DA ALL MUSIC AL RISING MUTINY: ANCORA GRANDE MUSICA CON PIER CORTESE

DA ALL MUSIC AL RISING MUTINY: ANCORA GRANDE MUSICA CON PIER CORTESE Il pop acustico sperimentale di Pier Cortese arriva al Rising Mutiny sabato 14 febbraio a partire dalle ore 22,30.

11/feb/2009 13.49.23 Chiara Benincasa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il pop acustico sperimentale di Pier Cortese arriva al Rising Mutiny sabato 14 febbraio a partire dalle ore 22,30. Pier Cortese, romano, classe 1977, vive innanzitutto la musica come una passione assoluta, un modo per vedere la realtà, per cantarla attraverso il quotidiano, per renderla filastrocca o racconto toccante. Uno stile fatto di leggerezza, forse; mai di superficialità.

 

In questo viaggio si è trovato non per caso, ma per scelta, scoprendo improvvisamente di avere un talento per le note, per le melodie. Il suo gusto è sempre stato onnivoro, con un interesse inedito, almeno in Italia, per la struttura dei pezzi, per le armonie piuttosto che per la semplicità fine a se stessa. Senza un mito particolare, Pier si è messo a suonare tanto Jeff Buckley, quanto il pop italiano; per lui le note si possono nascondere dietro a un colore, un sapore, qualcosa di paesaggistico o di emozionale più che ad un personaggio.

 

Per dieci anni ci sono stati la scoperta, notturna, dei locali della sua città, i contatti con Max Gazzé, l’apprezzamento della scena giovane maggiormente legata alle parole ed alla rappresentazione minimale della vita. Partecipare ai concorsi, vincerli (il Giffoni Music Concept, il Musicultura di Recanati…), avvicinarsi a piccole etichette, non del tutto soddisfacenti, per diversi motivi: è stato questo il percorso di apprendistato di un personaggio curioso di tutto ciò che gli vive di fianco. Un singolo per BMG, nel 1999 (Il clown), l’anno successivo l’apertura ai concerti del trio Consoli-Gazzè-Turci, e poi un rovistare nella propria creatività. Fino all’arrivo in Universal, dopo altre avventure e un continuo lavoro dal vivo, con amici come Marco Fabi e Simone Cristicchi, con cui ha condiviso spesso palchi e presenze nei club della capitale.

 

Nel settembre del 2006 è arrivato Contraddizioni. Un disco che parte da lontano, raccoglie dieci anni di storia personale dell’artista e ne fa un sunto, se vogliamo, tutt’altro che divagante. Sono pezzi che ripercorrono una strada avventurosa, ben lungi dall’essersi esaurita. Grazie a questo lavoro, il suo autore si è aggiudicato il premio Mia Martini 2006, nella categoria Miglior artista esordiente.

 

Su All Music tutte le settimane presenta Stelle & Padelle, il format “gastro-psicologico” prodotto da Digital Magics che ritrae i divi della musica attraverso una chiave di lettura nuova e colinvolgente.

 

 

 

Tutto questo, e molto altro ancora, è il Rising Mutiny di Napoli.

 

 

 

Per info:

Chiara Benincasa – Ufficio Stampa

c.benincasa@benincasacomunicazione.com

Tel.347/7679780

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl