RITORNA L'OPERA LIRICA A TEATRO MARGHERITA DI RACALMUTO CON IL GIOCATORE DI ORLANDINI

04/mar/2008 22.15.00 Opera News Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Dopo il grande successo avuto nel 2006 con l'opera lirica "La Serva Padrona" di G.B. Pergolesi ritorna al Teatro Regina Margherita di Racalmuto un altro importante titolo operistico ossia "Il Giocatore" di G.M. Orlandini opera comica in tre atti.
 

sabato 15/03/08 ore 21:00 OPERA LIRICA IN 3 ATTI“IL GIOCATORE” DI G.M. ORLANDINI

Il Giocatore di ORLANDINI, Giuseppe Maria (? - 1760)

Intermezzo in 3 atti
Libretto: (?)
personaggi:
BACOCCO (Basso) SALVATORE SALVAGGIO,

SERPILLA (Mezzosoprano) CATERINA TARTAGLIONE

L’Intermezzo “Il Giocatore” o meglio Il Marito Giocatore e la Moglie Bacchettona del bolognese Giuseppe Maria ORLANDINI (Bologna, 1675 o 1688- Firenze 1760) è, accanto alla “Serva Padrona” di Giovan Battista Pergolesi ed alla “La Zingara” di Rinaldo da Capua, uno degli esempi più riusciti di quel genere “buffo” che ebbe ampio sviluppo ed utilizzo all’interno dell’Opera Eroica del Settecento,probabilmente durante i cambi di scena fra i differenti atti. Il fatto che l’Intermezzo stesso, pur nella sua assoluta unità formale e temporale, sia suddiviso in tre parti, con la dicitura “tre intermezzi”, può avvalorare l’ipotesi di quest’uso. Sta di fatto che l’intermezzo acquisì, e rapidamente, una propria autonomia e dignità artistica a tal punto da riportare veri e propri trionfi, fenomeno italiano, anche in terra straniera (la nota Querelle des Buffons che tra il 1752 e il 1754 a Parigi contrappose lo stile “buffo” italiano alla “tragédie lyrique” francese deve molto all’opera in questione), aprendo la strada a quel nuovo teatro in musica che Gioacchino Rossini portò a meravigliosi livelli di ritmo e stile. Oggi poco frequentato, Orlandini fu uno dei massimi operisti del suo tempo: Napoli, Amburgo, Parigi, Londra e S.Pietroburgo lo rappresentavano con successo, con tanto di apprezzamento di Burney e del francese De La Borde, il quale lodò Orlandini, in particolare, per l’intermezzo “Il Giocatore”.

 

Il libretto (tratto probabilmente da Molière, dalla cui opera, si presume, attinse Antonio Salvi) narra le vicende private e familiari di una coppia: lui è un giocatore incallito, lei moralista e bacchettona.In un succedersi di litigi, promesse,temporanee riconciliazioni e nuovi contrasti si arriverà

all’ineluttabile necessità di divorziare. A questo punto ,attraverso una bizzarra quanto imprevista (e improbabile) macchinazione,la vicenda prende un tono diverso, meno concitato e più elegiaco:lei pellegrina perché cacciata di casa, lui più tormentato e ragionevole. Si arriverà comunque al lieto fine e alla riconciliazione.

 

Il Marito Giocatore e la Moglie Bacchettona è da ritenersi l’espressione più alta e di maggior successo di un Intermezzo prima della Serva Padrona pergolesiana.

ingresso euro 10,00 info 0922949579 (botteghino teatro) 0922945583 (associazione) tutte le informazioni sugli artisti e gli spettacoli sul sito www.associazionemusicalerossini.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl