I: COSTA SMERALDA: LA CALLAS BATTE LA MONROO

controtendenza, ha ospitato due spettacoli sul mito di Maria Callas della quale,

10/ago/2002 07.08.54 Daniele Rubboli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
----- Original Message -----
Sent: Saturday, August 10, 2002 6:45 AM
Subject: I: COSTA SMERALDA: LA CALLAS BATTE LA MONROO


 
comunicato stampa
con preghiera di ospitalità
dall'ACCADEMIA LIRICA DEL ROTARY INTERNATIONAL . rudan@tiscalinet.it - 02.2842836
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
In Costa Smeralda
LA CALLAS BATTE LA MONROE
 
Mentre ovunque i mass media stanno rilanciando il mito di Marilyn Monroe, Porto Cervo, in perfetta controtendenza, ha ospitato due spettacoli sul mito di Maria Callas della quale, nel prossimo settembre, ricorrono i 25 anni dalla morte.
Un mito, quella del soprano greco-americano rivelata al mondo teatrale dall'Arena di Verona con <La Gioconda> del 1947, che va scavalcando ogni barriera del tempo benchè non abbia il supporto della comunicazione cinematografica e quindi della massiccia e continua presenza televisiva della bionda diva di Hollywood.
Maria Callas, la più straordinaria protagonista del teatro musicale del '900, l'unica diva capace di imporsi alla memoria collettiva anche di chi non ha messo mai piede in un teatro d'opera, è stata ricordata in uno spettacolo scritto e raccontato dal musicologo e operatore teatrale Daniele Rubboli (un modenese da oltre vent'anni residente a Milano), attuale direttore artistico dell'Accademia Lirica del Rotary International i cui artisti sono stati gli acclamati protagonisti delle due serate a Porto Cervo, prima allo storico Yacht Club, poi al fantastico Pevero Golf Club, con un'autentica folla di Vip affascinati dal Mito Callas.
Un mito che, come ha detto Rubboli, è stato costruito in appena 12 anni di carriera, con 44 ruoli cantati in teatro e 4 solo affidati al disco, per non più di 535 recite, piccola cosa se si pensa a soprani che solo di alcuni titoli del proprio repertorio hanno cantato 600 recite.
Rubboli, che a settembre sarà nuovamente in libreria con un suo volume che mette in luce tutta la verità sulla Callas e ne sottolinea il fenomeno anche dal punto di vista culturale, determinando l'importanza storica della sua <rivelazione> interpretativa ( Matteo Ed. di Treviso), ha chiamato a dar voce allo spettacolo in Costa Smeralda due giovanissimi artistici già da maggio in cartellone alla Scala: il soprano Monica Tarone di Cuneo e il tenore Federico Lepre di Udine; con loro il soprano Tiziana Scaciga Della SIlva, autentica rivelazione, che ha dedicato alla Grecia della Callas anche il magico SIrtaki da <Zorba il greco> di Teodorakis, e lo strepitoso basso bergamasco Andrea Patucelli, uno degli emergenti nuovi protagonisti del repertorio brillante per l'opera giocosa di ogni tradizione musicale.
Gli artisti erano accompagnati al pianoforte dal bravissimo maestro Riccardo Leone del Teatro dell'Opera di Cagliari.
Le due serate sono state entrambe organizzate dal campione di Golf Mario Marchesi, commercialista di Milano, presidente dell'Accademia Lirica del Rotary International.
Lo spettacolo va ora in tour per 4 mesi, promuovendo il nuovo libro della Matteo Editori, a disposizione di tutti i club di servizio dei Rotary e dei Lions, delle Associazioni Musicali, delle Biblioteche Italiane.
--------------------------------------
Foto e dettagli
YACHT CLUB di Porto Cervo, Maria Luisa Farris
PEVERO GOLF CLUB di Porto Cervo, sig. Marco
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl