Provincia Caserta-Agnese Ginocchio premio Benemerenza per la Pace -Cultura per la Pace e la Legalità

Provincia Caserta-Agnese Ginocchio premio Benemerenza per la Pace -Cultura per la Pace e la Legalità var idintervallo; var activebar; var actualdid; var doclist=new Array(); doclist=[]; var did=4405152; var didslist; function naviga(){ if (document.getElementById("navbarsingle")){ if (doclist.length0){ showbar(); actualdid=did; docindex=getdocnum(actualdid); updatenavbaruno(docindex) } } } function getdocnum(did) { var i; for (i=0;i _uacct = "UA-209263-3"; urchinTracker(); da redazione movimento per la Pace (sezione provinciale) Cultura per la Pace e la Legalità Alla cantautrice della Pace Agnese Ginocchio il conferimento Premio Benemerenza con la seguente motivazione: "Un solo obiettivo:Pace"Premio che dedica al "Centro disabili Simona Carratù di Aversa"(Ce).

26/ott/2006 15.20.00 assgentedel2000 Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 
da redazione movimento per la Pace (sezione provinciale)
 Cultura per la Pace e la Legalità
 

Alla cantautrice della Pace Agnese Ginocchio il conferimento Premio Benemerenza con la seguente motivazione: "Un solo obiettivo:Pace"

Premio che dedica  al 'Centro disabili Simona Carratù di Aversa'

(Ce). Manifestazione  dell'Ass. Deasport onlus : 'Legalità è Pace' del 15 ottobre 2006 Bellona(Caserta) www.deasport.it ;

 

La manifestazione anticamorra che negli anni precedenti veniva chiamata 'Legalità e altro...', da quest'anno ha assunto una nuova denominazione. Appuntamento a Bellona, la Città dei 54 Martiri per la Pace e la Libertà, il 15 ottobre.

 

Donne per la Pace(Agnese Ginocchio) e Donne coraggio( Silvana Fucito) premiate Benemerite per la Pace e la Legalità

Premio Benemerenza per la Pace

Foto autore: Andrea Pioltini

Agnese  Ginocchio riceve il premio di Benemerenza per la Pace dalla presidente del comitato Unicef Caserta dott.ssa Emilia Narciso. A dx Franco Falco, presidente dell' Ass.onlus Dea sport di Bellona(Ce) , organizzatore dell'importante evento
(Foto autore: Andrea Pioltini

 

Bellona, la Città dei 54 Martiri per la Pace e la Libertà che lo scorso 7 ottobre 2006 ha rinnovato la memoria di dei cittadini che morirono nel 1943 per una feroce rappresaglia nazista, a distanza di una settimana vedrà realizzarsi ancora un altro evento che ha varcato i confini provinciali e regionali, assumendo la dimensione a carattere nazionale.
Si tratta della manifestazione “Legalità è Pace”, giunta alla sua sesta edizione, promossa da una benemerita associazione locale, la Deasport (presidente Francesco Falco), conosciuta in ambito nazionale per l'impegno sociale, sportivo, umanitario e solidale.
Lo slogan ideato dagli organizzatori, così recita: “Nella speranza di riuscire a convincere almeno una sola persona ad abbandonare l’omertà”.
L'importante manifestazione, che ha avuto il patrocinio della presidenza del senato della repubblica italiana, provincia di Caserta, Regione Campania, città di Bellona, città di Capua e Unicef, ha visto il conferimento di attestati di benemerenza a cittadini e associazioni che si sono distinti nella società e che sono stati di esempio per le azioni positive svolte a servizio della Pace e della legalità.
Scopo della manifestazione, che si è svolta il 15 ottobre 2006, è stato  quello di voler indicare e spronare l’opinione pubblica a partecipare alla vita attiva nella società, a prendere coscienza delle proprie responsabilità, capire il valore del sentirsi membri della cittadinanza e lavorare così per il bene comune e per la Pace, allontanando le azioni di illegalità, di violenza e di disordine.
La manifestazione anticamorra che negli anni precedenti veniva chiamata "Legalità e altro...", da quest'anno ha assunto una nuova denominazione e cioè "Legalità e Pace". E' stato infatti pensato di associare accanto al valore della Legalità, anche quello della Pace, non solo perchè i due valori camminano insieme e sono strettamente collegati fra se (senza Legalità non c'è Pace e viceversa), ma perchè proprio quest'anno la commissione della Deasport ha deliberato di proporre per il conferimento delle benemerenze fra i nominativi, anche alcune persone particolarmente distintesi per il loro impegno per la Pace.
Fra queste la scelta e l'attenzione è ricaduta sul nome di un noto personaggio, ormai conosciuto in Italia per il suo costante impegno per la Pace (alias la sua musica d'impegno per la pace). Si tratta della cantautrice per la Pace Agnese Ginocchio, membro e rappresentante del movimento per la Pace, definita da molti la Joan Baez della Pace.
E' stata proprio la presenza di Agnese a spingere l'organizzazione a dare il titolo finale alla manifestazione di quest'anno, giunta alla sua sesta edizione.
La cantautrice, grata a Franco Falco presidente della Deasport e all' intera organizzazione per il conferimento ricevuto, ha augurato all'Associazione umanitaria onlus un proficuo cammino all'insegna della Pace e della Legalità, non dimenticando mai di sostenere chi è meno fortunato di noi in questo mondo.
Pace è Legalità si costruiscono sulle basi della giustizia, nel rispetto della democrazia, svolgendo azioni concrete di solidarietà, difendendo i diritti umani a partire dai diritti dell'infanzia, cercando di essere Voce che grida contro le ingiustizie, le guerre e i soprusi nel mondo e cercando di alleviare le sofferenze dell'umanità, a cominciare dai più poveri, soli, emarginati, malati ed indifesi. Avere dunque un occhio al vicino e uno al lontano, questo è lo spirito del vero costruttore della Pace, del seminatore di speranza e dell'infaticabile provocatore di nonviolenza.
In questo contesto Agnese ha elevato un particolare pensiero dedicando questo conferimento di benemerenza a quelle persone che dal basso e nel nascondimento si impegnano ogni giorno per la costruzione di Pace e Giustizia nel mondo, e, che inoltre si impegnano per la difesa dei diritti umani, in quanto diritti della Pace. Fra queste persone, Agnese ha fatto sapere tramite la giornalista Lucia Vagliviello, di volere dedicare questo premio in particolare, agli amici del Centro disabili Simona Carratù di Aversa(Ce), che da anni lottano per un diritto fondamentale: il diritto a vivere nel loro disagio una vita dignitosa. "Non è giusto lasciarli soli. Non devono sentirsi diversi o provare vergogna per il loro handicap, ma al contrario, devono sentirsi accettati e amati. Loro più di noi tutti ci insegnano una grande lezione di vita, quella di andare oltre le barriere e i limiti umani, lottando per un sogno di vita e di speranza. La loro dunque è una grande testimonianza di Pace. Ce ne vogliono di persone così nel mondo, ce ne vogliono perchè attraverso loro abbiamo la capacità di fermarci, di riflettere sulle nostre azione e di imparare il valore della solidarietà. Auguro agli amici del centro Carratù di Aversa di non desistere, di continuare la battaglia, affinchè il sole della speranza possa tornare a risplendere nei loro cuori".
Domenica 15 ottobre 2006, alle ore 19,00, nell’Aula Consiliare della Città di Bellona (Caserta), la manifestazione ha avuto inizio con la presenza di emerite personalità dei diversi settori della comunità provinciale e regionale, come: d. Luigi Merola prete anticamorra di Forcella; Rosario De Julio - Consigliere della Suprema Corte di Cassazione - Roma; Giuliana Ruggiero - Scienze del Servizio Sociale; Alessandro Di Nardo - Giudice di Pace in Cassino; Michele Spina - Docente Diritto Penale Militare Università Federico II - Napoli; Enrico Milani - Assessore alla Pubblica Istruzione ed al Lavoro provincia di Caserta; Lucia Esposito- Assessore alla Legalità, Trasparenza e all'Università provincia di Caserta; On. Americo Porfidia - Membro Commissione Affari Sociali Camera dei Deputati; Silvana Fucito (altra premiata), presidente dell’Associazione Anticamorra “Donna Coraggio” di “San Giovanni” di Napoli ed Emilia Narciso, presidente del Comitato Provinciale di Caserta per l’UNICEF. E proprio la presidente del comitato Unicef provinciale Unicef Caserta dott. ssa Emilia Narciso, è stata l' incaricata dall'organizzazione, dopo che la prof.ssa Antonietta Falco ha letto una sintesi del curriculum di Agnese, a conferire il premio di Benemerenza  per la Pace alla cantautrice per la pace. Si ricorda che sempre in merito al suo costante impegno per la Pace, la cantautrice Agnese Ginocchio, ricevette qualche mese fa un altro importante riconoscimento ( medaglia oro e pergamena) che gli fu conferito dalla presidente del comitato regionale Unicef Campania e vice presidente comitato nazionale, la dott.ssa Margherita Dini Ciacci.  L’impegno costante della cantautrice per la Pace è stato notato ed apprezzato da molte istituzioni e autorità nazionali e provinciali, fra cui lo stesso vescovo di Caserta Mons. Raffaele Nogaro, il vescovo di Alife mons. Pietro Farina; il vescovo di Capua, mons. Bruno Schettino; il presidente della provincia di Caserta on. Sandro De Franciscis; Il presidente dell’Associazione culturale United Artist for Peace, promotore del festival internazionale per la Pace di Assisi, Sergio Onofri; il presidente dell’Associazione Dea Sport Onlus, Francesco Falco e la presidentessa dell’Unicef Campania Margherita Dini Ciacci; la dott.ssa Giovanna Tavani, dirigente scolastica  del 2° circolo didattico F. Giampaglia di Ercolano(Napoli), una delle prime scuole in Italia premiate, scuole per la Pace, dal presidente della repubblica italiana.


Redazione Pace :www.agneseginocchio.it


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl