GLI EUROPE CONQUISTANO LA CITTA' DI LONDRA

Si sente parlare greco, italiano, portoghese, spagnolo, polacco, tedesco, norvegese, svedese: i fedelissimi della band non hanno mancato l'appuntamento con a quello che si preannuncia come uno spettacolo da sold out.

02/mag/2011 19.17.06 http://www.europeinitaly.com/ Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Serata sold out per la data londinese della band svedese Europe.

 

Londra ci accoglie con la solita aria piena di umidità e la frenesia tipica di un sabato pomeriggio, mentre a piedi ci dirigiamo verso la O2 Academy di Shepherd Bush Empire. Arriviamo alle 15.30 e troviamo una piccola folla di circa un centinaio persone, alcune delle quali in attesa già dalla mattina.

 

Si sente parlare greco, italiano, portoghese, spagnolo, polacco, tedesco, norvegese, svedese: i fedelissimi della band non hanno mancato l’appuntamento con a quello che si preannuncia come uno spettacolo da sold out.

 

Con tipica britannica puntualità, alle 19.00 si aprono le porte e dopo un’ora di attesa inizia lo show del gruppo di supporto, i Voodoo Johnson, che calcano mirabilmente per 45 minuti il palco, non lesinando complimenti per l’attaccamento dei fans agli Europe alcuni dei quali inossidabili fin dagli anni ’80.

 

Alle 21.00 si spengono le luci e si accendono le telecamere: in occasione dello show sarà infatti registrato un dvd in uscita il prossimo maggio. Inizia in sottofondo il “Prelude” di Last look at  Eden: nonostante le luci abbassate, la vicinanza al palco, tipica dei teatri, consente di vedere chiaramente la band che si posiziona. È un crescendo di eccitazione che dà libero sfogo quando le note di Last look at Eden irrompono sul palco, in un connubio di luci che illuminano la scena e i cinque componenti della band.

 

Uno strepitoso Joey Tempest, con una giacca già diventata un vero e proprio must su internet,  infuoca la platea muovendosi continuamente sul palco e duettando con il pubblico. La setlist prevede nuovi e vecchi successi, si salta dall’ultimo album “Last Look at Eden” del 2009 con “The Beast” a Rock The Night proveniente direttamente dal pluripremiato “The Final Countdown”; si passa da Scream of Anger a No stone unturned.

 

Degni di nota i due acustici interpretati da Joey Tempest: dagli anni ’80 la celeberrima “Carrie” e dall’ultimo album “New love in town”, quest’ultima accompagnata dalla spiegazione della sua genesi, avvenuta in una notte di ottobre del 2007, quando uno stanco papà ha composto questa ballad in onore del figlio appena nato.

 

Il tempo corre veloce: non ci sono pause, mai un momento morto fra un pezzo l’altro. Commovente il tributo a Gary Moore di John Norum, che propone al pubblico la splendida “The Loner”; entusiastico l’assolo di batteria di Ian Haugland che mirabilmente tiene il ritmo dell’ouverture del Guglielmo Tell di Gioacchino Rossini strappando al pubblico sorrisi compiaciuti per quel breve intermezzo classico all’interno di un concerto rock.

 

Risuonano nel teatro vecchi successi come “More than meets the eye”, riproposta nello scorso tour in Sud America dopo anni di oblio, Scream of Anger, Seventh Sign fino ad arrivare a Superstitious che accompagna il pubblico fino all’ultimo quarto d’ora di concerto.

 

Manca poco alla fine ed ecco che Joey Tempest illustra alla platea i progetti futuri della band.

 

In previsione la partecipazione a numerosi a festival estivi; a ottobre, infine, di nuovo in sala di registrazione per il prossimo album in uscita nel 2012. A dimostrazione che gli Europe sono già attivi per produrre il nuovo cd, viene proposta al pubblico “Doghouse” nuovo pezzo che verrà incluso nel prossimo disco.

 

Il concerto volge al termine manca solo una degna conclusione a questa serata ricca di emozioni: quale migliore e rinnovata emozione di “The final countdown” per concludere in maniera perfetta la serata?

 

Con l’uscita di Last Look at Eden gli Europe hanno dimostrato una rinnovata capacità di adattamento ai gusti musicali del pubblico del nuovo millennio, proponendo un rock moderno con influenze blues che rendono la loro musica più attuale che mai.

 

Non resta che attendere il 2012 per conoscere cosa avranno da proporre Joey Tempest e gli Europe….. Stay Tuned!

 

 

SET LIST:

 

·  Last Look At Eden

·  The Beast

·  Rock The Night

·  Scream of Anger

·  No Stone Unturned

·  Carrie

·  The Getaway Plan

·  The Loner

(Gary Moore cover)

·  Seventh Sign

·  New Love in Town

·  Love is Not The Enemy

·  More Than Meets The Eye

·  Drum Solo

·  Always The Pretenders

·  Start From The Dark

·  Superstitious

·  Encore:

·  Doghouse

·  The Final Countdown

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl