Una nuova Manon Lescaut inaugura la Stagione d'Opera del Teatro Regio di Parma

05/dic/2005 12.37.35 Ufficio Stampa Teatro Regio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Teatro Regio di Parma
Fondazione
____________________
 
 

Una nuova Manon Lescaut

inaugura la Stagione d’Opera

del Teatro Regio di Parma

Daniela Dessì e Fabio Armiliato

protagonisti del dramma lirico di Puccini

nell’allestimento firmato da Stephen Medcalf

Parma, Teatro Regio

martedì 13, venerdì 16 dicembre, ore 20.00,

domenica 18, ore 15.30, mercoledì 21, ore 20.00

venerdì 23, dicembre 2005 ore 20.00

 

 

Manon Lescaut di Giacomo Puccini inaugura martedì 13 dicembre, ore 20, la Stagione d’Opera 2005-2006 del Teatro Regio di Parma (recite venerdì 16 dicembre, ore 20.00, domenica 18, ore 15.30, mercoledì 21, ore 20.00 venerdì 23, dicembre 2005 ore 20.00) Da più di venticinque anni assente dal palcoscenico del Teatro Regio, Manon Lescaut vede impegnato un cast di voci di grande richiamo: il soprano Daniela Dessì affronta con Manon uno dei personaggi più amati della sua carriera, il tenore Fabio Armiliato vestirà i panni di Renato des Grieux, il baritono Carmelo Corrado Caruso sarà Lescaut, a cui si affianca Angelo Romero nella parte di Geronte, protagonisti di questa nuova produzione diretta da Pier Giorgio Morandi, sul podio dell’Orchestra e del Coro del Teatro Regio di Parma.

 

Nuovo l’allestimento del dramma lirico ispirato al celebre romanzo francese di Prévost, che segnò la prima clamorosa affermazione del giovane compositore. A Parma Manon Lescaut sarà firmata da uno dei registi più interessanti della scena internazionale, l’inglese Stephen Medcalf, che si è valso della collaborazione di Jamie Vartan per realizzare le scene e i costumi. La pittura di William Hogarth e le immagini di Aubrey Beardsley hanno ispirato Medcalf ad individuare i caratteri del Settecento evocato nell’opera di Puccini.

 

“Questa è un’opera in fuga da se stessa, spiega il regista inglese alle prese per la prima volta con il dramma pucciniano. Ogni atto cancella quello precedente, con il precipitare degli eventi. Non so quanto consapevole fosse Puccini di quanto era stato scritto prima della sua opera a partire dal racconto di Prevost, ma è indubbio che a lui riesce di vincere la sfida nell’inscenare una passione che non cambia, mentre assistiamo a un ininterrotto cambio di prospettiva. Dove porta il movimento che ci comunica Manon Lescaut? Verso il nulla, perché il quarto atto ci presenta un deserto, una terra di nessuno. Un quadro vuoto”.

 

La troupe della trasmissione televisiva di Prima della Prima è impegnata in questi giorni a Parma nella realizzazione di una speciale puntata del popolare programma curato da Rosaria Bronzetti, che andrà in onda su Rai Tre il prossimo martedì 20 dicembre.

 

Gli altri interpreti impegnati in questa produzione sono Luca Casalin (Edmondo), Roberto Tagliavini (L’oste e Un sergente degli arcieri), Paolo Barbacini (Il maestro di ballo), Alessandra Canettieri (Un musico) Nicola Pascoli (Un lampionaio), Emiliano Esposito (Un comandante di marina). Nella recita del 18 dicembre i ruoli di Manon Lescaut e di De Grieux saranno affidati rispettivamente al soprano Michele Capalbo e al tenore Marcello Giordani. Maestro del coro è Martino Faggiani.

 

Dopo l’inaugurazione con Manon Lescaut, la Stagione d'Opera 2005/2006 del Teatro Regio di Parma continuerà con Faust di Charles Gounod che vedrà Michele Pertusi debuttare nel ruolo di Mefistofele, Die Zauberflöte di Wolfgang Amadeus Mozart, con le scene viventi della compagnia del Pilobolus e i costumi di Romeo Gigli, The Turn of the Screw di Benjamin Britten nell’allestimento di Luca Ronconi e con la direzione di Bruno Bartoletti. Il trovatore e Macbeth saranno le due opere presentate nel corso del Festival Verdi 2006 in due prestigiose produzioni dirette da Renato Palumbo e Bruno Bartoletti.

 

La Stagione d’Opera 2005/2006 del Teatro Regio di Parma è realizzata anche grazie al contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Fondazione Parma Capitale della Musica, ARCUS, Reggio Parma Festival e con il sostegno di Banca Monte Parma, Enìa, Monte dei Paschi di Siena, L’Albero d’Argento - Coppini Arte Olearia, Barilla, Melegari Home, Terme di Tabiano, Parma Motors.

 

 

Un teatro in fuga

A colloquio con Stephen Medcalf

 

L’interpretazione è, per definizione, infinita. Ma un regista di teatro in genere dovrebbe invece dare l’impressione che oltre la propria interpretazione non si possa andare…

Uno spettacolo alla fine è un’interpretazione messa sotto gli occhi del pubblico. È vero, non si può andare oltre la propria idea di spettacolo e talvolta il lavoro di un regista può non incontrare le attese del pubblico. Forse dovrebbe essere sempre così. Perché l’operato di un regista consiste nello spingersi oltre nella lettura ed esplorare in profondità gli aspetti dell’opera che lo interessano e lo affascinano.

Qual è la prima cosa che fa?

Quando studio una nuova opera di cui dovrò curare la regia, provo a mettere in giusto risalto i conflitti interni innescati dai personaggi. Sono queste relazioni che in fondo determinano le varie situazioni. Il lavoro interpretativo consiste per prima cosa nello smontare il meccanismo nascosto nella drammaturgia. E la musica è di grande aiuto, quanto lo è il libretto dell’opera.

Cosa si è trovato nelle mani quando ha aperto lo spartito di Manon Lescaut?

L’Histoire du chevalier Des Grieux et de Manon Lescaut di Prévost è un racconto inscatolato in un altro. La storia dei due giovani sta chiusa nell’ultima parte di un romanzo raccontato da un altro. È un vecchio espediente narrativo ricorrere a un manoscritto ritrovato che consente di mettere in cornice il racconto, in questo caso di farlo arrivare non si sa bene da dove. Giacomo Puccini non è arrivato per primo al romanzo di Prévost, ma ha subito tenuto a precisare che avrebbe trattato il soggetto in una maniera completamente diversa da quella del suo predecessore, Jules Massenet. Era una sfida, provare a raccontare la stessa opera ma facendola risultare del tutto nuova. Ne risulta un’opera intimamente pucciniana, fin dalla stesura del libretto.

Eppure il libretto è il frutto di un lavoro di innumerevoli mani…

Appunto per questo è un libretto dove possiamo leggere in maniera molto chiara una sintesi e un’anticipazione della poetica pucciniana. La quantità di mani intervenute nell’elaborazione di questo libretto ci porta a pensare che il contributo del musicista sia stato quanto mai determinante, che sotto un certo punto di vista Manon Lescaut sia un suo libretto.

La storia di Manon si è prestata a diventare un’opera con Auber, Massenet, Puccini. Eppure per tutto l’Ottocento non mancano i balletti ispirati al romanzo di Prévost. È come se la vicenda si assoggettasse alla scena grazie al perenne movimento a cui sono sottoposti i suoi personaggi. Quanto ha contato tutto ciò per Puccini?

Questa è un’opera in fuga da se stessa. Ogni atto cancella quello precedente con il precipitare degli eventi. Non so se e quanto fosse consapevole Puccini di quello che era stato scritto prima della sua opera sul racconto di Prévost, ma è indubbio che a lui riesce di vincere la sfida nell’inscenare una passione che non cambia mentre assistiamo a un ininterrotto cambio di prospettiva. Dove porta il movimento che ci comunica Manon Lescaut? Verso il nulla, perché il quarto atto ci presenta un deserto, una terra di nessuno.

Un quadro vuoto.

Ma fino a un momento prima il quadro ci ha presentato il xviii secolo filtrato dalla sensibilità di Puccini…

È corretto considerare Manon Lescaut una fuga dal Settecento. Una fuga molto personale, architettata da Puccini che forse in questo modo sta inscenando la propria fuga dal melodramma del suo tempo. È un’ipotesi affascinante immaginare il musicista ancora giovane che prova a lasciarsi alle spalle tutto, per seguire una strada nuova. Sia in senso letterale che simbolico il deserto del quarto atto rappresenta il Mondo Nuovo. Mi sono preoccupato anche di capire come potesse essere fatto il xviii secolo pucciniano. La lente leggermente deformante con cui il musicista rappresenta il secolo di Prévost mi ha rammentato le raffigurazioni di ambienti colte da William Hogarth.

Ha pensato al ciclo di Marriage à la mode che è stato dipinto negli anni della prima diffusione dell’Histoire du chevalier Des Grieux?

Ho pensato in genere alla pittura di Hogarth e naturalmente anche alle sue incisioni. Ma il pittore inglese del Settecento non sarebbe bastato perché Manon Lescaut è un’opera scritta alla fine del xix secolo. Così ci ha soccorso Aubrey Beardsley, con le sue scene galanti deformate e in bianco e nero, affollate di specchi, di cicisbei, di fanciulle perturbanti insidiate da vecchi. È un Settecento decolorato, come quello che apparirà nel secondo atto del nostro spettacolo.

E i personaggi pucciniani?

Puccini mostra una particolare inclinazione per i giovani. Des Grieux è un personaggio dominato dall’impulso, dalla passione che lo rende cieco. Manon è uno dei primi esempi della sottigliezza pucciniana nel ritrarre le psicologie femminili.

Non sente una qualche continuità tra Violetta e Manon? E che Manon possa essere considerata un preludio al femminino devastante di Lulu?

Puccini aveva ben presente il modello di Traviata. Ma non sento quest’opera come l’anello di congiunzione fra Verdi e Berg. Certo l’analogia insinuata è tentante, ma non appartiene a questo spettacolo.

Qual è il carattere che distingue più nettamente un regista inglese da un suo collega italiano?

Nella scuola di regia italiana prevale un certo elemento decorativo. Generalmente si pensa lo spettacolo a partire da una idea scenografica che condiziona spesso la lettura drammaturgica. Mi sento più incline a una idea di teatro musicale che scaturisce dallo studio delle relazioni dei personaggi, dalla loro psicologia riflessa nella musica. In fondo per Il flauto magico che riproporremo al Teatro Regio di Parma nel corso di questa stagione siamo riusciti addirittura a fare a meno di qualsiasi apparato scenico!

 

 

 

 

Stagione d'Opera 2005/2006

 

13, 16, 18, 21, 23 dicembre 2005

Manon Lescaut

Musica di GIACOMO PUCCINI

 

 

27, 29, 31 gennaio - 2, 4 febbraio 2006

Faust

Musica di CHARLES GOUNOD

 

 

23, 25, 26, 28 febbraio - 2 marzo 2006

Die Zauberflöte

(IL FLAUTO MAGICO)

Musica di WOLFGANG AMADEUS MOZART

 

 

25, 27, 30 marzo - 1, 2 aprile 2006

The Turn of the Screw

(Il GIRO DI VITE)

Musica di BENJAMIN BRITTEN

 

 

 

 

 

Festival Verdi 2006

28 Aprile - 17 Giugno

 

 

Teatro Regio, 28 aprile - 1, 4, 7, 10, 13 maggio

Il trovatore

Musica di GIUSEPPE VERDI

 

 

Teatro Regio, 6, 8, 11, 13, 15, 17 giugno

Macbeth

Musica di GIUSEPPE VERDI

 

 

Auditorium Niccolò Paganini, 5 giugno

Royal Philharmonic Orchestra

Direttore DANIELE GATTI

 

 

Auditorium Niccolò Paganini, 12 giugno

Orchestra e Coro

del Teatro Regio di Parma

Direttore  BRUNO BARTOLETTI

 

 

Teatro Regio, 14 giugno

New York Philharmonic

Direttore LORIN MAAZEL

 

 

Teatro Regio, 16 giugno

New York Philharmonic

Direttore LORIN MAAZEL

 

 

 

 

 

Paolo Maier
Ufficio Stampa
Fondazione Teatro Regio di Parma
via Garibaldi, 16/a
43100 Parma - Italia
tel +39 0521 039369
fax +39 0521 218911
www.teatroregioparma.org
p.maier@teatroregioparma.org
stampa@teatroregioparma.org

 

I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto del d. lgs. 196/03. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta, ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail precisando l’indirizzo email che verrà immediatamente rimosso, ex art. 130 d. lgs. 196/03. Abbiamo cura di evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl