Grande successo per il Masterclass di Teresa Berganza a San Marino

26/set/2007 14.00.00 Teatro Guardassoni Bologna Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Grande successo per l’incontro di martedì 25 settembre

Masterclass di Teresa Berganza a San Marino

Nell’ambito del Concorso Tebaldi appuntamento d’eccezione con l’arte del mezzosoprano spagnolo

 

Un’iniziativa di prestigio nell’ambito del Concorso Tebaldi

SAN MARINO_ Il grande mezzosoprano spagnolo Teresa Berganza, la storica Rosina, Cenerentola e Isabella di Claudio Abbado, ha offerto martedì 25 settembre una lezione unica di stile e belcanto nella Sala Titano del Palazzo dei Congressi Kursaal. Cinque giovani cantanti, tre soprani e due mezzosoprani, sono state selezionate appositamente - fuori concorso - per partecipare a questa lezione pubblica di fronte a un pubblico entusiasta composto da giovani cantanti, molti dei quali partecipanti al Concorso Tebaldi , addetti ai lavori e appassionati. Accompagnava al pianoforte il maestro Vincent Scalera, prestigiosa spalla concertistica di tutti i più celebri cantanti lirici, da Bergonzi a Flòrez.

L’iniziativa, promossa dalla Fondazione Tebaldi, segue la masterclass liederistica del pianista Dalton Baldwin (24 settembre) e precede quella del tenore Jaume Aragall (29 settembre) in un ricco programma che affianca la seconda edizione del concorso lirico dedicato al grande soprano voce d’angelo. La finale del concorso si terrà domenica 30 settembre con un grande concerto replicato poi lunedì 1 ottobre.

“Parliamo di Arte”

“Per un attimo non parliamo di canto, parliamo di Arte”, così Teresa Berganza spiega all’emozionatissimo soprano coreano Yun Hee Kwak i sospiri della Giulietta di Bellini. E quello che ha trasmesso il grande mezzosoprano spagnolo in quasi tre ore di lezione appassionata è stata proprio un’arte che nasce dall’alchimia fra rigore e passione. Teresa Berganza brandisce lo spartito, affermando che è solo quello da seguire fedelmente, che solo così si troverà la corretta interpretazione; racconta il suo approccio a Carmen, evocando la sigaraia procace d’estrazione verista e che non avrebbe mai potuto cantare, lei, mezzosoprano d’estrazione mozartiana, se lo studio della partitura non le avesse rivelato un’altra faccia di Carmen, elegante, seducente con il sorriso sulle labbra. “L’Habanera va cantata con il sorriso”, ripete, e le malizie della Seguedille scintillano come frasi rossiniane. Sempre con esattezza assoluta, affronta ogni brano come musicista prima che come cantante. Musicista rigorosa, curiosa e appassionata. Proprio da questa passione nasce la cura maniacale dell’espressione perché il languore di Susanna, la malinconia di Giulietta, gli ardori e i dolori nella voce devono “venire dal cuore” e vivere nella musica. Difficile immaginare questo concetto spiegato meglio che dalla vitalità e dall’ironia della Berganza, che non lesina esempi musicali intonando perfino brani da soprano drammatico come Morrò ma prima in grazia, e rievocando, con ampi stralci di Pensa alla patria, il suo impareggiabile Rossini. Addirittura con gioia e naturalezza improvvisa le frasi del coro e di Don José, duettando con le ragazze. La qualità della voce conferma la bontà di una tecnica che è quella autentica del Belcanto, tecnica che mira prima di tutto alla naturalezza dell’emissione. “Cantate come se foste sotto la doccia, non pensando di fare il soprano o il contralto”, ripete alle ragazze, “cantate con la vostra voce”. E si prodiga in consigli tecnici arrivando a manipolare fisicamente le posture scorrette.

Gli effetti si vedono e si sentono subito. La bella voce lirica di Martina Bortolotti acquista subito maggiore morbidezza e facilità nel passaggio all’acuto. La vocalità vigorosa di Monica Bozzo fra affina il gioco dei pianissimi (“oggi tutti fanno a gara a cantar forte, ma la vera musicalità è saper usare tutti i segni dinamici indicati dall’autore. La Nilsson, che aveva la voce più grande che abbia mai sentito, eccelleva proprio nel pianissimo!” esclama la Berganza). Con il promettente mezzosoprano Elisa Dell’Olio affina gli accenti e i gesti di Dorabella e Cherubino, lavora di cesello sull’aria delle Larmes da Werther. Un altro mezzosoprano, Stefania Giannì, offre l’occasione per un’appassionante lezione sull’interpretazione e sulla ricerca di un suono più lieve e naturale che ne mette subito in migliore evidenza le qualità vocali. Infine con Yun Hee Kwak si concentra sulla ricerca di colori espressivi e sulla musicalità specifica di Dvorak. Persino il maestro Vincent Scalera, avvezzo ad accompagnare i divi più celebri, appare ammirato e galvanizzato da questa grande lezione di stile e di belcanto.

L’emozione in sala è palpabile ed esplode in numerosi applausi a scena aperta. Alla fine la signora Berganza abbraccia con affetto tutte le ragazze, prodigandosi in consigli, disponibilissima, nonostante la stanchezza, per autografi e foto di rito.

Il programma del Masterclass

masterclass

Teresa Berganza

 

Pianista Vincent Scalera

 

San Marino, Palazzo dei Congressi Kursaal

25 settembre 2007, ore 15.30

 

 

Martina Bortolotti (soprano)

J. Offenbach - Elle a fuit la tourterelle! (Les contes d’Hoffmann)

G. Puccini - Chi il bel sogno di Doretta (La rondine)

W. A. Mozart - Deh vieni non tardar (Le nozze di Figaro)

 

Monica Bozzo (soprano)

G. Puccini - Vissi d’arte (Tosca)

G. Verdi - Morrò ma prima in grazia (Un ballo in maschera)

F. Cilea - Io son l’umile ancella (Adriana Lecouvreur)

 

Elisa Dell’Olio (mezzosoprano)

W. A. Mozart - Smanie implacabili (Così fan tutte)

W. A. Mozart - Voi che sapete (Le nozze di Figaro)

J. Massenet - Va, lasse couler mes larmes (Werther)

 

pausa

 

Stefania Giannì (mezzosoprano)

G. Rossini - Pensa alla patria (L’italiana in Algeri)

G. Bizet - Habanera (Carmen)

G. Bizet - Seguedille (Carmen)

 

Yun Hee Kwak (soprano)

G. Puccini - O mio babbino caro (Gianni Schicchi)

A. Dvorak - Canto alla luna (Rusalka)

V. Bellini - Oh quante volte, oh quante! (I Capuleti e i Montecchi)

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl