Lettera aperta di Zecchillo al Maestro Palumbo

06/mag/2004 16.07.39 Giuseppe Zecchillo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Invia le risposte alla mia casella di posta elettronica 
Rispondi
Consiglia  Messaggio 1 di 41 nella discussione 
Da: Soprannome MSNZecchillo  (Messaggio originale) Inviato: 29/04/2004 17.12
LETTERA APERTA AL M.O ENATO PALUMBO
 
GRANDE TALENTO MA ANCHE PERSONALITA' RETTA E CORAGGIOSA
 
Caro Maestro,
ben vengano i musicisti come Lei.
Sono decenni che mi batto per affermare gli stessi princìpi che Lei enuncia nella sua intervista (rilasciata a Valerio Cappelli per Amadeus - aprile 2004): la collaborazione fra direttore d'orchestra e regista nel rispetto delle intenzioni dell'autore di ogni opera lirica; la critica, che dovrebbe essere meno settaria e più obiettiva, rispettando comunque il lavoro di coloro che eseguono l'opera; la competenza delle voci (che universalmente Le riconoscono, ma che purtroppo non tutti i direttori d'orchestra possiedono come dovrebbero); la lungaggine, a volte eccessiva, delle prove nei teatri italiani - con conseguente spreco di tempo e di danaro, aggiungo io, che potrebbe essere coperto da più recite a vantaggio del pubblico e degli stessi artisti - e infine la disponibilità verso i cantanti, per i quali il direttore d'orchestra non deve essere lo "spauracchio"...né il "dittatore", ma il loro conduttore.
Non posso che farLe i complimenti, non solo per il suo grande talento, ma anche perché dimostra, con la sua sincerità, di amare il teatro; cosa purtroppo assai rara ai giorni nostri, in cui l'opportunismo sembra imperare a scapito dell'arte e della musica. Mi auguro che il suo esempio venga emulato anche dai cantanti, i quali - spesso spaventati da una dirigenza moralmente disinvolta - perdono, in molti casi, il coraggio di difendere il teatro e la loro dignità professionale.
Ho avuto occasione di sentirLa in alcuni spettacoli e devo confessare che sono rimasto incantato dalla sua naturalezza, dal suo modo di sentire e soprattutto dalla sua attenzione verso il palcoscenico, sostenendo i cantanti nel loro lavoro intenso e faticoso.
Grazie, anche a nome degli aristi che ho l'onore di rappresentare.
 
Giuseppe Zecchill - Segretario nazionale S.N.A.A.L.

Errore Apertura DB
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl