Hai 5minuti di tempo......

Possa, il Signore, perdonarmi per aver potuto pensare che c'è un tempo o luogo dove LUI non deve essere al PRIMO posto nella mia vita.» Dobbiamo avere il tempo di ricordare tutti ciò che LUI ha fatto per noi.» Manda questa e-mail ad altri ... se ne trovi capaci di ammetere di amare» Gesù.

04/feb/2008 09.00.00 Daniele Rubboli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Leggi, però, solo se hai tempo da dedicare a Dio.

Cerchiamo di confinare il Signore per la Domenica, nella nostra
Chiesa...Forse, la Domenica sera...E, nell'eventualità, molto improbabile,
di una funzione intersettimanale. Però, ci piace averLo intorno quando ci
sono malattie...E naturalmente durante i funerali. Comunque, non abbiamo
tempo, o spazio per Lui durante il tempo del lavoro o di svago...
perché...Quelle fanno parte della nostra vita dove noi pensiamo che...
Possiamo, e dobbiamo farcela da soli. Possa, il Signore, perdonarmi per aver
potuto pensare che c'è un tempo o luogo dove LUI non deve essere al PRIMO
posto nella mia vita.
>> Dobbiamo avere il tempo di ricordare tutti ciò che LUI ha fatto per noi.
>> Manda questa e-mail ad altri ... se ne trovi capaci di ammetere di amare
>> Gesù.
Lo ami tu?

IL POEMA
Mi inginocchiai ma non a lungo, avevo troppo da fare. Dovevo fare in
fretta, il lavoro, le bollette da pagare. Cosi mi
inginocchiai e dissi una preghiera veloce. E velocemente mi rialzai.
Avevo adempito al mio dovere di Cristiano La mia anima poteva riposare in
pace.Durante tutta la giornata non avevo tempo per dire una parola gioiosa.
Non avevo tempo per parlare di Cristo agli amici, mi avrebbero deriso,
temevo.
>> Non avevo tempo, non avevo tempo, avevo troppo
>> da fare, non avevo tempo da dare a persone bisognose. Questo era il mio
>> grido costante. Ma alla fine arrivò il tempo, il tempo di morire. Andai
>> davanti a Dio, restai con gli occhi bassi. Nelle mani di Dio un libro;
>> era il libro della vita. Dio guardò nel suo libro e disse "Non trovo il
>> tuo nome".Una volta fui tentato di scriverlo...Ma non trovai mai il
>> tempo per farlo.
>> Ora hai tempo di far passare questa e-mail?
>> Bada bene di arrivare in fondo alla mail. Facile contro Difficile.
>> Perché è cosi difficile dire la verità mentre mentire è cosi
>> facile?
>> Perché ci sentiamo assonnati mentre stiamo in chiesa e
>> appena finito siamo cosi desti?
>> Perché è cosi difficile parlare
>> di Dio mentre è cosi facile parlare di cose scabrose?
>> Perché è
>> cosi noioso leggere una rivista Cristiana mentre è cosi facile leggere
>> robaccia?
>> Perché è cosi facile cancellare una e-mail che parla
>> di Dio, mentre inoltriamo quelle cattive?
>> Perché le Chiese
>> diventano sempre meno mentre i pub e ritrovi notturni diventano sempre
>> più numerosi?
>> Ti arrendi? Pensaci prima. Questa e-mail la
>> manderai o la cancelli? Ricordati - Dio ti sta guardando.
>
>> La
>> RUOTA DELLA PREGHIERA - Vediamo se satana riesce a fermare questa!
>> La ruota consiste nell'inoltrare questa mail, dire una preghiera
>> per la persona che ti ha scritto... Tutto qui.....Niente altro.....Ed è
>> cosi potente...... Ti prego, non fermare la ruota... Fra tutti i doni
>> che possiamo ricevere, la Preghiera è il migliore.... Non ci sono costi
>> ma splendidi ricompensi....DIO TI BENEDICA!
>> Che il Signore ti
>> protegga e ti benedica. Se questa non ti scuote un pò,non so cosa
>> potrebbe toccarti...questo messaggio è vero. Spero che sarete benedetti
>> come sono stato io da questa storia. Mi chiedo, chissà quante persone
>> cancelleranno questo messaggio senza averlo letto, a causa
>> dell'intestazione?
>> C'era una volta un uomo di nome George
>> Thomas, era pastore protestante e viveva in un piccolo paese. Una
>> mattina della Domenica di Pasqua stava recandosi in Chiesa, portando
>> con se una gabbia arrugginita. La sistemò vicino al pulpito. La gente
>> era alquanto scioccata. Come risposta alla motivazione, il pastore
>> cominciò a parlare....."Ieri stavo passeggiando,quando vidi un ragazzo
>> con questa gabbia.
>> Nella gabbia c'erano tre uccellini, tremavano
>> dal freddo e per lo spavento. Fermo il ragazzo e gli chiesi:"Cos'hai
>> lì, figliolo?".
>> "Tre vecchi uccelli" fu la risposta.
>>
>> "Cosa farai di loro?" chiese
>> "Li porterò a casa e mi divertirò
>> con loro", rispose il ragazzo. "Li stuzzicherò e strapperò le piume
>> cosi litigheranno. Mi divertirò tantissimo".
>> "Ma presto o tardi
>> ti stancherai di loro. Allora cosa farai?".
>> "Oh, ho dei gatti,"
>> disse il ragazzo. "A loro piacciono gli uccelli, li darò a loro".
>> Il pastore rimase in silenzio per un momento. "Quanto vuoi per
>> questi uccelli, figliolo?".
>> "Cosa??!!! Perché, mica li vuoi,
>> Signore, sono uccelli di campo, niente di speciale. Non cantano. Non sono
>> nemmeno belli!"
>> "Quanto?" chiese di nuovo il pastore.
>> Pensando fosse pazzo il ragazzo disse: "10$". Il pastore prese $10 dalla
>> sua tasca e li mise in mano al ragazzo.
>> Come un fulmine il ragazzo sparì. Il pastore prese la gabbia e con
>> delicatezza andò in un campo dove c'erano alberi e erba.
>> Aprì la gabbia e con gentilezza lasciò liberi gli uccellini. Cosi si
>> spiega il motivo per la gabbia vuota accanto al pulpito.Poi iniziò a
>> raccontare questa storia.
Un giorno Satana e Gesù stavano conversando. Satana era appena ritornato
dal Giardino di Eden, era borioso e si gonfiava di superbia.
>> "Si, Signore, ho appena catturato l'intera umanità. Ho usato una
>> trappola che sapevo non avrebbe trovato resistenza, ho usato un'esca che
>> sapevo ottima. Li ho presi tutti!"
>> "Cosa farai con loro?" chiese Gesù
>> Satana rispose: "Oh, mi divertirò con loro! Gli insegnerò come odiare e
>> farsi male a vicenda, come bere e fumare e bestemmiare.Gli insegnerò a
>> fabbricare armi da guerra, fucili e bombe e ammazzarsi fra di loro. Mi
>> divertirò un mondo!" "E poi, quando hai finito di giocare con loro, cosa
>> ne farai?", chiese Gesù
>> "Oh, li ucciderò!" esclamò Satana con superbia.
>> "Quanto vuoi per loro?" chiese Gesù.
>> "Ma va, non la vuoi questa gente. Non sono per niente buoni, sono
>> cattivi. Li prenderai e ti odieranno. Ti sputeranno addosso, ti
>> bestemmieranno e ti uccideranno. No, non puoi volerli!!"
"Quanto?" chiese di nuovo Gesù.
Satana guardò Gesù e sogghignando disse: "Tutto il tuo sangue, tutte le tue
lacrime e la tua vita."
Gesù disse: "AFFARE FATTO!" E poi pagò il prezzo. Il pastore prese la gabbia
e lasciò il pulpito.

N.B.
Non è strano come la gente possa scartare Dio e poi chiedersi come mai il
mondo sta
>> andando a rotoli? Non è strano che alcune persone possono dire "Io
>> credo in Dio" ma ciononostante seguire Satana (che, guarda il caso,
>> anche lui crede in Dio)? Non è strano come noi possiamo inoltrare
>> migliaia di barzellette per e-mail che a loro volta si moltiplicano ma
>> quando inizi a mandare una e-mail che riguarda il Signore, la gente ci
>> pensa due volte prima di condividerla?
Non è strano che quando pensi di mandare questa e-mail a qualcuno, ci
penserai due volte prima
di spedirla agli indirizzi della tua rubrica perché hai paura di ciò che
possono pensare di te?Non è strano che io posso avere più paura
dell'opinione degli altri su di me e non importarmi che opinione ha il
Signore di me? Io dico una preghiera per ogni persona che manderà questa
e-mail ad altri indirizzi .


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl