Chiusa la XIII edizione di Voci per la Liberta' Una Canzone per Amnesty

28/lug/2010 00.11.41 Glitter&Soul Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty XIII edizione

proclama la

Piccola Orchestra Karasciò

vincitrice del

Premio Amnesty Emergenti

e consegna il

Premio Amnesty Italia 2010 a

Carmen Consoli

 

 

 

Villadose (Ro) - Al termine di una serata tanto densa quanto piovosa Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty ha consegnato, attraverso le mani della presidente di Amnesty Italia Christine Weise, i suoi premi a quei progetti musicali di esordienti e big che meglio hanno interpretato la necessità del rispetto dei diritti umani; numerosissimo il pubblico, che ha assistito all'evento nonostante il maltempo, mentre la bravura e professionalità dei presentatori (Gianluca Polverari di Radio Città Aperta e Savino Zaba di Radio 2) e dei musicisti, che si sono esibiti a dispetto del copioso vento e dell'acquazzone, hanno consentito di portare a termine lo spettacolo nonostante il disagio.

 

 

la Piccola Orchestra Karasciò (Bergamo)

ha vinto il Premio Amnesty Emergenti

grazie a Beshir, il racconto della coraggiosa e disperata traversata di un migrante diretto in Italia

 

Giorgio Barbarotta (Treviso)

ha vinto il Premio della Critica

con Bal Ashram, brano sull'omonima comunità autosufficiente di Varanasi (India) che accoglie bambini abbandonati provenienti da situazioni di disagio

 

Prhome (Rovigo)

ha vinto il Premio Giuria Popolare

con Black Rain, messa in discussione dei vincoli sociali che mortificano la dignità dell'individuo

 

 

Ringraziamo Corimè, che ha presentato Nuove medicine, sugli artifici sfruttati dal potere per controllare le vite delle persone, i Thisorder, che hanno eseguito Late Empire, canzone sul brutale assassino della manifestante iraniana Neda, e il Premio Amnesty Italia 2010 Carmen Consoli, che si è esibita in un set di quattro brani, tra i quali quello che le ha consentito di aggiudicarsi il PAI, Mio zio, denuncia di un abuso compiuto su un minore tra le mura domestiche.

 

 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

 

Conferenza stampa

(estratti dalle dichiarazioni)

 

 

Il Sindaco di Villadose Gino Alessio:

"[...] in questo momento di crisi anche lavorativa bisogna ripartire dalle priorità che riguardano gli individui e quindi dai principi che vengono sanciti dalla Dichiarazione universale dei diritti umani. Ringraziamo Amnesty e Voci per la Libertà che attraverso questa manifestazione danno il loro contributo nel rimettere al centro del tutto la persona e, attraverso la musica, forniscono un'occasione per far passare questo messaggio."

"[...] Mio zio è una canzone che riporta l'attenzione sull'infanzia, proiettandola al centro di un mondo che, a causa di un crescente individualismo, sta perdendo valori, quello della solidarietà tra gli altri."

 

Il presidente di Amnesty International - Sezione italiana Christine Weise:

"[...] Amnesty s'è già occupata specificatamente di donne attraverso la campagna Mai più violenza sulle donne e lo fa tutt'ora attraverso la campagna Io pretendo dignità, cercando, tra le altre azioni, di cambiare la situazione negli slum, baraccopoli prive di servizi essenziali e controlli come quella di Kibera in Kenia, dove viene violentata una donna su quattro. Amnesty denuncia che la violenza sulle donne è tra le violazioni più diffuse ed è presente ad ogni livello sociale e in ogni paese, Italia compresa. E' proprio all'interno delle famiglie, infatti, che si consuma questa violazione in modo invisibile e subdolo. Ringrazio Carmen Consoli per aver sottolineato con il suo brano la necessità di far luce su questi abusi."

 

Premio Amnesty Italia 2010 Carmen Consoli:

"[...] La mia è un'incitazione a denunciare gli abusi nonostante la difficoltà di farlo in culture come la nostra, ma io credo che dire la verità rechi sempre con sè una grande dignità."

"[...] Sono contenta di collaborare spiritualmente a questa iniziativa di Amnesty, mossa dal bisogno di dare voce ai più deboli; mi piace l'idea di contribuire come se fossi un piccolo soldatino al servizio dell'associazione e dei diritti. La musica può dare voce al silenzio, può emozionare; è un'azione non tangibile, ma può sensibilizzare gli animi e ingentilire il cuore."

 

Ringraziamo nuovamente il Comune di Villadose, presente oltre che con il Sindaco Gino Alessio con l'Assessore alla Cultura Ilaria Paparella, la Provincia di Rovigo e la Regione Veneto, presente anch'essa in conferenza con l'Assessore ai Diritti Umani e alle Pari Opportunità Marialuisa Coppola.

 

 

 

 

Una iniziativa di:

Associazione Culturale Voci per la Libertà – Sezione Italiana Amnesty International – Centro Ricreativo Giovanile – Comune di Villadose – Provincia di Rovigo - Regione del Veneto

 

Con il supporto di:

Audiocoop - Rete dei Festival - Glitter & Soul - Suono e Immagine - Europrint - immaGinaria - Federazione Italiana Organizzazione Festival d'Autore – Club House “A. Fornasiero”

 

Media Partner

Freakout - Mescalina - Freequency - Jam - Rockit - Mucchio - Radio Base - Ecoradio - Lascena - ViaVaiNet – Telestense

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl