MAMBASSA E GRANDE JAZZ AL DIAVOLO ROSSO

più efficace e si consolida definitivamente con i concerti di supporto a parte

Allegati

30/gen/2005 10.10.04 L'altoparlante diffusione di notizie e suoni Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

 
 
 
ASTI- Piazza San Martino, 4 (ex chiesa di San Michele) - INFO +39 0141.355.699 
 
www.diavolorosso.it
  
 
Giovedì 3 Mambassa

 

L’album omonimo,uscitO il 22 ottobre 2004, è il quarto ufficiale della band piemontese e arriva dopo l’EP “Il cronista e altre storie” pubblicato da Mescal nel 2003.L’asse portante della band è sempre costituita da Stefano Sardo e Fabrizio Napoli, che hanno fondato la band a Bra (CN) nel 1995.Il loro percorso di crescita li ha portati dallo svezzamento di “Umore blu neon”, passando per la tappa travagliata di “2M”, fino alla maturità di “Mi manca chiunque” (anche questi due album sono stati pubblicati dall’etichetta di Nizza Monferrato).Tra date e reading (Stefano Sardo ha pubblicato un romanzo - L’America delle Kessler - e scrive sceneggiature)la formazione si compatta di mese in mese, il live diventa sempre più efficace e si consolida definitivamente con i concerti di supporto a parte delle date del tour trionfale dei Subsonica (2003). La svolta definitiva in studio avviene grazie a Davey Ray Moor, conosciuto in tour con CristinaDonà, con cui la band condivide il palco del “Giffoni Film Festival”.I Mambassa con Davey Ray Moor alla produzione trovano la dimensione lavorativa congeniale e sfornano il loro disco più adulto e sorprendente. La sezione ritmica è potente e sensuale ; le chitarre graffiano e accarezzano dove serve ; Stefano Sardo canta come non ha mai cantato : la sua voce scandisce le liriche in faccia all’ascoltatore, senza mediazioni. www.mambassa.com

 

Venerdì 4 P. A. F. Trio: Paolo Fresu Furio di Castri Antonello Salis

 

 

Paolo Fresu : tromba, flicorno e multieffetti, Furio di Castri : contrabbasso, Antonello Salis : pianoforte e fisarmonica. C'è molto Mediterraneo possibile nella proposta di questo trio: quello incredibilmente «naturale» di Fresu , quello della maturità e della possenza del metronomico cuore ritmico di Furio Di Castri e quello della vulcanicità e dell'ebbrezza di Antonello Salis . L'evento live è forse quello migliore per poter analizzare il perfetto interplay messo in gioco dal trio. Il gruppo presenta l'ultimo lavoro discografico, edito per la francese Label Bleu: Morph . Ingressi 10 euro, 8 euro soci.

 

 

Domenica 6 Fabio Gaucino

 

Il concerto di Fabio Gaucino stupisce per la sonorità accattivante e matura, per la raffinata ricerca del particolare pur senza indulgere a tentazioni di ermeticità o, al contrario, a scorciatoie di maniera. Il risultato è fresco e coinvolgente, giocato su una intrigante alternanza di ritmi e temi che danno allo spettacolo un feeling immediato anche con il pubblico più attento ed esigente.  

 

 

 

 

Giovedì 10 Brian Templeton

Fondatore e leader dei Radio Kings per 8 anni, Brian si è costruito una solida reputazione solista dal 1999 (da quando il gruppo si è sciolto) per essere un potente cantante baritono, un fantastico armonicista e un grande autore, tanto da meritarsi il titolo di The Boston Best Blues front men . La sua enfasi nel coinvolgere l'audience è elettrizzante fino a farla ballare e cantare seguendo il ritmo; risultato: una legione di fans. Ingressi 8 euro, 6 ridotti.

Venerdì 11 Trio del Diavolo

l'incredibile gruppo della casa.

Domenica 13 Tango

Il diavolo la seconda domenica di ogni mese diventa una milonga, una sala da ballo il cui il tango si sposa con la socializzazione, con un modo meno asettico di danzare

Martedì 15 San Faustino Il vero patrono degli innamorati.

Mercoledì 16 I luoghi sentimentali di Davide Lajolo mostra di Giulio Morra. Inaugurazione ore 18 con presentazione di Quadrati di fatica poesie inedite dello scrittore vinchiese pubblicate dall'associazione Davide Lajolo, lettura di alcuni brani, degustazione dei vini di Vinchio e di prodotti tipici della pro-loco di Vinchio .

Giovedì 17 Scraps Orchestra

Sei musicisti e tantissimi strumenti (voci/ piano/ organetti/ fisa/ percussioni, chitarre/ mandolino/ banjo/ contrabbasso/ basso elettrico/ violoncello/ sassofoni/ clarinetto/ batteria/ reperti solidi urbani) Il progetto degli Scraps è a tuttoggi in continuo divenire. Nel 1999 la partecipazione, con conseguente vittoria, al Premio Città di Recanati della canzone d'autore. Nel 2000, la Scraps partecipa al Premio Tenco. Del 2003 è l'ultima «fatica» discografica: «Il Diavolo di Mezzogiorno». Presentato in anteprima al festival della Letteratura di Mantova, edito da «I CD del Manifesto».

Venerdì 18 Hastesan Jazz Group

Pino Gaetano al pianoforte, Gigi Bona alla batteria, Pino Castagnaro al contrabbasso alla voce   Alessia Porani .

Domenica 20 Coscia/Trovesi

Gianluigi Trovesi con i suoi clarinetti e Gianni Coscia con la sua fisarmonica spaziano attraverso molti linguaggi musicali e la loro musica è filtrata dalla nostalgia e dalla memoria così come dalla saggia esperienza del mondo acquisita lungo il cammino. A volte è profondamente sentimentale, a volte gioiosamente ironica. Il potere comunicativo del duo è particolarmente evidente durante i loro concerti dove hanno sul pubblico un forte impatto emotivo con la loro musica fluida, geniale e vigorosa. Ingressi 10 euro, 8 euro soci.

Venerdì 24 Gerardo Balestrieri e Les Travailleurs de la Nuit

 

Mercoledì 9 marzo Petra Magoni e Ferruccio Spinetti

 


  


Queste segnalazioni vengono inviate a scopo informativo, per la Vs attività giornalistica e non sono oggetto nè di "spamming" nè di disturbo e, nel rispetto della legge 675/96, il trattamento dei  vostri dati, provenienti da elenchi o servizi di pubblico dominio, avviene solo all'interno del nostro ufficio. Per modifiche, aggiornamenti, esclusioni scrivere all'indirizzo sopra indicato  
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl