I finalisti del concorso nazionale AreRock 08 dalla Puglia in UK

I finalisti del concorso nazionale AreRock 08 dalla Puglia in UK I sei finalisti dell'Arè Rock Festival '08: dalla Puglia a Brighton Orecchie aperte aifermenti cheanimano la scena musicale indipendente italiana e ne fanno ancora unpullularedi idee, un magma di ritmo e di passione: questo è quello cherichiedono letante band interessanti in cerca della meritata visibilità nel nostropaese;questo è quello che richiede agli ascoltatori l'Arè Rock Festival,concorsonazionale per emergenti organizzato dall'associazione culturale EuropaGiovanea Barletta.

26/mag/2008 19.00.00 Ufficio Stampa Arè Rock Festival - J. S. Imbornon Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


 I sei finalisti dell'Arè Rock Festival '08: dalla Puglia a Brighton 

Orecchie aperte aifermenti cheanimano la scena musicale indipendente italiana e ne fanno ancora unpullularedi idee, un magma di ritmo e di passione: questo è quello cherichiedono letante band interessanti in cerca della meritata visibilità nel nostropaese;questo è quello che richiede agli ascoltatori l’Arè Rock Festival,concorsonazionale per emergenti organizzato dall’associazione culturale EuropaGiovanea Barletta. Ben 122 iscrizioni in un solo mese da tutt’Italia (dallaLombardiaalla Valle d’Aosta, dalle Marche alla Sicilia), 30 band selezionatedallaCommissione artistica di ogni genere musicale, dall’indie al prog,dall’hardrock al folk, dal funk al lounge e al cantautorato, 10 serate di musicaliveall’insegna della qualità, da febbraio ad aprile: questi sono stati inumeridella seconda edizione della manifestazione ed ora una finale a seiaspetta imigliori gruppi dell’edizione 2008. Si tratta, in ordine decrescente dipiazzamento in classifica, de La Fame diCamilla (indie-poprock), Fragment (indietronic), Chendisei (indie-rock), Floating State(prog-rock), One Way Ticket (rock) e Carote sbriciolate(rock-dub-reggae). Aifinalisti della manifestazione sarà presto offerta un’occasionepreziosa: ilconcorso varcherà infatti le frontiere italiane e le canzoni delle 6bandsaranno presentate il 27 maggio e il 10 giugno alle ore 16 (oraitaliana) in UKsulle frequenze di Radio Reverb, neo-mediapartner dell’Arè RockFestival, nelprogramma “Radio Sofia”, prodotto e presentato da Emilia Telese ededicato allacultura alternativa italiana. La trasmissione va in onda a Brighton sui97,2 FMe in live web streaming su www.radioreverb.comogni due martedì. Il programma è bilingue e rappresenta la voce delladiasporaitaliana in Uk e nel mondo. In ognuna delle due puntate sarannotrasmessi trebrani, per dare spazio con un pezzo a testa ai sei finalisti, mentre inseguitodovrebbero essere trasmesse anche le canzoni di altri partecipantidell’edizione targata 2008 dell’Arè.
L’artistaitaliana Emilia Telese (www.emiliatelese.com,www.myspace.com/emiliatelese)vive in Uk dal 1997; le sue opere vannodalleinstallazioni multimediali alle performance, dalla fotografia aprogettieducational. E’ stata ospite e protagonista di performance edesposizioni negliStati Uniti, in Germania, Russia, Austria, Italia, Inghilterra, ecc.Tra lealtre cose, lavora come coordinatore dell’Artists’ Networks per a-n TheArtistInformation Company.
Lafinale dell’Arè Rock Festival '08 si preannuncia come un ventaglio dipropostedifferenti e dotate ognuna di una propria autonomia e originalità. Labanditalo-albanese La Fame di Camilla punta su un grande potenziale dievocazione,che intride di inquietudine indie-rock testi accurati, melodia e ritmo,graziesoprattutto a doti interpretative fuori dall’ordinario; i Fragmentfondono insperimentazioni accattivanti l’incandescenza delle chitarre elettrichecon ilrigore frenetico dell’elettronica, inserendosi a pieno titolo nella piùavanzata scena indietronica. La ricetta dei Chendisei prevede un indieraffinato che nella struttura dei brani e nello stile vocale assorbel’eleganzadel cantautorato, del blues e del jazz, grazie alla maturità musicaledeicomponenti. Il progressive-rock dei Floating State si presenta come unprogettoarticolato, ambizioso e immaginifico, che trasforma spunti letterari ecinematografici in suite fantasiose arrangiate con gusto e sensibilità.Gli OneWay Ticket sono un concentrato di energia e dal vivo si dimostrano ungruppoinossidabile, una macchina da guerra in grado di sfoderare carica epassione inmodo autentico e contagioso. Travolgenti sono infine le contaminazionidireggae e rock delle Carote sbriciolate, che sfoggiano nei loro setqualitàtecniche notevoli a supportare messaggi di portata sociale personali eintelligenti.

Oltre che della nuovacollaborazione con la radio inglese, la manifestazione si avvale dellamediapartnership del quinto portale di informazione musicale italianopernumero di visitatori, Musicalnews.com, della testata giornalisticaquotidianatelematica CultTime, del primo mensile gratuito di musica e concertinato inItalia, MusicClub e del sito di informazione musicale MusicBoom.it. Glieventisono inoltre documentati con foto e video dalla BBC Group di SabinoBalestrucci, Dario Battaglia ed Enzo Campanella.
L’ArèRock Festival ha confermato anche quest’anno la varietà deiprogettiartistici presenti sul territorio pugliese, che cercano solo vetrinedegne delloro valore, e ha consentito il confronto sul campo di gruppi conbackground edesperienze molto diverse. La giuria tecnica, composta da musicisti,giornalisti, esperti del settore e dagli organizzatori del festival haaccuratamente scelto durante le qualificazioni live sei finalisti, chesicontenderanno il prossimo 27 giugno i 2000 euro in palio. L’edizione2008 haprevisto inoltre una Sezione speciale intitolata “Una canzone per ilDarfur”, acui hanno partecipato Garnet e Chendisei. Durante ogni serata delfestival, èstato possibile firmare una petizione del movimento “Italians forDarfur”, chechiede ai canali televisivi nazionali di dare un maggior spazioall’informazione sulla tormentata regione sudanese.
La prima edizione del concorsonel 2007 è stata, come la seconda ancora in corso, un successo dipubblico e dicritica. Un foltissimo gruppo di appassionati ha seguito l’anno scorsotutte letappe del festival fino alla finale, che fu chiusa dal concertodell’iconeitaliche del post-rock, i Giardini di Mirò. Nella finale del 12 maggio2007,condotta da Rosaria Renna, voce di RDS, la giuria tecnica di calibronazionale,composta tra gli altri da Paola De Simone (Radio in Blu), CorradoMinervini(Rockstar), Jurij Ricotti (Rockhard) e Giuseppe Dimiccoli (Gazzetta delMezzogiorno), incoronò Giovanni Block & i Masnada, pochi mesi dopovincitore del prestigioso Premio Siae/Club Tenco dedicato agli autoriemergenti.

 

JoleSilvia Imbornone
Ufficio stampa Arè Rock Festival ufficiostampa@arerockfestival.it

 
Per informazioni
Giuseppe Defazio
direzioneartistica[at]arerockfestival.it
Francesco Scatigno (presidente Europa Giovane)
organizzazione[at]arerockfestival.it
http://
www.arerockfestival.it
http://www.myspace.com/arerockfestival

Attenzione:questa mail vi giunge  in relazione alla vostra attività giornalistica,musicale o di promozione radio-televisiva. Qualora non siateinteressati a ricevere le nostre comunicazioni,  segnalatecelo inviando un messaggio con oggetto "remove" e vi cancelleremo dallenostre mailing-list.  E'  possibile che per errore i comunicati vigiungano  due volte: ci scusiamo per il disagio qualora ciòdovesse verificarsi.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl