Neurotica e Steelfingers per ScuederieMArteLive

I Neurotika nascono nel 2001 cercando di metabolizzare al meglio le idee apprese dal movimento grunge che in quegli anni si andava consolidando grazie al contributo di gruppi come Alice in Chains e Pearl Jam.

17/mag/2006 13.57.01 MArte_press Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Venerdì 19 maggio 2006, ore 22:30, Classico Village, Via Libetta 3, Roma.

Uno dei più importanti e frequentati locali di Roma, il Classico Village (Via Libetta 3), accoglie ancora una volta gli artisti e il pubblico di ScuderieMArteLive. Lo spettacolo di venerdì 19 maggio prevede l'esibizione di due band dal suono forte e prepotente: i Neurotica e gli Steelfingers.
I Neurotika nascono nel 2001 cercando di metabolizzare al meglio le idee apprese dal movimento grunge che in quegli anni si andava consolidando grazie al contributo di gruppi come Alice in Chains e Pearl Jam. Con il passare degli anni si sono ritrovati di fronte a nuove sfide, hanno deciso di rinunciare ai testi principalmente scritti in inglese e soprattutto hanno scelto di rivolgersi verso territori un leggermente diversi dal tipico ”Seattle sound” prediligendo forme musicali orientate verso l'indie rock italiano (Afterhours, Verdena, Marlene Kuntz). Dal 2005 hanno iniziato a lavorare sul primo cd autoprodotto.
Gli Steelfingers iniziano a suonare dalla metà del 2001 portando in giro il loro suono ispirato a quello della Detroit degli anni ’70. La svolta arriva alla fine del 2002 quando si fa sempre più irresistibile il richiamo della Rock’n’Soul Music degli anni ’60 e‘70. “Trafalgar Session”, è il primo E.P. della band e arriva nell’ottobre 2004 suscitando critiche più che positive fra gli "addetti ai lavori" cui viene presentato e più in generale fra tutti coloro a cui capita di ascoltarlo grazie anche ai numerosissimi passaggi radiofonici sull'emittente romana Radio Città Aperta. Da segnalare la partecipazione alla compilation “Strummer: A Clash tribute”. Il disco vede coinvolte ben ventinove bands di varia provenienza e vuole essere un omaggio in occasione dei 25 anni dall’uscita di “London calling” (1979) e alla memoria del leader Joe Strummer scomparso il 22 dicembre 2002. Il recentissimo "Rock'n'Roll Spits", secondo E.P. autoprodotto, rappresenta l'attuale punto d'arrivo nella ricerca di un suono finalmente all'altezza delle aspettative.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl