Traiettorie - Klangforum Wien 12 settembre 2010, ore 20,30

Di questi, Beat Furrer, austriaco nato nel 1954 in Svizzera, è addirittura uno dei cofondatori di Klangforum, di cui è stato direttore artistico fino al 1992, e Klangforum ha celebrato il proprio quarto di secolo di vita quest'anno con un suo nuovo pezzo, Xenos-Szenen.

09/ago/2010 18.32.52 Ufficio Stampa Teatro Regio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

12 settembre 2010, ore 20,30

Auditorium Paganini

Klangforum Wien

 

Johannes Kalitzke, direttore

 

 

Beat Furrer (1954)

Retour an Dich (1986)

per pianoforte, violino e violoncello, 14'

 

Rolf Wallin(1957)

Appearances (2002-2007)                 ** Prima esecuzione italiana

Versione per 15 musicisti

per flauto, oboe, clarinetto, fagotto, corno, tromba, trombone, percussioni, pianoforte, 2 violini, viola, violoncello e contrabbasso, 25'

 

Bernhard Lang (1957)

Monadologie VII                                   ** Prima esecuzione italiana

„...for Arnold...“ (2009)

per flauto, oboe, corno inglese, 2 clarinetti, fagotto, controfagotto, corno, tromba, trombone, fisarmonica, percussioni, 2 violini, viola, 2 violoncelli, contrabbasso e sintetizzatore, 27'

 

 

 

Dopo la serata d’apertura di Traiettorie 2010, tutta basata sui classici della contemporaneità (Schönberg-Berg-Webern), Klangforum Wien – guidato questa volta da uno dei suoi “guest-directors”, il compositore tedesco Johannes Kalitzke – raddoppia sul palcoscenico dell’Auditorium Paganini offrendo alla rassegna, giunta alla sua ventesima edizione, un concerto di taglio completamente differente, imperniato su tre figure di compositori nati nel secondo dopoguerra ma di ispirazioni molto differenti.

Di questi, Beat Furrer, austriaco nato nel 1954 in Svizzera, è addirittura uno dei cofondatori di Klangforum, di cui è stato direttore artistico fino al 1992, e Klangforum ha celebrato il proprio quarto di secolo di vita quest’anno con un suo nuovo pezzo, Xenos-Szenen. Invece il trio Retour an Dich è nato proprio l’anno successivo alla fondazione dell’ensemble, molto prima cioè delle opere che lo hanno consacrato, Invocation VI, Lotófagos e il Concerto per pianoforte e orchestra: per nulla intimorito dall’idea di ripetere i propri frammenti sonori, in questo trio Furrer fa tintinnare ripetutamente gli archi alternandoli a percussioni profonde, in un luccichìo che piano piano si agglutina in linee, in una trama di grumi sonori che risolve l’ossessione in evoluzione.

A fianco di questo pezzo quasi minimalista, quelli di Rolf Wallin e di Bernhard Lang, entrambi dell’ultimo decennio, risentono sensibilmente delle ricerche di fisica acustica applicate alla musica nell’ultimo quarto di secolo: un altro mondo rispetto a quello di Furrer. 

Appearances è un pezzo sui cambiamenti, sulla provvisorietà, sia della vita biologica sia di quella mentale: una musica che non si evolve sulla base di un piano prestabilito, ma sembra cambiare di continuo, così come di continuo cambiano le forme vitali. Dopo gli inizi legati agli esperimenti su jazz e rock progressivo, Wallin si è rivolto a forme più studiate e all’elaborazione elettronica, ma senza l’accanimento metodico di Bernhard Lang, suo coetaneo austriaco, che ha fatto della ripetizione una cifra stilistica. Monadologie VII, dato in prima assoluta al Festival Wien Modern l’anno scorso e ora a Traiettorie in prima italiana, usa archi ed elettronica per creare processi automatici secondo un piano che ricorda la Symphonie op. 38 di Schönberg, a cui il pezzo è dedicato, e con il quale Klangforum si riallaccia idealmente al concerto precedente che ha dato il via a questa ricca edizione di Traiettorie.

 

 

 

Fondazione Prometeo Card

 

 

La FP Card è destinata a tutti coloro che vogliono sostenere le iniziative della Fondazione Prometeo.

La card permette di usufruire di numerosi sconti in alcuni esercizi convenzionati della città (ristoranti, librerie, negozi di musica) e di ottenere riduzioni per l'ingresso ai concerti di Traiettorie 2010.

La sottoscrizione della card nelle serate del 10 e del 12 settembre dà inoltre diritto all’ingresso gratuito ai primi due concerti della rassegna.

 

Per informazioni sui costi contattare gli uffici di Fondazione Prometeo

Tel. 0521 708899 – 0521 031128 - www.fondazioneprometeo.org - www.traiettorie.it

 

 

 

Biglietteria

 

Biglietteria in loco con possibilità di prevendita presso la Biglietteria del Teatro Regio di Parma.

In alternativa, è possibile prenotare i biglietti telefonicamente ai recapiti della Fondazione Prometeo e ritirarli la sera stessa del concerto presentandosi con utile anticipo.

 

Biglietteria dell'Auditorium Paganini: via Toscana, 5/A - 43122 Parma

Biglietteria del Teatro Regio di Parma: Via Garibaldi, 16/A - 43121 Parma, tel. 0521 039399

Fondazione Prometeo: 0521 708899 – 0521 031128

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl