Eva Yerbabuena, la regina del Flamenco a E'grandEstatE

Allegati

25/lug/2005 22.43.00 Ufficio Stampa Teatro Regio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
?
Teatro Regio di Parma
Fondazione
____________________
 
 

 

 

La regina del flamenco Eva Yerbabuena

a E'grandEstatE con la sua Compagnia

Parma, Piazzale della Pilotta

mercoledì 27 luglio 2005, ore 21.30

  

 

        “Mi sento sola nel silenzio e mi lascio trasportare nel tempo per rendermi conto di ciò che mi è sempre sembrato senza risposta: l’atemporalità del flamenco. Ascoltando il vecchio grammofono, il disco mi ricorda che il flamenco, le sue voci, i suoi suoni, tocchi, movimenti sono l’espressione suprema del sentimento senza alcuna regola e limite”. Scrive così nelle sue note sullo spettacolo Eva la trentenne acclamata ballerina di flamenco Eva Yerbabuena, che con la sua compagnia sarà la protagonista mercoledì 27 luglio alle ore 21.30 di E'grandEstatE, la rassegna di musica, danza, teatro, realizzata in Piazzale della Pilotta dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Parma e organizzata dalla Fondazione Teatro Regio di Parma, in collaborazione con Banca Popolare dell'Emilia Romagna.

        Con lei in scena nello spettacolo recentemente salutato da straordinario successo in Canada e Stati Uniti i ballerini Mercedes Ruiz, Luis Miguel Gonzalez, Sonia Poveda, Maria Moreno, Eduardo Guerrero, accompagnati da Paco Jarana, Manuel de la Luz alle chitarre, da Antonio Coronel alle percussioni, da Ignacio Vidaechea al flauto e al sassofono e dai Cantaores Enrique Soto, Pepe de Pura, Jeromo Segura.

        Ecco le suggestioni dei quadri coreografici dello spettacolo che la ballerina e coreografa spagnola presenterà a Parma, nelle note da lei stessa redatte:  “Rarapata, «patás de bulerías» che nascono dal mio profondo. Torre de la Vela, con il suo movimento libero e aritmico, esprime tra i volants del mio strascico quello che Granada mi suscita: la luce dei suoi piccoli lucernai, l’odore della sua vegetazione, il tatto sacro dei suoi marmi, il tintinnio continuo dell’acqua che cade. Ballo la seguirilla, essenza della purezza e per questo chiamata De la Cava. Del puente racconta il sole di Triana, del suo ponte”. Poi le percussioni di Tiempo al Tiempo, “Cala la voce e il mio corpo parla a duri colpi senza alcuna parola”. Poi Chirrín-malacatín “A Siviglia, l’espressione popolare che annuncia che qualcosa finisce; “io lo faccio con i tango, esponendo, senza alcun problema, ciò che racchiudo quando alzo lo sguardo con violenza per vedere la luce del mio corpo in movimento”. Infine, “La luce muore, si perde il suono, se ne vanno anche le forme e mi trovo sola, nella penombra, con la certezza dal più profondo che la temporalità del flamenco non è altro che lasciare il cuore in balia della vita”.

        Nata a Granada nel 1970, inizia a ballare all’età di dodici anni. Si trasferisce a Siviglia per terminare i suoi studi di arte drammatica con Juan Furest e Jesús Domínguez, e parte per l’Avana per poter cosí studiare coreografia con Johanes García. Nel 1985 comincia a lavorare nella Compagnia di Rafael Aguilar e nel 1987 con la Compagnia di Paco Moyano. Dal 1990 collabora con Javier Latorre, Manolete, Merche Esmeralda e con Joaquín Cortes in Jóvenes Flamencos. Nel 1997 participa al documentario Flamenco Women (Sensaciones de Mujeres), del regista e cineasta inglese Mike Figgis e crea la coreografia La Garra y el Angel. Nel 1998 si esibisce al City Center di New York e al Teatro Real di Madrid come artista ospite del Ballet Nacional de España, interpretando A mi niña Manuela. In quello stesso anno fonda la sua Compagnia e presenta Eva alla X Biennale di Flamenco di Siviglia. Nell’ottobre 1998 divide il cartellone con Mikhail Baryshnikov a Wuppertal esibendosi come artista ospite per la coreografa Pina Bausch in occasione del 25º anniversario della sua compagnia. Nel 1999 si esibisce al Teatro de la Maestranza di Siviglia in omaggio a Jorge Luis Borges e partecipa ai Festival di Flamenco di Badajoz e Alcázar Reyes Cristianos di Cordova. In ottobre, su invito della coreografa Carolyn Carlson, presenta alla Biennale di Venezia, Patio de los Aljibes, quindi partecipa a numerosi altri festival. Nel gennaio 2000 riceve a Madrid il Premio “Flamenco Hoy” come Migliore Ballerina del 1999. Nel mese di marzo al Teatro Principal de Valencia, partecipa a Mujeres por la Paz, dividendo il cartellone con Ana Laguna, Nuria Espert, Carmen Linares e Irene Papas. Debutta in 5Mujeres5 alla XI Biennale di Flamenco di Siviglia nel settembre 2000 e riceve dalla critica il premio come il Miglior Spettacolo della Biennale e come Migliore Ballerina della Biennale; inoltre viene insignita del Premio Revelación conferito dal Canal Sur de Radio di Siviglia. Nel 2001 partecipa al film Hotel di Mike Figgis e conquista per la seconda volta il premio “Flamenco Hoy” come Migliore Ballerina e Migliore Compagnia del 2000 conferito dalla Crítica Nacional de Flamenco. Partecipa al Festival che Pina Bausch organizza insieme a Shantala, Ana Laguna e Sylvie Guillem a Wuppertal. Lo stato spagnolo le concede il “Premio Nacional de Danza”. Nel 2002 per il terzo anno consecutivo le viene conferito il Premio  Flamenco Hoy come Migliore Ballerina 2001. È premiata inoltre dall’Asociación de Profesores de la Danza Española y Flamenco per la sua carriera artistica. Effettua una tournée in Brasile e successivamente presenta con grande successo al Teatro Central di Siviglia La voz del silencio ottenendo il premio come migliore ballerina e interprete della Biennale di Siviglia 2002. Nel 2004 il Ballet Flamenco Eva Yerbabuena intraprende una nuova tournée negli Stati Uniti e in Canada con lo spettacolo Eva, in Francia e in Spagna con 5Mujeres5. Alla XIII Biennale di Flamenco al Teatro Maestranza di Siviglia. Presenta lo spettacolo A Cuatro Voces . In ottobre visita per la terza volta il Festival di Pina Bausch a Wuppertal dove presenta, insieme a Ana Laguna e Mikhail Baryshnikov, una coreografia creata da Pina Bausch.

         Per informazioni la biglietteria del Teatro Regio nel mese di luglio è aperta dal dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle 14.00 e dalle ore 17.00 alle 19.00 tel. 0521 039399 fax 0521 504224 ticket@teatroregioparma.org. Nei giorni di spettacolo la biglietteria è aperta dalle ore 20.00 in Piazzale  della Pilotta, ingresso Ponte Verdi. L'acquisto dei biglietti on line su www.teatroregioparma.org è possibile con una commissione di servizio del 12%.

 

 

 

E’grandEstatE 2005

Rassegna estiva di musica, danza, teatro

VII edizione 

Parma, Piazzale della Pilotta

 

 

mercoledì 27 luglio 2005, ore 21.30

EVA YERBABUENA BALLET FLAMENCO

EVA

coreografia Eva Yerbabuena - musica Paco Jarana

luci Raoul Perotti - scene Eva Yerbabuena - costumi Jimena San Roman

corpo di ballo Eva Yerbabuena, Mercedes Ruiz, Luis Miguel Gonzalez,

Sonia Poveda, Maria Moreno, Eduardo Guerrero

chitarre Paco Jarana, Manuel de la Luz - percussioni Antonio Coronel

flauto, sassofono Ignacio Vidaechea

cantaores Enrique Soto, Pepe de Pura, Jeromo Segura

tecnico Luci Raul Perotti - fonico Angel Olalla

regista Daniel Estrada - amministratore Cristóbal Ortega

Abb. E’grandEstate - E’grandeDanza

 

programma

 

INTRODUZIONE 1ª EVA - Eva Yerbabuena

TONA - Cantaores

RARAPATA (Bulerías) - Ballerini

TORRE DE LA VELA (Granaina) - Eva Yerbabuena

DE LA CAVA (Seguirrilla) - Ballerini/Ballerine

DEL PUENTE (Soleá) - Eva Yerbabuena

TIEMPO AL TIEMPO (Percussioni) - Ballerini/Ballerine

CHIRRIN-MALACATIN (Tango) - Tutta la Compagnia

INTRODUZIONE 2ª EVA

 

 

 
 

________________________________________________________________

 

 

 

E’grandEstatE 2005

Rassegna estiva di musica, danza, teatro

VII edizione 

Parma, Piazzale della Pilotta

 

p r o g r a m m a

 

 

mercoledì 6 luglio

FRANCESCO DE GREGORI

PEZZI TOUR

chitarra acustica e armonica Francesco De Gregori

direzione musicale, basso

elettrico Guido Guglielminetti

pianoforte, hammond, fender rhodes,

tastiere Alessandro Arianti

chitarre acustiche ed elettriche Paolo Giovenchi

batteria e percussioni Alessandro Svampa

pedal steel guitar, chitarre Alessandro Valle

chitarre Lucio Bardi

Abb. E’grandEstate - E’grandeMusica

  

venerdì 8 luglio

ANTONELLA RUGGIERO

LISBOA ANTIGA Omaggio ad Amalia Rodrigues

ARKÈ STRING PROJECT

violino Carlo Cantin

violino Valentino Corvino

viola Sandro di Paolo

contrabbasso Stefano Dall’Ora

percussioni Ivan Ciccarelli

 Abb. E’grandEstate - E’grandeMusica

 

lunedì 11 luglio

RAFFAELE PAGANINI in

SIRTAKI OMAGGIO A ZORBA

Compagnia Nazionale di Raffaele Paganini

Coreografie Luigi Martelletta

Musiche originali Marco Shiavoni

Musiche Astor Piazzolla

Abb. E’grandEstate - E’grandeDanza 

 

mercoledì 13 luglio

PETER CINCOTTI

piano & vocals Peter Cincotti

basso Barak Mori

sax tenore Scott Kreitzer

batteria Obed Calvaire

 Abb. E’grandEstate - E’grandeMusica

 

venerdì 15 luglio

FRANCESCO RENGA

CAMERE CON VISTA TOUR

basso Paolo Costa

batteria Giuseppe Cazzago

chitarra elettrica e acustica Chicco Gussoni

chitarra elettrica Stefano Brandoni

tastiere Vincenzo Messina

 Abb. E’grandEstate - E’grandeMusica

 

lunedì 18 luglio

PILOBOLUS DANCE THEATRE

TSU-KU-TSU - SYMBIOSIS - WALKLYNDON - DAY TWO

 Abb. E’grandEstate - E’grandeDanza 

 

mercoledì 20 luglio

ANDRÉ DE LA ROCHE in

DON CHISCIOTTE

OVVERO STORIA DEL CAVALIERE DELLA FANTASIA

Ente Nazionale del Balletto BALLETTO DI ROMA

direzione artistica Franca Bartolomei, Cristina Bozzolini

coreografia e soggetto Milena Zullo

collaborazione al progetto drammaturgico Silvia Poletti

musiche Antonio Vivaldi

musiche originali Marco Schiavoni

scene Fabiana Yvonne Lugli, Stefano Silvia

costumi Silvia Califano

disegno luci Carlo Cerri

 Abb. E’grandEstate - E’grandeDanza 

 

giovedì 21 luglio

IVANA SPAGNA

NEW CLASSIC ENSEMBLE

Saverio Moscatiello, Marco Serra,

Giuseppe Lapalorcia, Dimitri Chiclov,

Mariella Sanvito, Valentina Giangaspero,

Francesca Ruffili

 Abb. E’grandEstate - E’grandeMusica

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl