Esce oggi il volume con cd allegato

"Divagazioni su 319 corde" di Stefano Bollani e Mirko Guerrini Sulla scia del successo ottenuto nei concerti tenuti a Firenze con l'Orchestra Regionale Toscana, Stefano Bollani e Mirko Guerrini pubblicano per Carisch il nuovo progetto: "Divagazioni su 319 corde".

Persone Victor Parchetti Beard, Monica Manetti, Jessica Primani, Paolo Fresu, Maurizio Giammarco, Dario Cecchini, Enzo Pietropaoli, Clifford Brown, Charlie Parker, Stefano Zenni, Mirko Guerrini Sulla, Stefano Bollani
Luoghi Firenze
Organizzazioni Gruppo Monzino 1750, Carisch SpA
Argomenti musica, composizione

Allegati

07/apr/2011 13.29.24 ultra Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

“Divagazioni su 319 corde” di Stefano Bollani e Mirko Guerrini

 

 

 

 

Sulla scia del successo ottenuto nei concerti tenuti a Firenze con l’Orchestra Regionale Toscana, Stefano Bollani e Mirko Guerrini pubblicano per Carisch il nuovo progetto: “Divagazioni su 319 corde”.  L’opera, che contiene musiche composte da entrambi i Maestri, nasce dallo stimolante incontro tra musica Jazz e Classica, e rappresenta appieno gli stili di entrambi i compositori. La loro musica, oltre alla registrazione su cd, viene anche pubblicata a stampa, rendendo possibile a chiunque eseguirla, con altri pianisti improvvisatori e formazioni d’archi.

 

Come spiega Stefano Zenni nella sua prefazione al libro, nei primi anni Cinquanta qualche produttore ebbe l’idea del “jazz with strings”, un accostamento che aveva due finalità: “nobilitare” una musica ritenuta inferiore - il jazz - “elevandola” con un suono “classico…, ma anche ammorbidire un genere che con il bebop si era fatto aspro e elitario e che, grazie a violini e violoncelli, poteva riconquistare un pubblico più incline alla cantabilità armoniosa e scorrevole…”

 “Il lavoro di Mirko Guerrini non è il vecchio “jazz with strings”: esso è piuttosto una profonda, completa compenetrazione tra varie sonorità, forme di scrittura e tecniche di improvvisazione utilizzate con notevole sapienza artigianale al servizio di un’alta visione espressiva. 

E’ vero che anche qui, come nei dischi di Charlie Parker o Clifford Brown con gli archi, c’è un solista, il pianoforte di Stefano Bollani… una voce concertante che giusto gode di una prerogativa: inventare in modo estemporaneo, immerso negli archi, in una sorta di rielaborazione improvvisativa dell’idea mozartiana di concerto per pianoforte.”

 

Questo nuovo volume della Collana Carisch Jazz rappresenta un ulteriore passo nel bellissimo percorso musicale attraverso le note dei grandi jazzisti contemporanei, iniziato qualche mese fa con le antologie dedicate a Stefano Bollani e Mirko Guerrini, e l’album “10 Quartetti brevi per archi” di Enzo Pietropaoli. Ai quali si sono aggiunti di recente l’album di Dario Cecchini (Funk Off) “Una band così” e l’antologia dedicata a Maurizio Giammarco.

Le nuove interessanti uscite della Collana sono, appunto, “Divagazioni su 319 corde” di Stefano Bollani e Mirko Guerrini ed un’antologia dedicata a Paolo Fresu.

 

Carisch Jazz propone un racconto sulla musica di ogni autore, cercando di renderla un piacevole e ‘gustoso’ viaggio per il lettore, che parte dalle copertine (realizzate dalla giovane disegnatrice Jessica Primani), prosegue sfogliando le pagine, e si conclude con la firma del musicista come a rappresentare una sorta di timbro di qualità.

La collana, curata da Monica Manetti - collaboratrice di Stefano Bollani - è stata ideata e realizzata da Carisch con particolare attenzione ai dettagli.Ogni volume è dedicato a un musicista e alla sua musica e contiene una presentazione introduttiva dell’artista, con appunti sulla propria attività e sulle scelte inserite nella pubblicazione. All’interno si trovano le partiture musicali più rappresentative, selezionate e commentate dal musicista stesso per trasmettere al meglio il “sapore” delle sue composizioni. Gli spartiti sono anche corredati da annotazioni e riferimenti ai brani e ai dischi da cui sono tratti, nonchè da immagini, aneddoti e frammenti di manoscritti. Tutti i libri sono bilingui, la traduzione in inglese è di Victor Parchetti Beard, raffinato traduttore di testi d’arte.

 

Carisch SpA, fondata nel 1887 e parte del Gruppo Monzino 1750, è una società leader a livello europeo nella produzione e distribuzione di musica stampata, strumenti musicali e audio. Tradizione e rinnovamento rappresentano la storia della società e la sua missione per il futuro.

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl