LA KABAIWANSKA ONORA SERAFIN A CAVARZERE

LA KABAIWANSKA ONORA SERAFIN A CAVARZERE Cavarzere: festa grande della musica IL NUOVO TEATRO " TULLIO SERAFIN " INAUGURATO DA RAINA KABAIWANSKA Festa grande della musica a Cavarzere di Venezia dove il mitico soprano bulgaro Raina Kabaiwanska, da decenni stabilitasi in Italia dove vive con la famiglia a Modena, è stata l'acclamata madrina all'inaugurazione del Teatro Tullio Serafin.

19/ott/2008 09.43.06 Daniele Rubboli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
Cavarzere: festa grande della musica
IL NUOVO TEATRO " TULLIO SERAFIN "
INAUGURATO DA RAINA KABAIWANSKA
Festa grande della musica a Cavarzere di Venezia dove il mitico soprano bulgaro Raina Kabaiwanska, da decenni stabilitasi in Italia dove vive con la famiglia a Modena, è stata l'acclamata madrina all'inaugurazione del Teatro Tullio Serafin.
Nato nel 1878, questo gioiello della Belle Epoque, che domina il centro della città veneta, era da molti anni diventato fatiscente.
Dopo lavori iniziati e interrotti durante l'alternarsi di diverse amministrazioni comunali, l'attuale giunta presieduta dal Sindaco Per Luigi Parisotti, con l'assessore alla cultura Enzo Salmaso e l'appassionata partecipazione del Presidente del Consiglio Comunale Maurizio Braga, hanno portato a termine il restauro, con un recupero prezioso realizzato dall'architetto Eva Caporrella.
Il nuovo teatro è stato intitolato al grande direttore d'orchestra Tullio Serafin, nato e sepolto a Rottanova di Cavarzere, che vide la luce in quel 1878 in cui il teatro pure nasceva alla vita.
Due gli spettacoli che hanno festeggiato l'evento nello stesso venerdì 17 ottobre.
Alle ore 18, dopo il taglio del nastro affidato a Raina Kabaiwanska, sono seguiti i discorsi ufficiali degli amministratori locali, provinciali e regionali, nonchè delle rappresentanze delle città gemellate di Settimo Torinese e Cassino.
Poi la parola è passata al musicologo Daniele Rubboli, che da vent'anni onora Serafin a Cavarzere con i suoi spettacoli, che ha presentato l'Ensemble Salotto '800 di Paolo Marcarini, diretto dall'ottimo Vito Lombardi dell'Arena di Verona, che ha dato l'avvio musicale al teatro eseguendo, come ringraziamento, il "Te Deum" di Charpentier. Augurando al teatro poi di camminare a lungo e trionfalmente, Rubboli ha fatto eseguire la "Marcia di Radezsky" tra il tripudio generale, cui sono seguiti il Can Can, ballo tipico della Belle Epoque e un'antologia di "Brindisi".
Alle ore 21 altro spettacolo offerto al pubblico che ha affollato il teatro, con Rubboli che ha invitato Raina Kabaiwanska ad essere la prima voce a risuonare in quel teatro.
Così con l'interpretazione da brivido di "Io son l'umile ancella" dall'"Adriana Lecouvreur" di Cilea, il sublime soprano ha emozionato il pubblico che l'ha salutata con una interminabile ovazione.
Il resto del concerto, tutto legato alla vita e alla carriera di Serafin ed agli anni di vivace attività di quel teatro che fu davvero un centro di cultura e divertimento per Cavarzere, è stato poi affidato a tre talenti della lirica italiana di oggi.
Sempre con la intensa direzione d'orchestra di Vito Lombardi, i preziosi solisti dell'Ensemble Salotto '800 hanno accompagnato il soprano Antonella De Chiara, di Salerno che dopo essere stata, la scorsa primavera, protagonista della "Boheme" alla Fenice di Venezia, è attesa oggi nello stesso ruolo al San Carlo di Napoli. Cantante di grande intelligenza e luminosa vocalità, la De Chiara ha reso omaggio anche ad Evemero Nardella, musicista napoletano nato lui pure nel 1878, interpretando, tra le varie aria d'opera, la sua canzone piu' bella "Chiove".
L'arte veneta era ben rappresentata dal tenore padovano Maurizio Saltarin, in serata di grazia, come sempre lo abbiamo ascoltato negli ultimi anni. A lui anche l'acuto finale della serata con un elettrizzante "Nessun dorma".
Prolungati applausi anche per il magnifico baritono perugino Giulio Boschetti, il piu' interessante talento musicale rivelatosi nel panorama lirico italiano in questo 2008.
I festeggiamenti del nuovo teatro proseguiranno tra balletti, commedie dialettali e concerti fino al 31 ottobre.
-------------------------------------------------------------------- 
Con preghiera di pubblicazione: tel 0426.52821 (Laila Tosin: Ufficio Cultura) 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl