Fondo Unico Spettacolo: nuove regole per la distribuzione dei finanziamenti e l'ammissione?

con il patrocinio e la

19/dic/2004 01.45.34 Ufficio Stampa Teatro Regio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Teatro Regio di Parma
Fondazione
____________________
 

 

Fondo Unico Spettacolo: nuove regole

per la distribuzione dei finanziamenti e l’ammissione?

L’Associazione Nazionale dei Critici Musicali,

con il patrocinio e la collaborazione

della Fondazione Teatro Regio di Parma,

invitano alla tavola rotonda a cui partecipano

eminenti personalità del mondo teatrale e musicale

Parma, Ridotto del Teatro Regio,

martedì 21 dicembre 2004, ore 10.00

 

 

 

            Con il titolo Fondo Unico Spettacolo: nuove regole per la distribuzione dei finanziamenti e l’ammissione? l’Associazione Nazionale dei Critici Musicali con il patrocinio e la collaborazione della Fondazione Teatro Regio di Parma ha indetto per il prossimo martedì 21 dicembre, con inizio alle ore 10.00 presso il Ridotto del Teatro, alla vigilia dell'apertura della Stagione dOpera 2005 con l'Alceste di Gluck giovedì 23 dicembre, una tavola rotonda nel corso della quale importanti personalità del mondo teatrale e musicale italiano vogliono fare il punto della situazione su uno dei problemi più scottanti ed attuali.

            Le ventilate ed ora sempre più certe notizie di tagli alla principale fonte di finanziamento di molte realtà produttive in campo musicale ha naturalmente creato molti timori, suscitando un dibattito dal quale sono già emerse numerose posizioni ufficiali, nelle quali si sottolinea la «specificità che le imprese di spettacolo presentano rispetto a tutte le altre. Esse sono parte fondamentale del patrimonio di civiltà del nostro Paese che, pertanto, non può ignorarne la strategicità», in un settore nel quale non «può essere dimenticato che il sostegno pubblico è essenziale per l’occupazione di circa duecentomila addetti al sistema spettacolo e che quest’ultimo restituisce allo Stato, ogni anno, quasi per intero ciò che riceve, in imposte, tasse e contributi».

            L’incontro vedrà presenti al Ridotto del Regio eminenti personalità del mondo musicale italiano: a rappresentare la Fondazione Teatro Regio di Parma saranno il Presidente, Sindaco di Parma Elvio Ubaldi, il Sovrintendente Gian Piero Rubiconi, il Direttore musicale Bruno Bartoletti. A loro si aggiungeranno il Presidente dell’Associazione Nazionale dei Critici Musicali Angelo Foletto, Carlo Maria Badini, fra i nomi storici del teatro italiano, già Sovrintendente del Teatro Comunale di Bologna e della Scala di Milano e attualmente Vicepresidente esecutivo della neonata Orchestra Mozart Bologna, Gisella Belgeri, Presidente Federfestival Agis, Angelo Curtolo, Direttore marketing dei Teatri Spa Fondazione Cassamarca, Carlo Peruchetti, personalità che da decenni vive la realtà produttiva musicale italiana, Vicepresidente dell’Aslico e alla Direzione Produzione artistica dei Pomeriggi Musicali di Milano, Giorgio van Straten, Sovrintendente del Teatro Comunale di Firenze.

            L’incontro, vista la strettissima attualità e l’importanza della tematica trattata, è aperto a tutti gli interessati.

 

 

Paolo Maier
Responsabile Ufficio Stampa e Comunicazione
Fondazione Teatro Regio di Parma
via Garibaldi, 16/a
43100 Parma - Italia
tel +39 0521 039369
fax +39 0521 218911
www.teatroregioparma.org
p.maier@teatroregioparma.org
stampa@teatroregioparma.org

 

AVVISO IMPORTANTE:

PERMANGONO PURTROPPO PROBLEMI RELATIVI A INDESIDERATI MULTIPLI INVII DELLE NOSTRE COMUNICAZIONI. CI SCUSIAMO DEL FASTIDIOSO DISGUIDO, INFORMANDO CHE PER LA SOLUZIONE DEL PROBLEMA ABBIAMO ATTIVATO LE NECESSARIE E OPPORTUNE OPERAZIONI DI VERIFICA 

I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto del d. lgs. 196/03. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta, ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail precisando l’indirizzo email che verrà immediatamente rimosso, ex art. 130 d. lgs. 196/03. Abbiamo cura di evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl