Il Duomo di Voghera gremito per il Requiem di Mozart in memoria delle vittime di Nassirya

26/nov/2004 15.44.11 Giovanni Fariello Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Ovazioni per coro, orchestra e solisti sotto la bacchetta di Matteo Beltrami


Un primo minuto di silenzio ha fatto seguito all’inno di Mameli intonato all’inizio della serata per commemorare la stage di Nassirya nel suo primo anniversario; un secondo, commosso minuto di silenzio è stato imposto dal Maestro Matteo Beltrami al termine del Lacrimosa quasi a dire: “ Signori, qui la mano del Maestro si è fermata.”
Hanno fatto seguito le altre parti della messa, completate da Sussmayr sugli appunti di Mozart e al termine un successo immediato e trionfale dei quasi duemila presenti e successivamente della critica del quotidiano cittadino.
Il merito di questo successo va attribuito a tutti nessuno escluso: inappuntabile l’Orchestra Sinfonica G.Gavazzeni e il Coro Antiche Armonie eccellentemente preparato dal Maestro G.Duci.
Il Maestro Matteo Beltrami ha confermato il proprio talento fuori dal comune: un Requiem, il suo, rivelatore, asciutto, essenziale, universale nella sua tragica semplicità.
Assai bravi i quattro solisti ( Fernanda Costa, Kulli Tomingas, Maurizio Minelli, Angelo Lazzari) la cui solida preparazione tecnica ha permesso loro di amalgamarsi perfettamente con l’orchestra nonostante la difficile acustica del Duomo



____________________________________________________________
Libero ADSL: navighi gratis a 1.2 Mega, senza canone e costi di attivazione.
Abbonati subito su http://www.libero.it


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl