ESTRAGON: BLONDE REDHEAD E D.O.L.L.

Misery Is A Butterfly è un disco che rispecchia a pieno la via

Allegati

15/apr/2005 14.26.02 L'altoparlante diffusione di notizie e suoni Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

 
 
Bologna  Via Calzoni 6/h  info 051.365825   www.estragon.it 
 

martedi 19 aprile: BLONDE REDHEAD

La formazione newyorkese ha nel sangue cromosomi italo-giapponesi: i tre componenti del gruppo sono la giapponese Kazu Makino (voce e chitarra), e gli italiani Amedeo Pace (voce e chitarra), Simone Pace (gemello di Amedeo, batteria).
Tutti e tre stabilmente residenti nella Grande Mela ormai da oltre un decennio, da quando l’avventura Blonde Redhead prese il via, sono ora una delle realtà più rispettate del panorama rock attuale.
E’ un mondo a sè stante quello che i Blonde Redhead riescono a creare, un mondo dove la musica assume colori e forme assolutamente emozionali e complesse che traggono ispirazione dal jazz, dalla musica contemporanea, dal pop e dall’avanguardia noise (non a caso il nome Blonde Redhead deriva dal titolo di un pezzo dei DNA storica band d’avanguardia di New York fondata da Arto Lindsay).
Misery Is A Butterfly è un disco che rispecchia a pieno la via intrapresa dai Blonde Redhead con il precedente Melody Of Certain Damaged Lemons, lavoro che ha portato alla band notorietà invidiabili in tutto il mondo e che è stato capace di vendere oltre 100.000 copie nei soli USA (oltre che permettergli di fare da spalla al tour americano dei Red Hot Chili Peppers nel 2001). Anche il nuovo album va a scavare all’interno di inquietudini interiori attraverso l’utilizzo di melodie altalenanti e spesso dissonanti ma che magicamente riescono ad orchestrarsi come nelle migliori pop songs. Un risultato a dire poco sorprendente che fa si che non esista in circolazione una band come i Blonde Redhead, un sound sospeso per aria che guarda il mondo con occhi distratti ed allucinati. Assolutamente sperimentale, il gruppo regala emozioni in grande quantità soprattutto dal vivo; alternando emozioni, culla e scuote, trasportando chi viene a contatto con il suono in luoghi astratti che a tratti paiono ricordare gli anni ’60 e altre volte il fervore ostico del noise-rock. Nella musica della band è comunque il clima di perenne suspence, in bilico tra soffici partiture e spigolose cavalcate rock, a dominare il vortice di tensione che si libera nelle canzoni che nel caso di Misery Is A Butterfly sono prodotte da Guy Picciotto (leader dei Fugazi altra storica band americana già produttore dei dischi In An Expression Of The Inexpressible - 1998 e Melody Of Certain Damaged Lemons - 2000). Poesia e riferimentio culturali diversi e molto ricercati, fanno dei Blonde Redhead uno dei gruppi più interessanti sulla scena rock contemporanea.
 
venerdi 22 aprile DIVISION OF LAURA LEE
 
 
 
Post-punkers di gran successo nella natìa Svezia grazie ad incessanti tour e per aver diviso i palchi con INTERNATIONAL NOISE CONSPIRACY e TURBONEGRO Alcuni membri della D.O.L.L. possono vantare la loro discendenza dai prestigiosi alberi genealogici di gruppi come gli Smoke e gli Outstand, che non hanno necessariamente una grande fama fuori dalla Svezia.
Tra l’altro hanno raggiunto una buona posizione in Europa (in Francia, in particolar modo) con i loro singoli e facendosi forti del gruppo del 2002, i Black City, sono stati introdotti nel mercato musicale americano. 
 
FRIDAY ROCK con SCANDELLA D.J  
 
 
AL COVO CLUB DI VIALE ZAGABRIA:
 
PERTURBAZIONE
 
 
Perturbazione sono un gruppo formatosi a Rivoli (Torino) nel 1988. Il loro primo album, Waiting to happen, risale al 1998. Senz'altro un ottimo esordio: i Perturbazione cantano in inglese e, sebbene in alcune canzoni pecchino d'ingenuità, in altre dimostrano una grande inventiva, sia nella scrittura dei testi che nella composizione delle musiche. Sempre nel 1998 esce 36, mini-cd contenente sei canzoni e che sancisce il passaggio dall'inglese all'italiano. Si tratta probabilmente di un passo indietro: complice forse la fretta, le canzoni non raggiungono i livelli del disco precedente e il passaggio all'italiano non sembra fecondo.

Tralasciando la breve parentesi che vede i Perturbazione protagonisti di un cd inciso per una collana di testi in inglese rivolti alle scuole nonché l'uscita di due singoli per il mercato inglese, è nel 2002 che esce il primo vero disco in italiano e che permetterà alla band piemontese di farsi conoscere da un pubblico più ampio: In Circolo.

Quasi un concept album sul tema del passaggio adolescenza-maturità, il disco è composto da 14 canzoni praticamente perfette per il compito che il gruppo si era proposto: cercare una terza via fra lo sperimentalismo indie e la canzone italiana più convenzionale, quasi "sanremese". sanremese.

Nel 2005 i Perturbazione hanno pubblicato Canzoni allo specchio.

  
 
sabato 9 aprile FUJIKO NIGHT with MINGO D.J.
 
APRILE
 
29 MARLENE KUNTZ
30 CHEAP WINE
 
MAGGIO
 
RUFUS WAINWRAIT annullato
MARDUK annullato
TROFEO PILASTRO CITY
ROY PACI & ARETUSKA
24 GRANA
12 RISE AGAINST
13 TROFEO PILASTRO CITY
14 SUD SOUND SYSTEM
19 TROFEO PILASTRO CITY
20 ISIS + JESU + TIM HECKER
26 THE KILLS
27 DRIVE THRU PACKAGE
28 TROFEO PILASTRO CITY
 
 
FLAME FEST 2005
 
5 giugno  Killswitch Engage, As I Lay Dying +2 special guests  (Metal Core- USA)
6 giugno  Lamb Of God, Caliban, Unheart, Every Time I Die  (Metal Core- USA)

 


Queste segnalazioni vengono inviate a scopo informativo, per la Vs attività giornalistica e non sono oggetto nè di "spamming" nè di disturbo e, nel rispetto della legge 675/96, il trattamento dei  vostri dati, provenienti da elenchi o servizi di pubblico dominio, avviene solo all'interno del nostro ufficio. Per modifiche, aggiornamenti, esclusioni scrivere all'indirizzo sopra indicato.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl