NASCE ROCKING STONES UN’IMMERSIONE NELLA NATURA PER IMPARARE A “FARE MUSICA”

15/mag/2011 23.48.10 Rockingstones Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

http://www.rockingstones.it/Note, natura e passione. Saranno questi gli ingredienti del Rocking Stones, un campo estivo incentrato sulla musica, dove ragazzi dai 14 anni in su si incontreranno per un’emozionante vacanza innovativa. Il campo prevede infatti una serie lezioni di insieme ed è orientato proprio allo sviluppo della comunicazione dei giovani musicisti attraverso il proprio strumento, ponendo l'accento sul fare musica più che sulleseguirla. A tale scopo verranno svolte una serie di attività mirate che non possono essere affrontate normalmente durante le lezioni di strumento singolo: sarà chiesto loro non solo di suonare, ma di confrontarsi con gli altri musicisti scambiando idee su come organizzare e arrangiare i brani, che verranno poi eseguiti dal vivo, singolarmente e non. Una serie di attività collaterali di svago aiuteranno inoltre i ragazzi a rilassarsi durante il tempo libero e ci saranno sempre degli strumenti montati per poter “jammare” insieme agli altri partecipanti. Il tutto in mezzo al bosco della Riserva Naturale del Pigelleto, un ambiente unico che aiuterà i ragazzi ad ispirarsi e rigenerarsi.

Ma non lasciatevi trarre in inganno dal nome del campo. Protagonisti della vacanza-studio saranno infatti tutti i generi musicali: “Il nome - spiegano gli organizzatori - è nato da un gioco di parole, ma non vuol dire che ci occuperemo solo di rock. Ciò che ci preme di più è l'apertura mentale, sia nella musica che nella vita, ecco perché sarebbe riduttivo soffermarsi a un solo genere. Ci saranno quindi blues, jazz, funk e naturalmente anche rock”. Anche il tipo di strumento suonato o il livello di bravura non faranno differenza: “E’ sufficiente saper suonare almeno un poco – continuano gli organizzatori – e i gruppi saranno equilibrati da un numero bilanciato di strumentisti. Supponendo che un gruppo sia formato da un batterista, un bassista, due chitarristi, un tastierista, un cantante ecc., cercheremo di equilibrare questi numeri. Naturalmente, la precedenza, in caso di sovrannumero, verrà data a chi si è iscritto prima”.

Ad ideare ed organizzare il Rocking Stones sono quattro musicisti molto rinomati in Toscana, tutti insegnanti con anni di esperienza alle spalle:

Guido Pietrella, bassista per passione dall’età di 16 anni, si è esibito nei più importanti palchi di locali e teatri in Italia, avendo la possibilità di suonare con artisti quali Simona Bencini, Sarah Jane Morris, Ron, Paolo Belli, solo per citarne alcuni. Nel 2005 e 2008 ha preso parte al Bass Nature Camp organizzato da Victor Wooten e Steve Bailey a Nashville USA, nel quale ha avuto modo di formarsi con musicisti come Marcus Miller, Chuck Rainey, Michael Manring, Rhonda Smith, Esperanza Spalding. Questi artisti lo hanno spinto verso un nuovo approccio alla musica, molto più passionale ed istintivo, ed hanno sicuramente contribuito ad ispirarlo nell’organizzazione del Rocking Stones.

Nicola Fanelli, chitarrista, è entrato da adolescente nel mondo della musica attratto dal rock e dal blues e crescendo si è appassionato al jazz e alla musica classica. Ha frequentato il Saint Louis College of Music Roma. Continuando a coltivare l'amore per la chitarra elettrica ha partecipato a seminari con P. Metheny, M. Stern, S. Henderson, R. Ford e ha lavorato con l'orchestra del M. Zocconali (festival Orchestre Trento, L'Altra Domenica, La Corrida). Per "arrotondare e fare pratica", come dice lui, ha suonato con Paolo Frescura, Milk and Coffee, Nino D'Angelo.

Stefano Giannotti, cantante ed eclettico strumentista, ha iniziato ad esibirsi come musicista professionista dal 1986 e non c'è campo musicale nel quale non abbia “imperversato”. Ha lavorato pressoché in ogni ambiente: dai villaggi turistici nei tropici come animatore, ai teatri come cantante lirico. La sua esperienza e la sua versatilità gli hanno consentito di suonare per innumerevoli eventi e lavorare con le più note agenzie di spettacolo. Ha aperto le serate ad artisti importanti quali Fiorello, Ale e Franz, Raoul Cremona, Paolantoni, Giobbe Covatta, ecc.

Emanuele Pellegrini ha invece iniziato la sua carriera con il corno francese all'età di 8 anni, ma la sua vera passione è arrivata a 14, quando ha iniziato lo studio della batteria, che ha suonato in moltissime formazioni affrontando i generi più diversi. Nel 2002 si è aggiudicato una borsa di studio vincendo il primo premio “Soroptimist International d’Italia” e partecipa a vari seminari tenuti da noti batteristi del panorama musicale italiano (Fabrizio Sferra, Christian Meyer) in occasione del festival “Perugia Classico” edizione 2002. Seminari con John Arnold. Si è diplomato in percussioni con il massimo dei voti più la lode presso il Conservatorio di Musica, sotto la guida del M° Domenico Fontana.

Il Rocking Stones si svolgerà dal 25 al 28 agosto nel bosco della Riserva Naturale del Pigelleto, nel comune di Piancastagnaio (SI). Sul sito http://www.rockingstones.it tutti i dettagli del programma e dell’organizzazione.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl