I: IL REQUEIM DI BRAHMS

09/giu/2002 13.11.30 Daniele Rubboli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

COMUNICATO STAMPA per e da FAENZA LIRICA - 0546 29988 (Vittorio Berdondini)
-----------------------------------------------------------------------------------------------------
 
A Faenza diretto da Marco Berdondini
APPASSIONANTE RIPROPOSTA
DEL REQUIEM TEDESCO DI BRAHMS
 
Da anni in Italia non si assisteva ad una esecuzione più emozionante di <Ein Deutsches Requiem> (Un Requiem tedesco) di Johannes Brahms.
E' accaduto sabato 8 giugno nella chiesa monumentale di San Francesco a Faenza (Ravenna) con l'autorevolissima direzione di Marco Berdondini e le superlative prove del Coro romeno della Filarmonica di Timisoara, dell'orchestra Pro Arte Marche e dei solisti, l'ottimo basso Alessandro Verducci e il soprano Anna Carnovali la quale, pur nel breve intervento da lei previsto in partitura, ha evidenziato una vocalità di grande interesse per qualità di suono e musicalità.
Una folla rara ha gremito tutta la chiesa per questa iniziativa promossa da <Faenza Lirica> che le ha dato un giusto significato ecumenico, come ha sottolineato, nella presentazione dell'esecuzione, il musicologo Daniele Rubboli.
< Brahms - ha detto Rubboli - non ha fatto un requiem per la liturgia, ma su versetti del vecchio e Nuovo testamento tradotti dal latino in tedesco da Martin Lutero, propone una meditazione sulla morte sottolineandone il dolore, ma anche il trionfo della umana consolazione, in una visione cristiana e quindi sia cattolica sia protestante, che vale quale messaggio universale>.
Marco Berdondini, confermandosi un giovane signore del Golfo Mistico italiano sempre più autorevole, ha dato una lettura appassionata di queste bellissime, ma anche difficilissime pagine della letteratura musicale romantica, giocando magistralmente tra il forte e il piano per realizzare un grande affresco ricco di luci e ombre, in sintonia con quanto aveva concluso Rubboli: < Ascoltare questo requiem ci aiuterà a vivere la comunione dei Santi, quella che ci fa sentire tutti uniti, vivi e presenti in Cristo: noi che siamo visibili e coloro che sono invisibili perchè ci hanno preceduto nell'incontro con la Morte>.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl