I: Busseto: ricordo di Alberto Carrara Verdi

I: Busseto: ricordo di Alberto Carrara Verdi

07/set/2002 07.05.47 Daniele Rubboli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

da uff. stampa e p.r. ACCADEMIA LIRICA DEL ROTARY INTERNATIONAL di Milano 02.2842836
con preghiera di ospitalità
---------------------------------------------------------------
Al Teatro Verdi di Busseto
<PER IL RE LEAR> UN LIBRO
A RICORDO DELL'ULTIMO NOTAIO
ALBERTO CARRARA VERDI
 
Il sindaco di Busseto Luca Laurini, assieme al direttore dell'Istituto di Studi Verdiani di Parma, Pier Luigi Petrobelli, ha ieri ricordato, a un anno dalla scomparsa, il Dott. Alberto Carrara Verdi, ultimo notaio di Busseto discendente, in linea diretta da Angiolo Carrara, notaio di Giuseppe Verdi il cui figlio, Alberto, nel 1878, aveva sposato Maria Filomena Verdi, cugina, poi figlia adottiva ed erede universale del grande musicista parmigiano.
Dalla loro unione nascerà Angiolo Carrara Verdi (il doppio cognome fu concesso con Regio Decreto nel 1928) il quale, notaio lui pure in Busseto, sposa Mercedes, madre di Alberto Carrara Verdi che ha presieduto l'Istituto di Studi Verdiani dal1985 fino alla morte che lo ha colto lo scorso anno, durante le celebrazioni del Centenario di Verdi, a 77 anni.
Con lui si conclude la generazione dei notai Carrara-Verdi di Busseto.
La famiglia tuttavia continua la propria storia: nella Villa di Sant'Agata, residenza di Giuseppe Verdi e Giuseppina Strepponi, vivono infatti i figli di Alberto Carrara Verdi: Maria Mercedes, Ludovica, Angiolo e la trentenne Emanuela, presidente della società <Villa Verdi>.
In occasione di questo <memento> al teatro di Busseto, dove si è raccolta un'autentica folla composta in gran parte dai rotariani della provincia di Parma, perchè Alberto Carrara Verdi era iscritto al club di Busseto del quale era stato anche presidente, Petrobelli ha presentato anche il gigantesco volume <Per il Re Lear>, raccolta di autografi e loro traduzione degli studi di Giuseppe Verdi e del librettista Somma per il progetto di un'opera, sulla tragedia di Shakespeare, mai poi realizzata.
Il volume, ora in vendita a 65 Euro, è stato curato da Gabriella Carrara Verdi, sorella di Alberto.
                                                       a cura di Daniele Rubboli
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl