Andiamo a Zanzibar: arrivano i Saesciant!

Un viaggio surreale e ironico, con intelligenza e passione, tra rock e "canzoni di fuga" Saesciant - Andiamo a Zanzibar (Saesciant Records) 10 brani - 41.21 minuti I Saesciant amano definirsi "un quartetto di musica ricreativa" e con il disco di debutto Andiamo a Zanzibar propongono una miscela di sana musica e profonda ironia.

23/dic/2009 13.23.21 Synpress 44 - Ufficio Stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

All'insegna della 'musica ricreativa' l'album d'esordio della frizzante band romana. Un viaggio surreale e ironico, con intelligenza e passione, tra rock e 'canzoni di fuga'

 

 

 

 

 

 

Saesciant - Andiamo a Zanzibar

(Saesciant Records) 

 

10 brani - 41.21 minuti

 

 

I Saesciant amano definirsi "un quartetto di musica ricreativa" e con il disco di debutto Andiamo a Zanzibar propongono una miscela di sana musica e profonda ironia. Il gruppo romano è composto da affiatati amici ed eclettici musicisti: Marco Pofi (voce e chitarra), Umberto Cutillo (basso e voce), Carlo Zambon (chitarra, tastiere e kazoo) e Gabriele Morcavallo (batteria). Nascono nel 2002 e hanno alle spalle numerosi singoli come Nicotina & Desideri, Meridionale e Shaolin, apprezzati in particolare nel mondo radiofonico; dopo il demo Sotto certi aspetti sono vincitori e finalisti di vari festival di musica indipendente, e grazie all'esperienza fatta sui palchi di tutta Italia, approdano con entusiasmo al primo disco.

 

Andiamo a Zanzibar è un album che tocca tutti i colori dell'anima e della contemporaneità, con 10 travolgenti canzoni influenzate da Eduardo Bennato, Fabrizio De André e Rino Gaetano, dal miglior classic rock (dai Led Zeppelin ai Police), senza disdegnare svisate reggae e funk. Un panorama di riferimenti vissuto senza emulazione, dove i Saesciant con originalità sviluppano uno stile unico e fresco, scanzonato e coinvolgente. "Se un progetto è il punto di vista, beh, l’arte secondo noi sta nel punto di fuga", affermano i ragazzi. L'elogio della fuga è affrontato con uno sguardo surreale e intelligente, in queste "canzoni di fuga" ci accompagnano il Tenente Sciant, i pirati all'orizzonte, una misteriosa Valentina, Giovanna e uno spettro di personaggi pittoreschi e animati  dalla passione dei Saesciant.

 
Si legge su RockAction: "I Saesciant si esprimono in scioltezza in un lavoro dove la componente del divertimento gioca un ruolo decisivo, ma senza prendere il sopravvento sull’intensità e sulla serietà della loro proposta musicale". Musica che parla di cose serie senza prendersi sul serio, da parte di un gruppo divertente e divertito, abile nel confezionare canzoni rock fantasiose e inebrianti. Una rivelazione della nuova musica italiana.


I Saesciant:

Marco Pofi: voce e chitarra
Umberto Cutillo: basso e voce
Carlo Zambon: chitarra, tastiere e kazoo
Gabriele Morcavallo: batteria


Info:

 

http://www.saesciant.it


http://www.myspace.com/saesciant

 


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl