QUESTE 4 COSE PER TARR MADI'

4 cose che si condividono con un amico, in un'emozione "_che non va via".(QUESTA TRACK E' IL

Allegati

30/ago/2005 20.14.10 L'altoparlante diffusione di notizie e suoni Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 
 

Queste 4 cose

Il nuovo album del cantautore Tarr Madì

(Mad Madì Records, distribuzione Venus)

 

edito insieme alla raccolta di poesie “Un riverbero freddo”

 del poeta Fausto Maria Pico

 

 

A distanza di sei anni dal precedente “Le cose di Henry”, torna Tarr Madì, con un nuovo album dal titolo “Queste quattro cose”.

Per il cantautore emiliano questo è un lavoro assai particolare, per diversi motivi: la canzone d’autore trattata con un’originale impronta, ed amalgamata a vari generi musicali; dal blues alla dance, dalla sperimentazione al country, fino ad arrivare alla dissacrazione di alcune particolarissime cover e di evergreen.

Un’operazione culturalmente innovativa, in quanto nella confezione dvd box è allegato anche un libro di poesie del poeta, Fausto Maria Pico:  “Un riverbero freddo”   sempre teso ad arginare slanci e impulsi, suadente, mai invadente, sottile e filosoficoo, notturno e nottambulo.

Lo stesso poeta (docente di filosofia e sociologia del diritto) ha firmato anche il testo di un pezzo dell’album: “El suegno illividito”; album che contiene altri sette pezzi originali e sei cover, fra le quali l’incredibile “Kleenex” di Faust’o, la struggente “Saigon” di De Gregori (PROSSIMA AL VIDEO) registrate live, due pezzi di Lo Vecchio/Vecchioni, uno degli Ween ed una strana “Stand by me”, con le melodie rispettate e gli arrangiamenti stravolti.

Poi un “Prologo” ed un “Epilogo” senza importanza, una storia che si consuma “Nel mare”, la storia tristallegra di un “Fallito”, quella di un uomo che si dissolve nella nebbia “A la cinco de la tarde”, le famose 4 cose che si condividono con un amico, in un’emozione “…che non va via”.(QUESTA TRACK E’ IL SINGOLO PER IL PASSAGGIO RADIO)

Un disco di un artista completo (sono sue le illustrazioni delle copertine del disco e del libro), atipico quanto eclettico, che ne ribadisce l’originalità espressiva e la particolarità di una ricerca sonora difficilmente riconducibile a generi musicali riconosciuti: una miscela esplosiva fatta di melodie e rumori ricercati nel subconscio musicale.

Lo sviluppo di temi sonori differenti, l’enfasi della musica che sale e decresce, in cui si ritrovano gli stimoli tipici delle ambientazioni sinfoniche.

Delle affinità stilistiche o certi riferimenti si possono trovare nei Current 93 o nei Tindersticks, in Nick Cave o in Tom Waits, con un particolare riguardo e una grande passione per il patrimonio cantautorale nostrano.

Tra i 12 musicisti che anno suonato nel disco, oltrechè lo stesso Tarr Madì, spiccano le presenze di Gianni Mocchetti, chitarra e basso nei primi album di Franco Battiato e di Paolo Messere, ex Ulan Bator ed ora Blessed Child Opera.

 

Mario Massari, in arte Tarr Madì, nasce musicalmente nei primi anni ’70, suonando in un gruppo parmense di rock demenziale, cover e schiamazzi vari chiamato Le Mummie.

Dopo le più svariate esperienze in campo artistico, la pittura, la scultura ed il comics, negli anni ’80 torna al primordiale amore per la musica partecipando come compositore, musicista e cantante in diverse band locali.

Con lo pseudonimo di Tarr Madì autoproduce ed incide il suo primo 45 giri, “The Bottle”.

Nel 1991 esce il suo primo album: “Every moment of the time, though child, is a dream”.

Il vinile viene prodotto e distribuito in Italia dalla Vox Pop, la storica label Milanese dei Casino Royale, Afterhours e Prozac+, mentre in Germania esce per la Semaphore.

Un disco talentuoso, cantato in inglese ed in altre lingue “inventate”, ostico, minimale, monolitico, inquietante, oscuro, deviante, noisy; con canzoni scarne e allucinate.

Un disco che lo infila nell’Enciclopedia del rock italiano alla voce psichedelia.

Anche  una targa ala seconda edizione del premio Ciampi per i migliori testi poetici e, nel 1999 viene pubblicato, dalla Suoni Rari Records “Le cose di Henry”, cantato in italiano e con una musica che sfiora vari generi, con un crossover tra nuovo rock e musica lo-fi, ballate e cantautorato d’autore. 

 

PER RECENSIONI, INVIO DISCO ED INTERVISTE

 

Ufficio stampa e promozione radio:

L'altoparlante di Fabio Gallo   www.laltoparlante.it info@laltoparlante.it 348.3650978

 


 

www.laltoparlante.it          info@laltoparlante.it


Queste segnalazioni vengono inviate a scopo informativo, per la Vs attività giornalistica e non sono oggetto nè di "spamming" nè di disturbo e, nel rispetto della legge 675/96, il trattamento dei  vostri dati, provenienti da elenchi o servizi di pubblico dominio, avviene solo all'interno del nostro ufficio. Per modifiche, aggiornamenti, esclusioni scrivere all'indirizzo sopra indicato.

            

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl