Al via l’eccezionale avventura cinese dell’Edizione Straordinaria del Concorso per Giovani Cantanti Lirici “Riccardo Zandonai” Le tre fasi eliminatorie in programma dal 16 al 21 maggio presso il Padiglione Italia dell’Expo Universale di Shanghai 2010. Il concerto finale dei vincitori verrà eseguito presso la “He Lu Tin” Hall del Conservatorio di Shanghai il 23 maggio

10/mag/2010 12.21.15 Diritto d'Immagine Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Riva del Garda, 7 maggio 2010 – Ci siamo. Più di un anno di preparativi per onorare l’invito a suo tempo esteso dal Commissario Straordinario del Governo Italiano per l’Esposizione Universale di Shanghai 2010, Professor Beniamino Quintieri, a far parte del Padiglione Italia. Un lavoro instancabile per salire su quell’aereo che porterà un pezzo significativo della nostra cultura, della nostra tradizione musicale e del nostro territorio in quella che, da oggi e per sei mesi, sarà certamente la città più visitata del mondo.

 

Un lavoro fatto di passione e di condivisione degli obiettivi, una sinergia virtuosa fra territorio, istituzioni e associazione che porta Mietta Sighele a dichiarare, con un pizzico di commozione: “MusicaRivafestival non può che esprimere la massima riconoscenza nei confronti di tutti coloro i quali si sono spesi per aiutarci a portare il concorso a Shanghai. E’ un traguardo importantissimo, per noi, per i concorrenti e per la nostra terra. I riflettori del mondo intero si accenderanno per qualche giorno su di un pezzo di Trentino e noi non possiamo che tentare, con umiltà che non deve mai essere sottovalutazione, di esserne degni. Sarà un’esperienza straordinaria che racconterà, dall’interno del Padiglione Italiano, il modo in cui il nostro Paese ed il Trentino fanno cultura universale attraverso la musica.”

  

Parole che riecheggiano quelle pronunciate dal Professor Quintieri: “La manifestazione di Shanghai,” scrisse nella sua lettera d’invito, “è incentrata sul tema “Better City, Better Life”. Se da una parte il tema “Better City” sarà sviluppato attraverso la rappresentazione ideale di una città italiana in evoluzione, ovvero di un sistema coeso di tradizione e rinnovamento, il tema “Better Life” verrà sviluppato illustrando la dimensione culturale della città che arricchisce l’ambiente urbano contribuendo alla migliore qualità della vita. (…) Ritengo pertanto che un evento di prestigio come il Concorso Zandonai sia assolutamente coerente con l’approccio che questo Commissariato sta perseguendo nella scelta delle attività che animeranno il Padiglione Italiano.”

 

L’Expo Universale di Shanghai è il più grande evento della storia dell’umanità, presso il quale è previsto l’avvento di 80 milioni di visitatori in sei mesi. Il Padiglione italiano è considerato, dagli organizzatori della manifestazione, tra i sette più popolari. Esso è stato infatti tra i più visitati nei 6 giorni di ''soft opening'', che ha consentito nei giorni scorsi a oltre 1 milione di cinesi di godere in anteprima dell’Expo. Fra i visitatori d’eccellenza della fase di anteprima ricordiamo la signora Liu Yongqing, moglie del presidente cinese Hu Jintao.

La cerimonia di apertura del Padiglione Italiano si è svolta sabato 1 maggio, alla presenza del Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo, di Beniamino Quintieri, Commissario Generale per l’Expo di Shanghai 2010 e di Riccardo Sessa, Ambasciatore dell’Italia in Cina.

Ha partecipato, inoltre, all’inaugurazione Lucio Stanca, Amministratore Delegato di Expo 2015 spa. Il Padiglione è stato infine visitato da numerose autorità e personalità eccellenti, tra cui il Primo Ministro dell’Olanda, Jan Pieter Balkenende e Catherine Ashton, Alto Rappresentante per la politica estera UE.

 

Il Concorso per Giovani Cantanti Lirici “Riccardo Zandonai” si svolgerà dunque a Shanghai con le consuete modalità, con l’eccezione delle audizioni della fase eliminatoria che, in via eccezionale, si svolgeranno pubblicamente all’interno del Padiglione Italia, in modo che i visitatori possano godere, per diversi giorni, dell’esperienza di un susseguirsi ininterrotto di bel canto. Al termine della fase di selezione, il 23 maggio 2010, i vincitori si esibiranno in un concerto presso la Sala Hu Le Tin del Conservatorio di Shanghai, accompagnati dalla ZheJiang Symphony Orchestra diretta dal Maestro Marco Boemi.

 

 

Informazioni su musicaRivafestival

Nel corso dei venticinque anni di attività musicaRivafestival è venuto progressivamente affermandosi come la più importante manifestazione di musicale che si svolga in riva al Garda trentino. Eccezionale connubio fra approfondimento, studio e spettacolo, il festival rappresenta ogni sera, per quindici giorni, spettacoli offerti dai docenti dei corsi di specializzazione in diverse discipline della musica classica e lirica, dalla direzione d’orchestra al canto, dal pianoforte al violino, dal corso speciale di ottoni a quello di flauto e fagotto e dai loro studenti, oltre a spettacoli acquistati da compagnie e teatri nazionali ed internazionali. Tra i docenti, musicisti di riconosciuta fama, segnaliamo lo stesso Direttore Artistico del Festival, Mietta Sighele, ed i Maestri Veriano Luchetti, Isaac Karabtchevsky ed Aldo Ciccolini. Gli studenti, ogni anno tra i centocinquanta ed i duecento, sono giovani professionisti provenienti da tutto il mondo: docenti di conservatorio, giovani artisti che muovono i primi passi nella carriera solista, direttori d’orchestra desiderosi di apprendere, da grandi Maestri, i segreti più reconditi della loro arte.

 

Informazioni sul Padiglione Italia - La “Città dell’uomo”

Tradizione urbana italiana con un omaggio alla città di Shanghai

Il tema dell’Expo, “Better City, Better Life”, sembra essere stato scelto appositamente per esaltare lepeculiarità tecniche, storiche e artistiche dell’Italia. Una sfida che l’Italia ha raccolto e interpretato in un Padiglione che sa di “Città del futuro”, in cui l’uomo può tornare ad essere protagonista, dove il concetto di vivibilità assume un ruolo predominante.

L’idea del progetto del Padiglione Italiano è nata da un bisogno concreto: quello di riuscire a coniugare la capacità italiana del saper vivere e gestire al meglio gli spazi tradizionali di aggregazione sociale, le piazze, i vicoli, i piccoli borghi, con l’innovazione di una ricerca scientifica sempre più interessata ad utilizzare materiali eco-compatibili, rispettosi dell’ambiente, proiettati verso il futuro. E del resto, il tema stesso dell’Expo lanciava questa sfida.
Il Padiglione italiano sarà una vera e propria città in miniatura, con un riferimento preciso a quella che ospiterà l’Expo ma soprattutto al carattere composito del Paese: parla degli italiani, della loro creatività e della cultura millenaria che li ha attraversati.

Progettato dall’architetto Giampaolo Imbrighi e dai suoi Associati, il padiglione illustra i valori culturali italiani senza dimenticare quelli del paese ospite, con un omaggio alla città di Shanghai e al famoso gioco che prende il suo nome.
Il progetto propone, infatti, un edificio che integra 3 aspetti fondamentali:

  • un marcato riferimento al regionalismo, alla poliedricità di usi e costumi della popolazioneitaliana e di quella cinese, entrambe afferenti ad una unica realtà nazionale di grande tradizione;
  • la tradizione urbana: la corte e i vicoli, le tipiche costruzioni di molte città cinesi, ad esempio Shanghai, (Shikumen) come nella tradizione dei borghi italiani.
  • l'elemento acqua quale riferimento essenziale alla fonte di sostentamento, vita e sviluppo delle popolazioni e dell’industria;

Punti di forza:

  • Estrema funzionalità: per sei mesi sarà in grado di attrarre, accogliere e sorprendere un gran numerodi visitatori
  • Qualità architettonica ricercata: unirà tradizione e innovazione, in armonia con il principio del funzionamento bioclimatico ed ecosostenibile .
  • Ritorno d?immagine: sarà una grande vetrina per le eccellenze italiane, selezionate in base alla loro capacità di elevare la qualità di vita nelle aree urbane.

 Caratteristiche architettoniche
Il disegno del padiglione presenta una pianta quadrata di 3.600 mq metri per un’altezza di 18 metri ed una divisione in più corpi di dimensioni diverse ed irregolari collegati da strutture-ponte in acciaio che lasciano intravedere i ballatoi di collegamento. Il progetto soddisfa sul piano strutturale l’esigenza di essere
eventualmente smontato e ricostruito in dimensione ridotta in un’altra area della città.


Materiale innovativo
L’edificio è lambito su tre lati da una lama d’acqua che lo riflette esaltandone gli effetti luminosi naturali. La luminosità della struttura si riproduce anche  all’interno non solo attraverso feritoie che evocano i vicoli stretti tra i palazzi delle città, ma anche grazie all’impiego di cemento trasparente, un materiale poliedrico di recente creazione. Tale prodotto, a seconda della sua particolare e diversa composizione in relazione ai diversi affacci del fabbricato, genera un duplice effetto architettonico: una percezione notturna dall’esterno della vivacità delle azioni contenute all’interno e una presenza dell’atmosfera esterna, durante il giorno, percepibile all’interno. La superficie del padiglione apparirà in parte diafana e in parte trasparente con facciate formate da cristalli autopulenti.

Funzionamento bioclimatico
Il Padiglione è pensato come una “macchina” dal particolare funzionamento bioclimatico con l’obiettivo di un significativo risparmio energetico. Gli elementi fotovoltaici integrati nei vetri delle coperture esterne garantiranno un effetto schermante dalle radiazioni, mentre il progetto illuminotecnico dell’edificio mira non soltanto a scandire gli spazi, ma anche a favorire il risparmio di energia.

Lo Studio Iodice di Aversa e in particolare gli architetti Teresa Crescenzi, Antonello De Bonis, Cosimo Dominelli, Francesco Iodice, Giuseppe Iodice e Marcello Silvestre hanno collaborato con l'architetto Imbrighi al progetto.

 

---ends---

 

Per informazioni:

Associazione MusicaRiva

 Via Mazzini 5 
 38066 Riva del Garda 
 (Trento) Italia 
 Tel. +39 0464 554073 
 Fax +39 0464 520683 
 info@musicarivafestival.com 
 www.musicarivafestival.com 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl