NAIMA: ANDY J FOREST & DISCO INFERNO

Jazz and Heritage, Ottawa Blues, Lugano Blues to Bop, Amsterdam Blues, San Remo

Allegati

14/mar/2005 00.02.19 L'altoparlante diffusione di notizie e suoni Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

 
 
 
 
 
NAIMA CLUB (since 1984)  FORLI' Via Somalia 2 
 
                info:     0543.722728      naima@naimaclub.it       www.naimaclub.it
 
 

Venerdì 18 marzo  ANDY J FOREST BLUES BAND

Irruenza, ironia e aggressività viaggiano alla pari con virtuosismo, ritmo e originalità e questa miscela rende Andy J Forest uno degli artisti più completi, esplosivi e divertenti non solo del blues, ma in assoluto. Non a caso oltre che musicista è pure attore, scrittore e, ultimamente, pittore. Eccellente suonatore di armonica e autore ha suonato con la crema del blues, artisti come Champion Jack Dupree, B.B.King, James Cotton, Albert Collins, Otis Rush, Willy DeVille, Albert King. Taj Mahal, Stevie Ray Vaughan, Buddy Guy, John Hammond tanto per citarne alcuni, e in Italia ha prestato la sua armonica ai dischi di Edoardo Bennato, Eugenio Finardi, Zucchero e Guccini. Molti e prestigiosi i Festival che l’hanno ospitato tra cui Montreux Jazz, New Orleans Jazz and Heritage, Ottawa Blues, Lugano Blues to Bop, Amsterdam Blues, San Remo Blues, Pistoia Blues, Torino Blues, Detroit International Blues, Bellinzona. 

Nasce nel 1955 nel Washington State. A sedici anni lascia la famiglia e si trasferisce nelle Hawai dove sopravvive pescando e vendendo pesce, pulendo hotels, raccogliendo ananas nelle piantagioni. Più tardi finisce a New York dove fa di tutto, dall’elettricista al lavapiatti. Quindi a pescare salmone nel Nord del Pacifico e poi nelle raffinerie a guidare autobotti di benzina. A diciotto anni torna agli studi e inizia a suonare l’armonica che non lascerà più. Si fa le ossa a New Orleans, in lunghe jam con James Booker, Earl King, John Mooney, Antoine Domino, Billy Gregory (della band di Professor Longhair) e altri musicisti locali, dà pure vita ai Radiators and the Subdudes.

In venticinque anni di turbinosa e fortunata carriera  incide quindici CD. La sua è una ricca discografia che testimonia una poderosa crescita internazionale anche grazie a una formidabile tecnica strumentale, grandi capacità espressive, ironia, forza comunicativa e un carattere esplosivo.

Al Naima Andy alla voce, armonica e frattoir, Heggy Vezzano alle chitarre, Sergio Cocchi alla voce e tastiere, Luca Tonani al basso e Pablo Leoni alla batteria e percussioni.

sabato 19 marzo DISCO INFERNO

Può un solo concerto rappresentare un'epoca musicale, riassumerne i contenuti, trasmetterne l'essenza? Si, qualora abbia la carica, la forza, la precisione tecnica che hanno adottato i DiscoInferno nelle proprie esibizioni interamente improntate al revival anni '70.
Molto più di una semplice cover-band: il gruppo torinese è senza dubbio in Italia la migliore espressione musicale del mondo Seventies.
Immaginate un brano rappresentativo legato a quella indimenticabile "febbre del sabato sera": loro lo propongono con esecuzione a dir poco perfetta. Magari "cucito" insieme ad altri in un' incalzante medley. Di più: si ispirano a quelle atmosfere anche nel look (pantalone a zampa, scarpe con le zeppe, lustrini e paillettes), nello spirito, nell'approccio impreziosito da quel pizzico di trasgressione che non guasta…
Dunque nessuno si perda la versione di Video Killed The Radio Star dei Buggles o resti indifferente al "must" dei Village People, YMCA. I DiscoInferno sono lì ad attenderti per una sera di evasione, divertimento, follia.
Per loro parlano anche le esperienze. Fino adesso i Disco Inferno hanno tenuto qualcosa come quattrocento concerti, esibendosi in tutti i club italiani più importanti del circuito live - approdando anche in rassegne e contesti assolutamente off-limits per "normali" cover-band quali Arezzo Wave, il Chico-bum Festival di Torino, il teatro Ariston di Sanremo. E non smettono di stupirci: nel loro nuovo ed attesissimo show creano immagini live proiettate in tempo reale su un maxischermo alle loro spalle, dando vita, con cinque microcamere, ad un'interazione inedita ed emozionante fra musicisti e pubblico.
www.discoinferno.it 

La tessera del Naima costa 5 euro e si può fare la sera del concerto, oppure si può stampare la scheda di adesione dal sito  www.naimaclub.it 

 
Il Ristorantino del Naima offre ottimi salumi e formaggi misti, sottoli e ottimi vini (prenot. 328.1244762). 
 
PROSSIMI APPUNTAMENTI 

         

Venerdì  25 marzo THE DIRTY DOZEN BRASS BAND 

Venerdì 1 aprile HOT TUNA

Sabato 2 aprile PEACE & LOVE SHOW, Featuring COUNTRY JOE McDONALD  

Venerdì 8 aprile URI CAINE JAZZ TRIO 

Sabato 9 aprile THE BIG BROTHER & OLD COMPANY

 Venerdì 15 aprile JOHN MARTYN BAND

Sabato 16 aprile NICK THE NIGHT FLY & MONTECARLO NIGHT'S ORCHESTRA

Venerdì 22 aprile DUKE ROBILLARD BLUES BAND 

Sabato 23 aprile SEMIFINALE BLUES’IN   

Venerdì 29 aprile THE WALL ( IL MUSICAL)  

Sabato 30 aprile RUFUS WAINWRIGHT 

Venerdì 6 maggio BLUES’ IN FESTIVAL

sabato 7 maggio NAIMA BIG BAND 

Venerdì 13 maggio DAVE ALVIN BAND 



Queste segnalazioni vengono inviate a scopo informativo, per la Vs attività giornalistica e non sono oggetto nè di "spamming" nè di disturbo e, nel rispetto della legge 675/96, il trattamento dei  vostri dati, provenienti da elenchi o servizi di pubblico dominio, avviene solo all'interno del nostro ufficio. Per modifiche, aggiornamenti, esclusioni scrivere all'indirizzo sopra indicato.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl