Voglia di Pace :i Bambini ercolanesi incontrano quelli israeliani e :Voci di Donne Voci di Pace

manifestazione per la Pace di Ercolano:

14/giu/2005 13.33.57 assgentedel2000 Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
La manifestazione per la Pace di Ercolano:
 
"Voglia di Pace :i Bambini ercolanesi incontrano quelli israeliani e :Voci di Donne Voci di Pace"
 
Venerdì 10 giugno, alle ore 21, si è svolta nella scuola del secondo circolo di Ercolano(Napoli)
 

Al 2° Circolo di Ercolano si è tenuta la manifestazione conclusiva "Voglia di pace: i bambini palestinesi incontrano i bambini israeliani attraverso i coetanei ercolanesi".
Il progetto sviluppato da un idea della Dirigente Scolastica dott.ssa Giovanna Tavani ,è stato coofinanziato dalla comunità europea nell'ambito del Pon misura 3.1 per le zone a massimo rischio di esclusione sociale e culturale. Ercolano e nello specifico il quartiere di Pugliano nel quale è ubicata la scuola, presenta una realtà molto difficile in cui convivono clan camorristici spesso "in conflitto" cruento tra loro. Per questo motivo gli organizzatori hanno deciso di porre l'attenzione sullo scenario di guerra arabo-palestinese, sui diritti negati, "per confrontarlo con il nostro quotidiano e sul ruolo che ognuno riveste per diventare messaggero di pace".

A questo progetto hanno lavorato 50 bambini e 23 mamme che attraverso la navigazione in internet si sono documentati sul conflitto tra Palestina e Israele e sul ruolo delle associazioni pacifiste per poter elaborare delle riflessioni personali e propositive. L'impegno delle mamme e dei bambini ha consentito la realizzazione di:
un cortometraggio realizzato dai bambini "Una speranza in più" che,attraverso un viaggio fantastico, fa un parallelo tra il dolore provocato ai bambini dalla guerra e quello causato dai "bulli di quartiere". Un percorso su binari paralleli che giunge alla stessa conclusione: ricercare atteggiamenti costruttivi nei confronti della pace.
Una rappresentazione teatrale realizzata dai bambini "Guerre parallele" che ha analizzato le problematiche di tre famiglie: palestinese, israeliana ed ercolanese  in "guerra". Culture diverse che, comunque, trovano una chiave unica di speranza per superare le barriere dei conflitti e diffondere suoni di pace.
Un cortometraggio realizzato dalle mamme "Voci di donne voci di pace" che superando i confini simbolici e non della guerra hanno messo a confronto i due mondi (Ercolano - mondo medio orientale) focalizzando l'attenzione sulla frase di Christa Wolf "Tra uccidere e morire esiste una terza via: vivere" più volte messa in evidenza dalle "Donne in nero".
Le mamme in questo cortometraggio hanno voluto porre l'attenzione sul ruolo delle donne che combattono ogni giorno, in tanti modi, la guerra con messaggi e azioni di pace anche a costo della propria vita come per esempio Rachel Corrie: i sogni di pace non si possono spezzare se nel mondo esistono donne ed uomini che trasformano le idee in azioni di pace.
La cantautrice per la pace Agnese Ginocchio ha cantato la storia di Rachel accompagnata dai bambini e dalle mamme, centrando il suo messaggio sulla considerazione che la guerra non può essere accettabile per raggiungere la pace.

Prevista la presenza di  Luisa Morgantini eurodeputato Presidente "Donne in nero"; Nino Daniele, sindaco di Ercolano; la consigliera regionale Luisa Bossa; Angela Cortese, assessore politiche scolastiche, formative e pari opportunità della Provincia di Napoli; Isadora D'Aimmo, assessore alla Pace, immigrazione e cooperazione internazionale della provincia di Napoli; Agnese Ginocchio-cantautrice per la Pace;

Hanno aderito: Alberto Bottino, direttore generale Direzione Scolastica Regionale; Margherita Dini Ciacci-Presidente dell'Unicef

Si ringraziano: I bambini;Il Consiglio di circolo; I docenti;Il personale Ata; Coop. Masaniello mercato dei fiori; Antonio Curzio; Le "Donne in nero" Napoli; Assopace-Napoli; le Associazioni delle Donne di Ercolano;

Durante la manifestazione si è voluto ricordare anche Clementina Cantoni,la volontaria dell'Ass.internazionale ong: Care International, rapita da diverse settimane ,che proprio in questa giornata è stata liberata,alla quale la cantautrice Agnese Ginocchio,alla quale la cantautrice Agnese Ginocchio,ha scritto e dedicato proprio in queste settimane una canzone di Pace .(vedi link:   http://italy.peacelink.org/pace/articles/art_11419.html  )
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl