ZUCCHERO PER IL TEATRO VALLE OCCUPATO

COMUNICATO STAMPA Roma, 22 luglio 2011 ZUCCHERO PER IL TEATRO VALLE OCCUPATO Zucchero sostiene la protesta del Teatro Valle Occupato donando 200 biglietti e invitando gli occupanti sul palco dell'Olimpico domani, 23 luglio 2011.

Persone Guido Robustelli, Marina Testori
Luoghi Roma, Italia
Organizzazioni Ente Teatrale Italiano
Argomenti teatro, architettura, arte, politica

Allegati

23/lug/2011 12.23.45 Guido Robustelli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
  

 

COMUNICATO STAMPA

Roma, 22 luglio 2011

ZUCCHERO PER IL TEATRO VALLE OCCUPATO

Zucchero sostiene la protesta del Teatro Valle Occupato donando 200 biglietti e invitando
gli occupanti sul palco dell’Olimpico domani, 23 luglio 2011. 

 

Da Oltre 40 giorni lavoratori e lavoratrici dello spettacolo e della cultura hanno occupato il Teatro
Valle, luogo di importanza storica per la città di Roma e per tutto il Paese, perché ha seguito della
soppressione dell’Ente Teatrale Italiano deciso dall’ultima finanziaria, rischia di venire affidato
a privati che ne tradiscano l’identità di spazio dedicato alla scena contemporanea con respiro
internazionale. 

 

Il Teatro Valle è emblematico dello stato dell’arte in Italia. È l’ennesimo bene pubblico dismesso
senza un progetto trasparente e partecipato. 

 

Il sistema culturale italiano è in uno stato di continua emergenza, gravato dai continui tagli non
solo alla cultura, ma alla scuola, all’università e alla ricerca e dall’assenza di un progetto politico
che miri ad impegnarsi nell’attuazione di riforme che portino a soluzioni efficaci e definitive.

In questi 40 giorni al Valle abbiamo raccolto la partecipazione di migliaia di cittadine e cittadini. Il
mondo artistico e culturale italiano si è schierato attivamente a fianco del Teatro Valle Occupato.
Importanti teatri e festival europei hanno espresso la loro piena solidarietà. Il Teatro Valle è
diventato punto d’incontro tra cittadini e artisti. Dibattiti, assemblee, spettacoli serali sono sempre
gremiti. 

 

Il Valle Occupato è simbolo di una protesta che va ben oltre le pareti fisiche del Teatro. È la
rappresentazione di un bisogno di cambiamenti radicali, la nascita della consapevolezza che
non c’è più tempo per recriminazioni o compromessi, né per delegare ciecamente ad una classe
politica inadeguata il compito di salvare il nostro presente e immaginare il nostro futuro. È tempo
per tutti noi, cittadini, di rivendicare i nostri diritti in prima persona e senza paura. 

 

 

 

PERSONAL PRESS AGENCY & MEDIA CONSULTANT  : ZUCCHERO ‘SUGAR’ FORNACIARI

PRIMA PAGINA di  MARINA TESTORI : marina.testori@fastwebnet.it  ++39 3355870441 

 

con la  collaborazione di Guido Robustelli guido.robustelli@fastwebnet.it  ++39 3483906098

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl