

29/lug/2007 10.49.00 Daniele Rubboli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 
"NABUCCO" IN TRIONFO
A CASTEL SAN GIOVANNI
 
Festa grande della musica ieri sera in piazza a Castel San Giovanni dove, proseguendo la stagione lirica organizzata dal tenore Luigi Frattola, con la collaborazione del Comune, dell'Enel, dell'Associazione La Valtidone e della Banca di Credito Cooperativo, è andata in scena un'acclamata produzione di "Nabucco" di Giuseppe Verdi.
Le masse artistiche del teatro Lirico Europeo, con orchestra moldava e il coro romeno, con al seguito scene e costumi di un efficace allestimento, sono state dirette con grande sicurezza dal M° Silvano Frontalini, oggi il miglior grante in Italia, per queste produzioni che, con spese pressochè minime, rispetto ai teatri delle Fondazioni ed a quelli Comunali, portano nelle piazze di tutta Italia la memoria di questa nostra appassionante cultura.
Una passione che ieri sera ha raccolto quasi tremila persone nella piazza di Castel San Giovanni dove oltre all'ottimo Luigi Frattola, un Ismaele di grande statura vocale e musicale, ha debuttato nel ruolo di Nabucco il baritono piacentino Valentino Salvini al quale non sono mancati i fans.
DI grande esperienza e autorità l'Abigaille di Daniela Favi Borgognoni, mentre Caterina Novak è stata una Fenena impegnata a dare il proprio meglio. Ilia Popov ha dato voce a Zaccaria, Oreste Paslieru al Gran Sacerdote e Cristian Monti ad Abdallo. Professionale il coro, efficace l'orchestra, simpatico, nei micro interventi, il balletto.
Applausi a scena aperta per tutta l'opera e cinque chiamate alla ribalta di tutto il cast.
Unico neo della serata l'aver lasciato la piazza aperta come luogo di transito dando occasione a troppe persone di testimoniare la propria maleducazione, per non parlare di chi, tra il pubblico, conversava al cellulare e degli stessi Carabinieri che dopo aver parhceggiato l'auto a 5 metri dal palcoscenico, se ne sono andati accendendo il motore proprio in un pianissimo della grande aria di Nabucco: Dio di Giuda. E poi si lamentano se finiscono nella barzellette!
Nota di merito la raccolta fondi - come è stato spiegato nella bella introduzione all'opera fatta dal musicologo Daniele Rubboli - a favore dei gmelli Tomas e Tobias di 8 anni di Gragnano Trebbianese, in attesa di un intervento chirurgico che possa alzarli dalla sedia a rotelle.
--------------------------------------------------------------
da Ufficio Stampa ISEA ARTS
Milano
02.2842836
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl