PRESENTAZIONE DI "A PIEDI NUDI NEL FANGO" DI G. SIBONA, GIOVEDì 20 MAGGIO A MILANO.

PRESENTAZIONE DI "A PIEDI NUDI NEL FANGO" DI G. SIBONA, GIOVEDì 20 MAGGIO A MILANO.

20/mag/2010 13.37.56 RedB Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

PRESENTAZIONE DI “A PIEDI NUDI NEL FANGO” DI G. SIBONA, GIOVEDì 20 MAGGIO A MILANO.

Partecipano l’autrice, Gilson Silveira, che suonerà qualche brano ,e Franz Di Cioccio l’editore

 

Giovedì 20 Maggio Ore 19,00 alla Libreria del Mondo Offeso, Corso Garibaldi, 50 (Cortile interno), Milano si terrà la presentazione di

"A piedi nudi nel fango". Attraverso il Brasile sulle note di Gilson Silveira.

 

Di Guendalina Sibona, Aereostella Editore.

 

Nelle pagine di questo libro la giovane autrice e fotografa svuota lo zaino zeppo di ricordi e sensazioni indelebili con cui ha attraversato il Brasile.

 

E’ penetrata in questa terra, imparando a diventare parte di essa, sperimentando quanto aveva da offrire con tutti e cinque i sensi a disposizione.

 

L’udito per ascoltare le urla delle scimmie nel fitto della giungla, la canzone dei pescatori di Bahia, il cigolio del ponte di Cachoeira, il boato della gola del Diavolo, il silenzio dell’alba. La vista per guardare l’occhio luminoso dello Jacaré, i colori caldi del cajù, i pesci che saltano fuori dal fiume nel buio della notte, il cielo nero rigurgitante di stelle. L’olfatto per annusare il profumo speziato della Mata Atlantica, l’odore di pesce grigliato sulla spiaggia, l’aroma del mango tropicale, la puzza dei nostri corpi sporchi e sudati, l’odore della jungla bagnata. Il gusto per assaggiare succhi di frutta dai sapori mai provati, il trito piccante da star male dei piatti di Bahia, l’aria salata d’oceano, il vatapà dolce di cocco, l’asprissima caipirinha. Il tatto per sentire il gelo della tempesta, la morbidezza dell’argilla sulla riva di paraty, la compattezza dell’aria di Manaus, gli scossoni su tutti gli autobus, la rotondità dei massi di Trinidade.

 

A dare Musica al racconto le bellissime fotografie di Guendalina Sibona, le canzoni di Gilson Silveira, percussionista di Ipoema “prestato” all’Italia dal 1985 il cui ultimo lavoro è il DVD “A boy from Ipoema”.

 

Guendalina Sibona ha 25 anni ed è laureata in scienze e tecniche psicologiche presso l?università Bicocca di Milano. Si avvicina alla fotografia per hobby, fino a collaborare nel 2007 con una casa editrice specializzata in manuali, per una collana dedicata agli animali.

Suo il ilibro fotografico “Dagli artigli alle zanne” (2008). La passione pr la fotografia si intreccia a quella per i viaggi, che la portano a visitare i paesi europei tra i voli low cost, ostelli, interrail, houseboat ed escursioni nei luoghi meno turistici.

 

Gilson Silveira nato a Ipoema (Brasile), inizia la sua carriera professionale nel 1981 a Belo Horizonte con vari artisti locali come, Gilvan de Oliveira, Titane, Mauricio Tizumba, Marku Ribas, Marcos Buana e alcune compagnie teatrali.

Nel 85 si stabilisce in Italia dove inizia a collaborare con artisti italiani e stranieri come Celso Machado, Laura Fedele, l’Orchestra della rai, Sergio Caputo, Balem Lopes de Munain, Farafina, José Feliciano, Tullio De Piscopo, Meg, Attilio Zanchi, Ana Torroja, MIguel Bosé, Ziryab, Dilene Ferraz, Sergio Lavia e MariaIsabel Garcia e tanti altri. Attualmente endorser Meinl percussion in Italia. Autore del cd “Mala e cuia” (2002), primo lavoro solo. Oltre a una intensa attività didattica negli ultimi 15 anni. Il suo lavoro è il dvd “A boy from Ipoema” uscito nel 2009 per Fermenti Vivi by Aereostella.

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl