MILANO: Turandot, Bis a fine opera !!!

Turandot al Rosetum di Milano IL PUBBLICO PRETENDE IL BIS ANCHE AD OPERA CONCLUSA Un teatro esaurito da una settimana accoglie con ovazioni la Principessa di Anna Maria Caruso e non lascia il teatro a fine opera costringendo il tenore Kim Choong Sik a bissare "Nessun dorma" - Eccellente prova di tutti gli artisti - Resterà negli annali del teatro milanese come un evento storico: l'altra sera al termine della "prima" di "Turandot" di Puccini al Teatro Rosetum di Milano, il pubblico che aveva occupato ogni angolo del teatro anche su "sedie" aggiunte, non si è allontanato.

15/mar/2008 18.20.00 Daniele Rubboli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
Turandot al Rosetum di Milano
IL PUBBLICO PRETENDE IL BIS
ANCHE AD OPERA CONCLUSA
Un teatro esaurito da una settimana accoglie con ovazioni la Principessa di Anna Maria Caruso e non lascia il teatro a fine opera costringendo il tenore Kim Choong Sik a bissare "Nessun dorma" - Eccellente prova di tutti gli artisti -
Resterà negli annali del teatro milanese come un evento storico: l'altra sera al termine della "prima" di "Turandot" di Puccini al Teatro Rosetum di Milano, il pubblico che aveva occupato ogni angolo del teatro anche su "sedie" aggiunte, non si è allontanato.
Dopo aver chiamato artisti, balletto e coro al proscenio per sette volte, ha preteso a gran voce il bis del "Nessun dorma" che durante la recita il tenore Kim Choong Sik aveva negato, anche per volere del direttore musicale Luis Baragiola.
Sik ha così bissato la celebre romanza, con il Coro Rosetum diretto da Debora Mori, ripetendo il suo atletico finale che nella storia del melodramma supera in luminosità e tenuta quelli di Filippeschi, Del Monaco e Pavarotti, facendo ricordare l'impeto di Franco Corelli.
Tenore capace anche di interpretazione sobria e meditata, Kim Choong Sik sarà a maggio al Comunale di Forlì, sempre con la regia di Daniele Rubboli che lo ha portato al debutto in "Turandot", nel ruolo di Manrico nel "Trovatore" di Verdi.
Anna Maria Caruso, artista di Brescia in rapida ascesa, è stata una Principessa di grande statura artistica: glaciale nel portamento come nella voce, con una lama vocale tagliente come un laser, ha ben meritato le ovazioni del pubblico a fine spettacolo.
La debuttante Liu' di Rossana Cardia, soprano di Cagliari di bella presenza e intensa partecipazione vocale, ha superato questo battesimo teatrale con un successo personale al fianco del poderoso Timur di Andrea Mastroni.
Con loro un trio di maschere da manuale, divertenti pur nella loro tragica missione: Andrea Bragiotto, Giovanni Maini e il debuttante Simone Tansini, emergente baritono di Piacenza dal grande futuro.
Ma ci sono state ovazioni anche per l'Imperatore del tenore argentino Pablo Karaman, bella voce e dizione perfetta, che ha scandito ogni sillaba del proprio ruolo come mai si era potuto ascoltare in teatro, mentre il debuttante Stefano Carlucci, di soli vent'anni, è stato un Mandarino autorevole e meritevole di attenzione.
Le danzatrici e le comparse della scuola di danza di Walter Panzetti hanno dato sali e spezie allo spettacolo, ricco nella scenografia di Ermete Tazzioli e nei costumi di Angaroni&Ciapessoni. 
Puntuale la collaborazione del coro e appassionata la direzione musicale di Luis Baragiola.
Daniele Rubboli, regista e direttore artistico del Rosetum, ha firmato così un altro successo per il teatro di via Pisanello 1 dove davvero la Milano-lirica può godere di una seria alternativa alla grande stagione scaligera, evitando le brutture proposte da gruppi di avventurieri che infestano il mercato musicale ambrosiano.
------------------------------------------------ 
Centro Culturale Artistico Rosetum
tel 02.48707203
Allegata foto soprano di Brescia ANNA MARIA CARUSO
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl