CAROTONE & ARPIONI A BIELLA ESTATE

L'Italia è sicuramente la la

Allegati

02/lug/2005 14.28.14 L'altoparlante diffusione di notizie e suoni Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

 
 

in collaborazione con l’Assessorato alla cultura e alle politiche giovanili della città di Biella

 

 Parco stadio La Marmora Biella:

 

giovedì 7 luglio h 21.30

 

Tonino Carotone: l’artista più stravagante e geniale che la storia ricordi accompagnato dagli Arpioni la migliore ska band Italiana più di 2 ore di spettacolo indimenticabili.

"A Tonino io lo chiamo Maestro" ( Manu Chao). Elegante e fricchettone,

aristocratico e popolare insomma un Fred Buscagliene versione punk… 

"Hey fighetti....sono un poco di buono!"

 
Tonino Carotone


Un vero e proprio tormentone, quello di "me cago en el amor" che nel 2000 ha conquistato tutta Italia con la mitica frase "é un mondo difficile, é vita intensa, felicità a momenti e futuro incerto" questo fù l'esordio di un artista che, se non ci fosse bisognerebbe inventarlo!!!
Dopo aver affogato  le sue esperienze nella grappa, Antonio De La Cuesta, suo vero nome, é rinato, confermandosi come un incrocio impossibile tra Adriano Celentano, Renato Carosone e Luis Aguilè. Con il suo sorriso sornione e il suo sguardo intenso, il suo primo album "Mondo Difficile" (Virgin) é uscito in tutta Europa, Sud America, Canada, Turchia e Arabia Saudita e tutti noi ricordiamo l'enorme successo in Italia, dove ha raggiunto e superato il disco d'oro con oltre 70.000 copie vendute. L'Italia é sicuramente la la vera patria di Tonino, dove il ragazzo di Pamplona ritorna con un album prodotto da Arturo Soriano, creatore di un universo dove mandolini e tromboni , fisarmoniche e chitarre portoghesi si incontrano naturalmente.
 Uscito nel  2004 "Senza Ritorno"(Virgin) ci riporta il cantore del neorealismo navarrese e della filosofia txakoli. Tonino ci parla di quello che chiamiamo vita, che per lui é come guidare un carro con cavalli imbizzarriti ("la caravana"), o una eterna ricerca d'affetto (Amor Jibaro). Cantato in spagnolo, a volte con citazioni in inglese, giapponese con accento basco, l'album presenta anche alcuni brani in italiano a sancire il forte legame che Tonino ha con il nostro paese. Il primo singolo infatti é una bellissima versione di "un ragazzo di strada" de I Corvi (1966) Arricchita dal fascino irresistibile di Tonino Carotone, naturalmente se lo ascoltate una volta non potrete più smettere e solo allore capirete perchè si intitola "senza ritorno"!!!!!!

& Arpioni

 

In uscita a Maggio 2005 con il nuovo disco “Malacabeza”!
Gli Arpioni nascono 10 anni fa e quasi subito iniziano la loro attività live. Si esibiscono nelle situazioni più diverse, registrano 2 demotape e vengono fin da subito apprezzati dagli amanti dello ska. Di quel periodo resta la loro partecipazione alla compilation “ SKANDALO AL SOLE” (vox pop 1993), la prima compilation di ska italiano. Nel 1995 la formazione cambia e il nuovo nucleo, che vede tra l’altro l’arrivo di KINO alla voce, autoproduce il primo cd “ PAPALAGI”. Da quel momento l’attività live si intensifica e ben presto comincia il sodalizio con “GRIDALO FORTE RECORDS”, etichetta romana indipendente che nell’inverno 1998 produce “IN MEZZO AI GUAI”, secondo cd degli Arpioni e ristampa il cd“ PAPALAGI”, che ha visto da tempo esaurire le prime 1000 copie. Continuano i concerti in giro per l’Italia e per l’Europa, nasce il legame speciale con i Paesi Baschi che li porta ad incidere una versione italiana di “INSUMISION” del gruppo basco KOJON PRIETO y LOS HUAJOLOTES che porta la firma di tale ANTONIO DE LA CUESTA noto ai più come TONINO CAROTONE.
Intanto continuano ad arrivare da ogni parte d’Europa e talvolta da oltreoceano, richieste di partecipazione a compilation, tanto che ad oggi gli Arpioni sono presenti in almeno una ventina di dischi. Nel mese di febbraio parte la tournè italiana con MR LAUREL AITKEN, figura fondamentale della musica Jamaicana, infaticabile vocalist di 74 anni noto come THE GODFATHER OF SKA, il primo artista dell’isola caraibica ad imprimere alla musica in levare un netto salto di qualità, entrando nelle classifiche inglesi degli anni ’60. Nell’estate 1999 registrano al Katarain estudio di Azkarate (Euskadi) il loro terzo lavoro “UN MONDO IN LEVARE”. Il cd, come già il precedente, è prodotto da KAKI ARKARAZO ex chitarrista dei NEGU GORRIAK, apprezzato produttore ed ingegnere del suono che ha lavorato con MANU CHAO, AMPARANOIA, FERMIN MUGURUZA, solo per citare alcuni nomi. Verranno raggiunti in studio da Tonino Carotone che avendo apprezzato la versione di “Insumusion” li vuole conoscere e gli regala la sua partecipazione nel disco con il pezzo “MONKEY- MAN IN MEXICO”. In quei giorni si consolida il sodalizio che dura tuttora. Tant’è che gli Arpioni saranno il primo gruppo a portare in Italia il brano “ME CAGO EN EL AMOR”, tormentone radiofonico dell’estate 2000 e lo accompagneranno come backing band nella tournè italiana, avendo così l’occasione di farsi conoscere ad un pubblico più vasto e di accumulare esperienze preziose. Da questa amicizia nasce la collaborazione tra Kino e Tonino che li porterà a scrivere a quattro mani il brano “LA FESTA DEL RACCOLTO”, simpaticamente antiproibizionista, presente nel cd “MONDO DIFFICILE”, l’album di Tonino. Se girando in Europa vi dovesse capitare di rovistare tra i dischi ska di qualche negozio, facilmente troverete un disco degli Arpioni; ultimamente poi è nato un “ponte” di collaborazione con il Giappone e con altri paesi extraeuropei ed anche qui ora è possibile trovare i loro dischi. Nel settembre 2001 esce il quarto disco degli Arpioni: “BUONA MISTA SOCIAL SKA”, raccolta di brani della tradizione musicale italiana. Il cd celebra i 10 anni di attività del gruppo e vede la partecipazione di ospiti e amici: TONINO CAROTONE da Pamplona canta “GUARDA CHE LUNA” e siamo certi che Fred Buscaglione, dal “Paradiso degli etilisti”, non possa che apprezzare; BEGONA BANG MATU’ da Madrid, già cantante dei Malarians, canta “FIGLIA UNICA”, rielaborazione del 1968 di Riccardo Del Turco di un brano brasiliano; PILUKA da Pamplona, corista di Tonino Carotone e di Amparanoia, canta “PAROLE PAROLE”, celebre brano di Mina duettato ai tempi con Alberto Lupo; DUPE, poliedrica vocalist italo-keniota, canta “CANZONE” di Don Backy. Dupe canta anche in una delle migliori super band rocksteady emergenti: i Jamaica Red Stripe. Le altre tracce, che di seguito presentiamo, sono cantate da KINO, il titolare del canto negli Arpioni. Suoi ispiratori sono Domenico Modugno, Claudio Villa, Nanni Svampa, Renato Rascel e Natalino Otto. “BUONA MISTA SOCIAL SKA!” è un lavoro di transizione che guarda indietro reinterpretando la tradizione in maniera affatto banale, fresca ed accattivante, è un album pieno di intuizioni che lascia presagire piacevoli sorprese future.  Dopo il disco è uscito il videoclip “MAMI” per la regia di CHIARA CREMASCHI, che già firmò la regia del videoclip “INSUMISION” del 1999.  Attualmente il gruppo sta lavorando alla stesura dei pezzi per il prossimo disco, che prevederà la partecipazione, anche questa volta, di numerosi ospiti/amici.

 

ingresso 8 €

 

giovedì 14 luglio 

UCCIO ALOISI GRUPPU

 


 

 

Queste segnalazioni vengono inviate a scopo informativo, per la Vs attività giornalistica e non sono oggetto nè di "spamming" nè di disturbo e, nel rispetto della legge 675/96, il trattamento dei  vostri dati, provenienti da elenchi o servizi di pubblico dominio, avviene solo all'interno del nostro ufficio. Per modifiche, aggiornamenti, esclusioni scrivere all'indirizzo sopra indicato.




 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl