Colonia GMG 2005 - Edith Stein

di nascita e cultura germanica come la grande santa di Auschwitz, Edith Stein.

01/ago/2005 17.32.37 PRESS WORLD AGENCY Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

Santa Teresa Benedetta della Croce, al secolo Edith Stein, è una delle grandi figure che il Papa Giovanni Paolo II ha chiesto di riscoprire nel Messaggio per la Giornata Mondiale della Gioventù che si terrà a Colonia dal prossimo 16 agosto. Figura amatissima da Karol Wojtyla fin da quando era vescovo ausiliare di Cracovia e docente di filosofia all'università di Lublino, poi da lui elevata alla gloria degli altari l'11 ottobre 1998; figura altrettanto amata dal suo successore, Papa Benedetto XVI, di nascita e cultura germanica come la grande santa di Auschwitz, Edith Stein.

Una figura, la sua, di una grande pensatrice tedesca di ceppo ebraico che in un certo momento della propria vita aveva incontrato Cristo, e con Cristo aveva trovato anche la Croce, amandola e vivendola fino alle estreme conseguenze: il martirio nella camera a gas. Dopo la fine della seconda guerra mondiale, la vicenda di S. Teresa Benedetta della Croce, carmelitana scalza morta nel lager il 9 agosto 1942, è balzata all’attenzione della comunità internazionale, rivelando la sua grande statura, non solo filosofica ma anche religiosa, e il suo originale cammino di santità: era stata una filosofa della scuola fenomenologica di Husserl, una femminista ante litteram, teologa e mistica, autrice di opere di profonda spiritualità, ebrea e agnostica, monaca e martire.

Una  personalità - ha detto Giovanni Paolo II - che porta nella sua intensa vita una sintesi drammatica del nostro secolo”. Un percorso esistenziale quanto mai insolito e affascinante che merita di essere conosciuto, e il suo messaggio approfondito. A questo ci ha pensato la scrittrice Maria Di Lorenzo nella sua bella biografia Con la croce sul cuore - Edith Stein (Edizioni dell'Immacolata - Bologna), dove con stile pulito e coinvolgente traccia un profilo affascinante di questa donna che sarà uno dei "fari spirituali" della prossima GMG di Colonia.

L’Autrice ne ripercorre la vita, dalla nascita in una famiglia ebraica all'approdo prima all'ateismo e poi da questo alla scoperta della fede cattolica e alla conseguente scelta di farsi carmelitana, mettendo volutamente da parte la ponderosa mole del suo pensiero filosofico, per soffermarsi invece su alcune linee fondamentali del suo itinerario umano e spirituale: la scoperta della fede, di un Dio-Verità che si trasmuta in Dio-Amore, la ricerca del silenzio e della contemplazione come dimensione primigenia dell'essere, di una solitudine che viene interamente "abitata" da Dio. E' una santità, quella di Teresa Benedetta della Croce, che l’Autrice vede straordinariamente vicina al cuore e alle attese delle persone di oggi, ai loro dubbi, alle loro profonde lacerazioni, fino a farne una maestra di vita spirituale, di recente anche proclamata Patrona d’Europa, con S. Caterina da Siena e S. Brigida di Svezia.

Dalla quarta di copertina del libro:

"Il messaggio della Croce è entrato nel cuore di tanti uomini e donne cambiandone l'esistenza. Un esempio eloquente di questo straordinario rinnovamento interiore è la vicenda spirituale di Edith Stein. Una giovane donna in cerca della verità, grazie al lavorio silenzioso della grazia divina, è divenuta una santa e una martire: è Teresa Benedetta della Croce". (Giovanni Paolo II)  

Maria Di Lorenzo, laureata in lettere moderne, è scrittrice e giornalista specializzata in spiritualità e problematiche religiose del nostro tempo; collabora a varie testate, realizza siti web ed ha all'attivo diverse pubblicazioni di successo, fra cui: Rosario Livatino. Martire della giustizia (Paoline, 2000), Sui passi di Maria (Città Nuova, 2002), Pier Giorgio Frassati - L'amore non dice mai basta (Paoline, 2002), Madre Teresa. Lo splendore della carità (Paoline, 2003), Una scorciatoia per il cielo. Diciassette percorsi di vita e di fede con Maria di Nazareth (Gribaudi, 2004). Il pregio più grande che tutti i suoi libri possiedono è quello di essere scritti con il cuore e con l'intelligenza e di far rivivere davanti agli occhi dei lettori le vite dei personaggi raccontati con grande vividezza di caratteri e straordinario talento introspettivo, ciò che fà di lei una delle scrittrici più interessanti del panorama letterario italiano (web site: www.mariadilorenzo.net).

Il volume Con la croce sul cuore - Edith Stein (Edizioni dell'Immacolata - Bologna, euro 7,75) è possibile reperirlo in tutte le librerie cattoliche e su Internet, richiedendolo all'ufficio diffusione della casa editrice (diffusione@kolbemission.org) o al servizio Internet Book Shop, con pagamento in carta di credito o contrassegno e consegna veloce in pochissimi giorni (CLICCA QUI).

La scrittrice Maria Di Lorenzo inizia proprio in questi giorni una lunga serie di conferenze e incontri culturali in tutta Italia per presentare la figura di Edith Stein, che la vedrà impegnata fino alla primavera del 2006. Chi volesse proporle un incontro culturale da realizzare nella propria città può farne richiesta scrivendo a: press@mariadilorenzo.net.

GRAZIE DELLA VOSTRA ATTENZIONE!

Pier Vittorio Vallati - Catholic Press Service

 

 

     CATHOLIC PRESS SERVICE

 

         Dentro gli eventi,

                 al servizio della Chiesa

 

     cathpress_service@aqueropress.info

 

     Ufficio Stampa Cattolico

     by AQUERO PRESS NETWORK

 

     ©  2005  - all rights reserved

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl