Rinnovamento nello Spirito "GiovanInsieme 2005"

03/giu/2005 22.20.09 PRESS WORLD AGENCY Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Rinnovamento nello Spirito “GiovanInsieme 2005”

Avellino - “Cristo ci ha liberati perché restassimo liberi” (Galati 5,1). È il titolo del Convegno regionale dei giovani promosso dall’Associazione “Rinnovamento nello Spirito Santo della Campania”, che si terrà il 05 giugno presso il “palazzotto dello Sport” di Avellino. Prevista la partecipazione di circa 2000 giovani, provenienti da tutta la regione Campania. L’incontro costituisce solo “un appuntamento” nell’ambito di un cammino iniziato già da tempo, con la chiara coscienza e la convinzione sempre più condivisa che la missione di annunciare il Vangelo a ogni creatura: “è ancora ben lontano dal suo compimento, anzi è appena agli inizi” (Nota pastorale sul primo annuncio del Vangelo - QUESTA E’ LA NOSTRA FEDE). Diventare apostoli, “primavera della Chiesa”, per comunicare agli altri la propria esperienze di Dio, essere pronti ad affrontare la vita, entrando nel mondo degli adulti con capacità critica e assumendo le proprie responsabilità - con le modalità e le finalità che caratterizzato il RnS - nel promuovere la Cultura di Pentecoste nell’ambito della vita ecclesiale e sociale. L’iniziativa nasce dalla consapevolezza di far riscoprire la centralità della testimonianza del Vangelo, ripensando radicalmente ai modi di essere e di agire, in un contesto culturale, politico e sociale globale che pone grandi sfide alla fede dei giovani. Il convengo, si aprirà alle ore 09.00, con l’introduzione della Coordinatrice regionale Dott.ssa Concetta Stingo per concludersi alle ore 19.30. In qualità di relatori interverranno il Direttore Edizioni RnS e membro della consulta nazionale CEI settore musica Luciana Leone, il Responsabile della “Comunità delle Beatitudini” di Sovere; Padre Pierre Aquila, instancabile apostolo nell’annuncio e nella testimonianza del Vangelo in molte parti d’Italia; la fondatrice della “Comunità Shalom” di Riva del Garda, Suor Rosalina Ravasio, impegnata nel recupero dei giovani disagiati attraverso una proposta cristiana di vita nuova. Tra gli ospiti del mondo dello spettacolo è prevista la presenza di Roberto Bignoli, cantautore cristiano di fama mondiale, vincitore di DUE PREMI "UNITY AWARDS", promossi dalla UCMVA (United Catholic Music and Video Association), associazione internazionale nata per riunire gli artisti cristiani di tutto il mondo, quale miglior artista straniero e autore della migliore canzone, nonché vincitore anche del Golden Graal, ovvero: i "Premi Oscar" italiani per gli artisti di musica cristiana; ketty Saponaro, cantante professionista da oltre un ventennio, protagonista canora del progetto “Colonna di Fuoco”, promosso dall’Associazione RnS, nato per rispondere all'invito di Giovanni Paolo II di attivarsi per una evangelizzazione ”nuova nel suo ardore, nei suoi metodi, e nelle sue espressioni”. Le testate giornalistiche che intendono partecipare al Convegno devono accreditarsi con fax, , al n. 081.777.72.37, oppure al n. 347.76.69.176 entro e non oltre il 04 giugno p.v.. Gli accreditati potranno ritirare il pass per accedere alla Convocazione presso la Segreteria Organizzativa allestita presso il palazzotto dello sport. Sarà approntata per l’occasione una postazione per fotografi e telecineoperatori. Alle testate che ne faranno richiesta sarà garantito un filmato di 3’ o un cd con 10 fotografie.

Per il Crs Gino Canfora 338 2713868 - lan_62@yahoo.it Referente ambito giovani

Roberto Bignoli

biografia artistica
Fin da bambino ha la passione per la musica. La sua carriera artistica comincia all'età di sedici anni, partecipa a varie manifestazioni canore e vari Festival di musica leggera, ha fatto da "spalla" ad alcuni "Big". Ha cantato per le strade di città italiane ed estere raccogliendo approvazioni e pubblico.Alcune tra le sue produzioni degli anni ’80 - “Se la luna” con 30.000 copie vendute, “Canzone per Laura” presentata in tutte le emittenti televisive private tra cui la popolare trasmissione “Pop Corn” di Canale 5, “Lorelai” e “Ninnanà ninnanò” sono le più note.Tra l’83 e l’84 si stabilisce a Parigi per alcuni mesi densi di soddisfazioni professionali.
Nel 1984, anno decisivo per la sua conversione, decide un radicale cambiamento d’indirizzo e da allora dedica il suo talento artistico interamente alla testimonianza del cambiamento avvenuto ed all’annuncio cristiano.Nel ’96 esce un primo 45 giri - “Regina della Pace”- in due edizioni, frutto della profonda amicizia con la mistica Maria Siccardi, che vende 15.000 copie nei circuiti cattolici. E’ del 1987 il primo album della nuova produzione, intitolato “Canzone per Maria” interamente dedicato all’esperienza della nuova spiritualità mariana. “Ho visto la Croce” nel 1987 che testimonia la scoperta della centralità di Cristo e della Croce come chiave di lettura della sua storia personale. Nel ’90 registra un concerto-testimonianza intitolato “Una storia da raccontare” quale documento della nuova sensibilità maturata. “Porta Cristo” del 1991 nasce dall’impeto e dalla freschezza dell’annuncio, con alcune che a tutt’oggi rimangono tra le più significative canzoni di Roberto: “Ballata per Maria” poi diventata il live motiv della emittente Radio Maria, “Porta Cristo” un funky in cui si trasmette la passione di annunciare Cristo negli ambienti dell’emarginazione giovanile e dove il degrado umano appare senza speranza, “Diglielo tu” brano rock nato da un incontro realmente avvenuto. Nel 1986 pubblica con le Edizioni Paoline "Tempo di Pace", un lavoro ricco di musicalità e di tematiche forti, con la famosa “Concerto a Sarajevo” scritta durante la guerra in Bosnia e trasmessa ovunque soprattutto nelle radio clandestine della ex repubblica balcanica, “Un uomo” e la riproposta di “Oltre la collina” scritta nell’83 prima della sua conversione, quasi una premonizione di quello che stava per succedergli. Una proposta di canzoni impegnate, nate dal vissuto e lontane da una facile retorica. Nel 1998 esce la raccolta “Roberto Bignoli, Vol.1” e nel 1999 il singolo “Blues cielo blu” contenente, tra l’altro, il bellissimo e trascinante brano blues omonimo. Del 2001 è il nuovo cd multimediale “Ho bisogno di Te” dal titolo della nuova canzone “etnica” dedicata a Dio Padre e “Parole e amore” frutto dello stupore di fronte alle grandi testimonianze di carità del nostro secolo. L’ultima uscita consiste nel nuovissimo singolo per le radio, “Là c’è un posto” contenente quattro nuovi brani tra cui l’emozionante e cantautorale “Dimmi, mio Signore”, una drammatica domanda a Dio di fronte allo sgomento dell’attuale momento mondiale di rivolgimenti e catastrofi epocali e la forte ballata rock “Là c’è un posto”, una mano tesa ed un invito a mettersi in cammino rivolto a chi si trovi in coinvolto in scelte di vita ingannevoli ed avvilenti. La prima canzone è uscita in Australia in una compilation internazionale il cui ricavato è destinato all’aiuto alle popolazioni colpite dal recente tzunami e la seconda in Polonia in una raccolta d’artisti cristiani polacchi, allegata alla prestigiosa rivista musicale “Ruah”.
Ha partecipato ad una ventina di compilations d’artisti cristiani di cui otto internazionali. Nel ’91 pubblica il libro “In concerto sotto la Croce” testimonianza di un concerto dal vivo tenutosi a Roma con la presenza di numerosissimi giovani.E’ attualmente in preparazione la sua nuova biografia. Ha tenuto concerti oltre che in tutta Italia,in Francia,Germania,Svizzera,Polonia,Bulgaria,ex Jugoslavia,Spagna, Malta, Canada,Usa, America Centrale e Latina, Argentina.Sono in allestimento due Tour in Australia e Brasile.Molti media tra Radio, Televisioni e giornali, sia cattolici che laici hanno parlato di lui. Roberto è stato promotore di Festival internazionali di musica cristiana e produttore artistico di compilations internazionali. Ha partecipato alla GMG di Parigi nel 1996, a quella di Roma (Tor Vergata nell’agosto del 2000) ed a quella di Toronto insieme a Don Mimmo Iervolino, nell’anno 2002.
Nel dicembre 2001 riceve a Washington il prestigioso premio internazionale UCMVA Unity Award (come miglior artista e per la miglior canzone dell’anno) e nel 2003 il primo riconoscimento del Golden Graal , l’Award italiano dedicato alla evangelizzazione. Sono inoltre numerosissimi i festival internazionali di Christian Music cui Roberto ha partecipato come Special Guest.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl