Melodie futuriste per i The Coriander Stem

Melodie futuriste per i The Coriander Stem Melodie futuriste per i The Coriander Stem Raffaele Bruno, attore e regista teatrale, commenta "Live Through Insomnia" la canzone dei The Coriander Stem che sta avendo un gran successo nel panorama underground napoletano.

08/lug/2007 15.49.00 del vento Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Melodie futuriste per i The Coriander Stem
Raffaele Bruno, attore e regista teatrale, commenta "Live Through Insomnia" la canzone dei The Coriander Stem che sta avendo un gran successo nel panorama underground napoletano. 
 
"Live Through Insomnia" è una canzone dei The Coriander Stem che il 25 maggio 2007 è stata premiata come "Miglior canzone in gara" al festival Una Canzone di Pace 2007.
La rassegna musicale, ormai giunta alla VII° edizione, presentava in primo piano il tema del mondo arabo e dell'Islam, ponendosi come punto di domanda l'esistenza di un incontro-scontro tra culture differenti.
Raffaele Bruno, attore e regista teatrale, che nel maggio scorso ha presentato la rassegna musicale, restando notevolemnte colpito dal pezzo che il gruppo napoletano ha presentanto al festival, ha così esposto il suo commento alla canzone, definendola "un'opera rock in 10 minuti" e continua dicendo che la musica si compone:

"Un'invasione di suggestioni elettroniche
ti rapisce subito
al primo ascolto...
e cresce
irretendoti senza scampo...
cresce cresce...
e tu sei là
non semplice ascoltatore...
ma un uomo coinvolto in un rito
laico... futuristico...
e dopo un pò un uomo
che si è appena trovato in un incubo.
Ad ascoltare l'intro sembra proprio
essere catapultati
nell'incubo della modernità elettronica
dei nostri tempi...
allora che si fà...
si aspetta la salvezza...
e dopo un crescendo...
quando tutto sembra perduto...
la salvezza arriva
e arriva sotto forma di musica
pura... suonata
da un piano
e cantata...
e poi ...
l'onda rock
che diventa uragano salvifico...

Per poi spegnersi...
a ricordarci..
che l'incubo è sempre
lì in agguato dietro l'angolo
più nascosto della nostra anima"

La musica e il testo, in coclusione, esprimono a pieno le parole espresse da Bruno. Il messaggio è chiaro e fa riferimento alle tragedie che quotidianamente ogniuno di noi vive in contatto con il mondo, nell'epoca della comunicazione cibernetica, che sembra essere cosi lontano come cultura e tradizioni dal passato. Tutto ciò espresso dalla musica attraverso u
na sensazione di mondo futuristico, in continuo movimento e per questo impercepibile.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl