LECCO: un evento per Puccini

29/gen/2008 03.49.00 Daniele Rubboli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
Lecco: per celebrare Giacomo Puccini
SCHICCHI E SUOR ANGELICA
UN EVENTO AL " CENACOLO "
Sabato 1 febbrario Lecco vivrà un evento storico. In occasione delle celebrazioni internazionali per i 150 anni dalla nascita di Giacomo Puccini, va in scena per la prima volta al Teatro Cenacolo Francescano di piazza Cappuccini 3, il dittico " Suor Angelica" e "Gianni Schicchi".
Una scelta coraggiosa che risponde all'impegno culturale che il Teatro Cenacolo propone in tutti i suoi cartelloni.
Questi due atti unici sono infatti particolarmente difficili nella preparazione, pretendendo un gioco ad incastri che esalta il canto di conversazione inventato da Puccini, ma di grande fascino per l'ascoltatore.
Il pubblico si troverà infatti di fronte a due momenti teatrali assolutamente opposti.
La profonda commozione che alita nel racconto di Angelica, ragazza madre costretta a farsi suora dalla zia principessa che, dopo la morte dei genitori, gestiva la sorte delle due nipoti (Angelica e Anna Viola), e la risataccia toscana per la grottesca burla che Gianni Schicchi combina ai danni di un gruppo di parenti.., diseredati.
Una burla storica perchè Gianni Schicchi de' Cavalcanti, morto prima del febbraio 1280, è citato anche nella Divina Commedia da Dante Alighieri ( XXX,vv. 32-33 e 42-45), che lo incontra all'inferno tra i falsari avendo preso il posto di Buoso Donati il Vecchio, per favorire con un falso testamento l'amico Simone Donati nipote di Buoso.
La burla viene ripresa da Puccini con qualche modifica per un autentico capolavoro che rinnova, nel 1918 (- debutto Metropolitan di N.Y.), le glorie dell'opera giocosa italiana.
La storia di Suor Angelica, ambientata nel XVII secolo, è invece frutto di fantasia e oltre ad essere uno dei rarissimi esempi di opera lirica interpretata solo da donne,è anche l'unica opera italiana che prevede un miracolo a scena aperta: la grazia della Vergine che perdona Suor Angelica accettandone il pentimento in punto di morte.
Un evento, quello di sabato prossimo, che onora Lecco e che il pubblico non può disertare sia perchè non si può rendere omaggio solo al Puccini di "Bohéme" e "Tosca", ma occorre incontrarlo anche in questi titoli dove detta i suggerimenti per il futuro del teatro musicale; sia perchè l'allestimento è di grande interesse.
Angelo Cesana e Giuseppe Fumagalli hanno messo a punto una scenografia di grande efficacia, mentre il direttore artistico e regista Daniele Rubboli si è garantito nel cast la partecipazione di un veterano di fama internazionale come il cremonese Orazio Mori (Schicchi) e una soprano di grande statura artistica come Anna Maria Caruso di Brescia (Angelica). A dirigere l'Orchestra Sinfonica di Lecco è stato invitato l'ottimo M° Vito Lombardi del Teatro Carlo Felice di Genova. Il cast è poi completato da un manipolo di giovani professionisti di grande esperienza quali Tiziana Scaciga Della Silva, Andrea Bragiotto, Luca Gallo, Annunziata Menna, Biljana Kovac, Annalisa Stroppa, Barbara Fasol, Caterina Iora, Valeria Falini, Giovanni Maini, Davide Rocca, Diego Bellini, Giampaolo Vessella, Antonio Peloso, Paolo Saccaggi e la piccola Anna Venturi.
--------------------------------------------     
 
allegati: Foto baritono Orazio Mori / Foto soprano Anna Maria Caruso
 
Inviato da Isea Arts
tel 02.2842836
Informazione Teatro Cenacolo Lecco: 347.1404544  
 

 

 

 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl