Viaggi e Intemperi: Filippo Graziani canta Ivan Graziani. Il tour arriva a Milano e Torino

31/mar/2010 16.33.24 Stefania Schintu Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Cresce l'interesse attorno allo spettacolo dei figli di Ivan Graziani, Filippo (voce e chitarra) e Tommy (batteria) con la regia di Pepi Morgia che è in arrivo nelle principali città italiane. I due ragazzi, entrambi musicisti professionisti, hanno deciso di scavare tra i brani celebri (ma anche quelli meno conosciuti) del padre e portare così avanti la "bottega" di famiglia.

31/03/2010 - “Viaggi e intemperie” - l'avventura di Filippo e Tommy Graziani nell'eredità musicale di Ivan cantautore e padre – arriva a Milano, al Teatro Blu, il prossimo giovedì 8 aprile (Via Cagliero 26, ingresso € 15,00) e a Torino, alla Maison Musique, martedì 13 aprile (Via Rosta 23, Rivoli, ingresso € 10,00). Lo spettacolo si avvale della regia di Pepi Morgia, che lo definisce un caleidoscopio di ricordi, ma anche di emozioni, che arrivano dritte al pubblico.

Un concerto particolare sin dal principio, con un’apertura affidata ad un brano che si intitola “Chiusura”. Può sembrare un controsenso, è invece il modo – come recita il testo – di segnare subito “il confine fra i sogni e la realtà”. Parte così, con un pezzo del ’73 contenuto nell’album di esordio di Ivan Graziani (La città che vorrei) lo spettacolo-avventura dove si intrecciano nomi, persone, luoghi, emozioni e ricordi per riscoprire da un altro punto di vista le sue canzoni.
Sul palco oltre ai figli del cantautore abruzzese scomparso 12 anni fa, Filippo voce e chitarra e Tommy alla batteria, anche due musicisti che hanno accompagnato Ivan in diverse tournée: alla chitarra solista Bip Gismondi e alle tastiere Carlo Simonari. Le linee di basso sono affidate, invece, a Marco Battistini che assieme a Filippo e Tommy formano i Carnera.
“E’ una cosa indescrivibile. – ha detto Filippo Graziani - Questa estate, per caso, abbiamo trovato una scaletta scritta di pugno da papà, non sappiamo né di che concerto, né di quando sia. Ci abbiamo pensato molto. A volte nella vita ci vogliono delle "molle" per far scattare qualcosa. La vita è un viaggio e ci sono anche delle intemperie, chi può negarlo... Abbiamo sentito la voglia di riproporre questi brani. E' una grossa responsabilità. Il tempo era quello giusto…”. Si va da “Taglia la testa al gallo” a “Fuoco sulla collina”; passando per “I lupi”, “Prudenza mai”, “Pigro” e “Il chitarrista”. Poi, in acustico, i brani che Filippo definisce “i miei preferiti”: “Motocross”, “Gabriele d'Annunzio” e “Paolina”. La band rientra e il viaggio prosegue attraverso “Agnese”; “Ballata per 4 stagioni”, Dottor Jeckill mister Hide”, “Un uomo” e “Fango”. Filippo e Tommy non si fermano ai successi, vanno oltre, con quello che viene definito “un omaggio nell'omaggio”, quello del periodo beat anni 60, quello dell'Anonima Sound: “Parla tu”, “L'amore mio l’amore tuo”, “Dada” e “Monnalisa”.
“Viaggi e intemperie” è molto più di un semplice omaggio ad un grande artista ma “è il modo – dice Filippo Graziani – per poter unire due mondi: il mio, che ho condiviso musicalmente da 10 anni con Tommaso e Marco; e quello di mio padre, Carlo e Beppe (componenti della band storica di Ivan, ndr)”.
E se sul fronte del palco c’è Filippo, alle sue spalle, a scandire i ritmi rock della musica di Ivan, Tommy, batterista di esperienza che ricorda quel tour del ‘96 “quando mio padre mi volle a suonare con sé nonostante fossi giovane ed inesperto”. “Ora – spiega – davanti a me c’è Filippo. E’ una sensazione bella quanto strana vederlo lì al posto di papà… abbiamo suonato molte volte insieme ma questa volta sarà ogni volta emotivamente coinvolgente”.
Strade che si incrociano fino ad unirsi perfettamente in capolavori come “Lugano Addio”, “Il mio cerchio azzurro” (dedicata alla mamma, Anna Graziani) e Firenze.
Ad amplificare le suggestioni musicali, una scenografia molto particolare che vede installazioni di video arte di Davide "ERON” Salvadei, noto esponente riminese della street art internazionale.

Il concerto di Milano a IVAN GRAZIANI è un progetto dell’ASSOCIAZIONE CULTURALE PIGRO cui ha aderito “L’ISOLA”, periodico di musica d’autore, in procinto di varare il suo nuovo assetto editoriale presso un nuovo circuito distributivo, mirato a “rimettere in circolo la musica”.
Il patrocinio de L’ISOLA alla serata si colloca nel doppio binario dell’appassionata attenzione con cui la testata favorisce, condivide e segue il percorso di nuovi talenti musicali e il riconoscimento e l’affetto che i grandi artisti, protagonisti della canzone italiana, meritano per averne fatto un diffuso linguaggio di arte popolare.
La serata si avvale della collaborazione del “Teatro Blu”.


Giovedì 8 aprile 2010, ore 21.00
TEATRO BLU
Via Cagliero, 26 – MILANO
INFO: Tel. 0362/328369 - € 15,00

martedì 13 aprile 2010, ore 22.00
MAISON MUSIQUE
Via Rosta, 23 - 10098 RIVOLI - TORINO
INFO: tel. 011/537636 - € 10,00
•www.maisonmusique.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl