La Filarmonica Toscanini diretta da Charles Dutoit all'Auditorium Paganini

10/feb/2005 00.42.16 Ufficio Stampa Teatro Regio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
?
Teatro Regio di Parma
Fondazione
____________________
  

 

Dalla Francia alla Russia,

i colori dell’orchestra

Tutto esaurito per il  concerto della Filarmonica Toscanini

diretta da Charles Dutoit

Parma, Auditorium Niccolò Paganini

venerdì 11 febbraio 2005, ore 20.30

       

       

        Ancora un'importante tappa nell’articolato, diversificato viaggio musicale della Stagione Concertistica del Teatro Regio di Parma, realizzata con il sostegno di CariParma&Piacenza: nel giro di pochi giorni infatti il pubblico del Paganini è potuto passare dal denso tessuto musicale, dall’intensa eloquenza spirituale del Requiem tedesco di Brahms al virtuosistico arcobaleno pianistico del programma pianistico di Paik, per giungere a una tappa di rinnovato fascino, proposta venerdì 11 febbraio 2005 alle 20.30 (in abbonamento al turno A). Protagonista questa volta la Filarmonica Arturo Toscanini, diretta da Charles Dutoit in un programma che sembra essere la continuazione di quello di Kun Woo Paik: una sorta cioè di trasposizione da pianistico a orchestrale del confronto-rapporto tra Francia e Russia sotto il segno del virtuosismo coloristico e tecnico di musiche quali Ma mère l'oye di Maurice Ravel, Ibéria (da Images), di Claude Debussy e infine Shéhérazade di Nikolaj Rimskij-Korsakov.

        «Un doppio filo conduttore attraversa il programma di questa sera - scrive a questo proposito Gian Paolo Minardi - la magìa del colore orchestrale e l’evocazione fantastica, suggerita dal fiabesco come dall’immaginazione paesistica: colore non inteso quale orpello aggiuntivo, bensì come fibra essenziale alla struttura stessa».

        Un “Concerto da favola” verrebbe da dire, in un programma nel quale due delle tre composizioni presentate, Ma mère l'oye di Maurice Ravel e Shéhérazade di Nikolaj Rimskij-Korsakov, nascono infatti dalla suggestione delle favole da cui prendono ispirazione. Certo però che queste favole hanno sortito un risultato altrettanto «da favola», per continuare e concludere con questo paragone, rappresentando infatti alcune delle pagine più note del repertorio orchestrale tra Otto e Novecento, caratterizzate entrambe da un virtuosismo che permette agli interpreti di far emergere tutte le proprie doti.

        E interprete di grande richiamo internazionale è senz’altro Charles Dutoit, il direttore che sarà alla testa della Filarmonica Toscanini in questo concerto. Conosciuto per il suo repertorio larghissimo che comprende ogni genere e stile, Dutoit collabora regolarmente con le principali orchestre ed i più famosi solisti del mondo. Dal suo debutto con la Philadelphia Orchestra nel 1981, Charles Dutoit è stato ogni anno invitato dalle più importanti compagini statunitensi, quelle di Boston, New York, Philadelphia, Los Angeles, Chicago, San Francisco, Pittsburgh e Cleveland. Altrettanto regolarmente dirige le più storiche orchestre europee, dalla Filarmonica di Berlino al Concertgebouw di Amsterdam, dalla Filarmonica di Vienna a tutte quelle di Londra e poi la Israel Philharmonic e le maggiori del Giappone, Sud America e Australia.

        Enorme la sua produzione discografica, che consiste di oltre 140 registrazioni - metà delle quali con la Montreal Symphony (della quale è stato Artistic Director dal 1977 al 2002) incise per Decca, Deutsche Grammophon, Emi, Philips, Cbs, Erato… -   che gli hanno fatto conquistare oltre 40 premi in tutto il mondo.

        Dal 1990 è Artistic Director e Principal Conductor dei Concerti estivi della Philadelphia Orchestra al Saratoga Festival of the Performing Arts. Dal 1991 al 2001 è stato Music Director dell’Orchestre National de France, nel 1996 è stato nominato Principal Conductor e nel 1998 Music Director della NHK Symphony Orchestra di Tokyo. Per citare solo uno dei suoi più recenti impegni, l’inizio nel 2003 al Teatro Colón di Buenos Aires di un ciclo di opere di Wagner, partendo dall’Olandese volante  e comprendente anche tutto l’Anello del Nibelungo.

        Ben conosciuta al pubblico parmigiano, ed ugualmente ad un pubblico sempre più allargato grazie alla sua intensa attività internazionale, è la Filarmonica Arturo Toscanini. Sotto la guida di Lorin Maazel, che dal maggio 2004 ne ha assunto la direzione musicale, l’orchestra si dedica al grande repertorio sinfonico, avvalendosi anche della collaborazione di direttori e solisti di fama internazionale. Per citare solo alcuni degli ultimi impegni, insieme a Lorin Maazel ha suonato la Nona Sinfonia di Beethoven nella Basilica della Natività di Betlemme, e a Gerusalemme il “Concerto per la vita e per la pace” è stato trasmesso in mondovisione il 25 dicembre 2004. Tra i direttori e i musicisti con cui l’orchestra collabora abitualmente vanno menzionati Georges Prêtre, Charles Dutoit, Yuri Temirkanov, Gary Bertini, Rafael Fruhbeck de Burgos, Dimitrij Kitajenko, Jeffrey Tate, Eliahu Inbal, Michel Plasson, Stanislav Bunin, Maxim Vengerov, Uto Ughi.

        La sua attività internazionale continuerà quest’anno negli Stati Uniti e in Giappone, in Grecia e Israele culminando nel biennio 2006/2007 negli Stati Uniti con i concerti  in occasione del cinquantenario della morte di  Arturo Toscanini.

      

 

 

 

 

Stagione Concertistica 2004/2005

del Teatro Regio di Parma

Auditorium Niccolò Paganini

Ottobre 2004 - Aprile 2005

 

______________________

 

venerdí 11 febbraio 2005, ore 20.30 Turno A

 

Maurice Ravel
Ma mére l'oye, cinque pezzi per orchestra

Claude Debussy
Iberia, da Images

Nikolai Rimsky-Korsakov:
Sheherazade, suite sinfonica op.35

 

Direttore CHARLES DUTOIT

FILARMONICA ARTURO TOSCANINI

 

______________________

 
 
Paolo Maier
Ufficio Stampa e Comunicazione
Fondazione Teatro Regio di Parma
via Garibaldi, 16/a
43100 Parma - Italia
tel +39 0521 039369
fax +39 0521 218911
www.teatroregioparma.org
p.maier@teatroregioparma.org
stampa@teatroregioparma.org
 

I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto della Legge 196/03. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta, ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail precisando l’indirizzo email che verrà immediatamente rimosso. Abbiamo cura di evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl