Caiazzo(Caserta)-Italy Il tredici ottobre del '43 si consumò l'efferata strage in un casolare del Monte Carmignano

Caiazzo(Caserta)-Italy Il tredici ottobre del '43 si consumò l'efferata strage in un casolare del Monte Carmignano

12/ott/2005 18.52.28 assgentedel2000 Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

            Caiazzo(Caserta)-Italy : Il tredici ottobre del ‘43

        in un casolare del Monte Carmignano l’efferata strage

articolo di : " Giuseppe Sangiovanni "
Il tredici ottobre del ‘43 in un casolare del Monte Carmignano l’efferata strage Il tredici ottobre del ‘43 in un casolare del Monte Carmignano l’efferata strage: ventidue civili, uomini, donne e bambini trucidati dal boia nazista Wolfang Lehnigk Emden UNA STRAGE DIMENTICATA Centinaia di milioni spesi per viaggi favolosi nella cittadina tedesca gemellata con Caiazzo, ma dopo sessantuno anni sul luogo dell’eccidio non esiste un sacrario per ricordare il martirio della Marzabotto del Sud Una strage dimenticata, quella compiuta dai tedeschi in un casolare delle campagne di Caiazzo, e precisamente nella frazione San Giovanni e Paolo, la sera del 13 ottobre del 1943. Ventidue le vittime, 4 uomini, 7 donne, 11 bambini d’età compresa tra i 3 e 16 anni: donne, uomini, bambini, tutti trucidati con inaudita violenza per ordine di un giovane sottotenente della Wermacht -29° Panzer Grenadier Regiment, identificato per Wolfang Lehnigk Emden. L’EPIGRAFE DI BENEDETTO CROCE “Presso Caiazzo/nel luogo detto San Giovanni e Paolo/alcune famiglie campagnuole /rifugiate in una stessa casa/furono il 13 ottobre MCMXLIII / fucilate e mitragliate /per ordine /di un giovane ufficiale prussiano/ uomini, donne, infanti/ ventidue umili creature/non d’altro colpevoli / di aver inconscie/ alla domanda dove si trovasse il nemico/additato a lui senz’altro la via/ verso la quale s’erano volti i tedeschi/improvvisario/nelle umane guerre/ma l’atroce presente nemico/dell’umanità. Questa l’epigrafe dettata da Benedetto Croce sulla tomba delle vittime di Monte Carmignano, -dettata due anni dopo la strage nel 1945-su di una lapide collocata nel cimitero di Caiazzo “solo” nel 1968. QUELLA MALEDETTA SERA Sera del 13 ottobre 1943. Le truppe tedesche sono arrivate da cinque giorni. La sede di comando tattico della terza compagnia del 29° reggimento, terza divisione corazzata granatieri si trova presso una casa colonica di Monte Carmignano, nelle vicinanze del fiume Volturno. Alle ore venti scatta la follia, il ventenne sottotenente Wolfang Lehnigk-Emden , insieme a due sottufficiali -Kurt Shuster e Hans Gnass entra nella masseria e avverte il comandante della compagnia, che da una casa vicina stanno facendo segnali luminosi. “Questa gente dovrebbe essere presa e fucilata-dice Emden: il comandante Raschke, gli risponde di non volersi assumere questa responsabilità e si reca alla sede di comando tattico del battaglione. Emden a questo punto assume il comando: con Shuster e Gnass si reca nel casolare da dove erano partiti i segnali, presentandosi come inglese, chiedendo loro notizie circa le posizioni tedesche. E la condanna a morte a questo punto era scattata per gli sfortunati civili, rei di aver indicato la sede di comando tattico della compagnia tedesca. Le sette persone, sono condotte alla sede di comando tattico e fucilate a distanza ravvicinata(due metri). Emden non pago , si reca con altri 4 uomini nell’altro casolare E’ la carneficina. Quindici persone donne e bambini trucidati con modalità allucinanti: con colpi di fucile, di pistola -usate addirittura due bombe a mano. Corpi amputati e violentati con pioli di legno. IL CASOLARE DELLA MORTE Calda è l’aria , un sole timido batte sulle mura di tufo della vecchia masseria: visibili ancora dopo quasi sessanta anni i fori fatti dai colpi di mitragliatrice. Tranquillità e inquietudine miscelate nell’aria ormai contaminata da quella maledetta sera del 13 ottobre del ’43; quella sera sarà scoppiato l’inferno , quest’aia , da teatro di vita (qui si erano consumati come di usanza conviti nuziali)- trasformata da cattivissimi scenografi a teatro di morte. Una morte giunta improvvisa, inaspettata, strazio e crudeltà inimmaginabili: donne e bambini violentati e mutilati con furia inaudita, una dinamica dei fatti oscura, che pone interrogativi che potrebbero aver scatenato una reazione -risposta cosi dura: ventilato tradimento o l’uccisione di un tedesco, mai giustificheranno l’efferata strage della Marzabotto del sud. QUEL MASSACRO IN PRESCRIZIONE I responsabili dell’eccidio furono individuati, ma riuscirono a farla franca. Carteggi “scomparsi”- tirati fuori dopo mezzo secolo, per merito di Josepf Agnone, un’italo americano-che dopo ricerche durate anni riuscì nel 1993 a fare arrestare i responsabili della strage. Nel 1994 a Santa Maria Capua Vetere, un processo platonico condannò all’ergastolo il boia di Caiazzo. Nel 1995 a Caiazzo, la Marzabotto del Sud , piomba come un macigno dalla Germania la notizia che la Cassazione ha decretato la prescrizione del reato di strage per l’ex sottotenente della Werhrmacht che ordinò il massacro di 22 innocenti il 13 ottobre del ’43: una pietra tombale messa sopra al massacro dalla Cassazione tedesca. Reato prescritto , per l’ex tenentino Emden- divenuto rispettabile imprenditore-architetto, paradossalmente presidente del locale comitato per le feste di Carnevale, “il boia della strage”. Verità nascoste per troppi, tanti anni. Cinquant’anni. STRAGE DIMENTICATA Una strage dimenticata da tutti, caduta nell’oblio. La barbarie ricordata con un gemellaggio con la città del boia- voluto da un ex sindaco di Caiazzo- nato per riflettere insieme sulla guerra, in realtà servito ai delfini dell’amministrazione comunale per rilassanti gite in Germania. Amministrazioni degli ultimi dieci anni , che oltre i censurabili passaggi televisivi, bell’evidenza sui giornali, commemorazioni e celebrazioni promozionali, non sono andate: solo tanta e tristissima pubblicità, figlia del dolore- rincorsa per ricordare quelle povere vittime. Strage dimenticata, perché prima del gemellaggio con Ochtendung, che ha dato i natali al boia, prima degli scambi culturali,di cortesia, ospitalità e doni con i cittadini e borgomastri succedutisi, le amministrazioni comunali di Caiazzo, avrebbero dovuto ricordare l’eccidio con un degno sacrario, un museo per non dimenticare quel sacrificio umano, da costruire sul luogo della strage. Si deve al parroco di San Giovanni e Paolo, il solo, unico segno di quel triste evento: una croce per deporre un fiore. Un obbligo morale, quello di ricordare le vittime, con un monumento anche semplice: un simbolo. Non il fantomatico museo e parco attrezzato presente nei mega progetti di amministratori a caccia di utopie.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl