GAETANO BRAGA: un musicista ritrovato

23/ago/2007 17.30.00 Daniele Rubboli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
1907-2007:GAETANO BRAGA
UN MUSICISTA RITROVATO
 
In occasione dei cento anni dalla morte, avvenuta a Milano il 20 novembre 1907, torna alla ribalta la bella realtà di Gaetano Braga, violoncellista e compositore nato a Giulianova degli Abruzzi il 9 giugno 1829.
Virtuoso del suo strumento acclamato in tutta Europa, è anche un originale creatore di quei microcosmi che furono le Romanze da Salotto Belle Epoque.
Tra queste la mitica "Serenata: Legganda Valacca" che prevede oltre all'esecuzione di un mezzosoprano e di un pianista, anche l'intervento di un violoncello... da una stanca accanto.
Era una delle pagine musicali dedicate da Braga alla grande Adelaide Borghi Mamo, mezzosoprano di Bologna (1829-1901).
Se in Abruzzo non fosse nato, a pochi chilometri da Giulianova, Francesco Paolo Tosti di Ortona a Mare, impostosi come il principe indiscusso della romanza da salotto all'italiana, certamente il piu' illustre musicista abruzzese sarebbe stato Gaetano Braga e tra i piu' i capiscuola dei romanzisti italiani assieme a Arditi, Denza, Rotoli, Tirindelli.
L'ottusa stitichezza degli enti locali verso questo artista ha sempre costretto l'Associazione Culturale "G.Braga" di Giulianova, della quale è oggi presidente il Prof. Giovanni Di Leonardo assai ben affiancato da Luciano Di Giulio, a strade in asperrima salita.
Nonostante questo la tenacia e la fede in Gaetano Braga di questi suoi fedelissimi hanno consentito di realizzare un museo nella casa natale del compositore e dato vita ad un serie di convegni, pubblicazioni e registrazioni discografiche.
Tra queste mi piace segnalare il prezioso CD di Musiche Strumentali da Camera edito nel 2001 da Bongiovanni (Bologna), e un secondo CD di Musiche per Canto, Violoncello, Pianoforte edito nel 2005 dalla Wide Classique con la bella voce del bravissimo mezzosoprano cubano Amor Lilia Perez, artista stabile del Coro della Scala di Milano.
Ma quello che serve per non uccidere la memoria della cultura musicale è la pubblica esecuzione del patrimonio che un compositore ha lasciato.
Per servire questa necessità l'Associazione Braga propone un coinvolgente concerto del Trio Braga composto dal mezzosoprano Amor Lilia Perez, dal violoncellista Galileo Di Ilio e dal pianista Giuseppe Sabatini, tutti già protagonisti dei due CD prima citati, che permette di far incontrare il grande pubblico con questo musicista abruzzese amico di Rossini e ammirato da Verdi.
La bella abitudine assunta da alcuni anni da tanti Lirica Club e Associazioni Musicali italiane che oltre ad ospitare i "soliti" concerti di voci liriche, invitano anche gli strumentisti per una giusta alternanza nella degustazione dei suoni, mi auguro che consenta a questo Trio di essere invitato in tutta Italia .
Far amicizia con le musiche di Gaetano Braga è un dovere, ma soprattutto un incredibile piacere.
Personalmente darò il mio contributo alle celebrazioni del compositore e violoncellista abruzzese a Torino, dove per gli Amici del Regio, mercoledì 28 novembre, racconterò di lui ed anche di un'opera che compie pure cent'anni: "Paolo e Francesca" del dimenticatissimo Luigi Mancinelli direttore d'orchestra e compositore di Orvieto.
                                                                                                                           Daniele Rubboli
PS
per contatti con l'Associazione G. Braga, onlus : tel fax 0858008878 - assobraga@email.it          
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl