Bestemmie, alcol e droga al «rave» di Cofferati

Bestemmie, alcol e droga al «rave» di Cofferati

Allegati

01/lug/2005 16.27.30 PRESS WORLD AGENCY Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Bestemmie, alcol e droga al «rave» di Cofferati
- di Resazione Il Giornale -
da Bologna

Che per due giorni non si sarebbe dormito, con le famiglie tappate in casa, le linee degli autobus deviate, la musica a tutto spiano, i muri imbrattati di graffiti, i cittadini di Bologna lo avevano messo in conto, ormai rassegnati. Che alla Street Rave Parade, la «festa antiproibizionista» che ha tenuto banco nella città delle Due Torri sabato e domenica, ci sarebbe stato il festival della droga, era scontato. Meno scontato era che si arrivasse a issare striscioni blasfemi e con bestemmie in una manifestazione pubblica che ha avuto il benevolo sostegno della giunta Cofferati e della sinistra al governo della città.
Ma è esattamente quello che è accaduto.
Oltre al consumo e allo spaccio di stupefacenti, come mostra il reportage fotografico di cui è venuto in possesso Il Giornale, che ha scelto di pubblicarne solo una parte, gli antiproibizionisti hanno portato in bella mostra i cartelli con sopra scritto «Papa boys - Gruppo Porco D...» attraverso tutta la città, sono passati per i giardini Margherita, sotto Porta Castiglione, da viale Pepoli, per via Stalingrado e fino al Parco Nord. Facendo un doppio danno in un colpo solo:
hanno ferito chi crede e hanno oltraggiato la memoria di una persona, Papa Giovanni Paolo II, da poco defunta.
Forza Italia e Alleanza nazionale hanno duramente attaccato il sindaco Sergio Cofferati. «È un fatto intollerabile della più assoluta inciviltà» dice l'avvocato Lorenzo Tomassini, consigliere azzurro in Comune: «Ed è inaccettabile che la manifestazione sia stata autorizzata dalla questura, con il placet della amministrazione comunale, e che nessuno sia intervenuto per reprimere le violazioni non solo della legge ma anche di ogni principio di civiltà.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl