Con il Trio Čajkovskij continua a Parma l'omaggio a Dmitrij Šostakovič

03/feb/2006 09.54.49 Ufficio Stampa Teatro Regio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
?

Teatro Regio di Parma

Fondazione

____________________

 

 

 Con il Trio Cajkovskij continua a Parma

l’omaggio a Dmitrij Šostakovic

Pavel Vernkov, Anatole Liebermann e Konstantin Bogino

eseguono il Trio in la minore composto durante la seconda guerra mondiale

per ricordare la morte di un amico musicista.

In programma anche il Trio in la minore op. 50 di Cajkovskij

Parma, Auditorium Niccolò Paganini

mercoledì 8 febbraio 2006, ore 20.30

 

 

Con il Trio Cajkovskij - Pavel Vernikov al violino, Anatole Liebermann al violoncello e Konstantin Bogino al pianoforte - continua l’8 febbraio alle 20.30 presso l’Auditorium Paganini di Parma il progetto promosso dal Teatro Regio di Parma per celebrare i cento anni della nascita del compositore Dmtrij Šostakovic.

 

Il concerto del prestigioso gruppo, costituitosi a Mosca nel 1975 dall’iniziativa di tre valenti musicisti diplomatosi al Conservatorio della capitale russa, è dedicato a due capolavori della musica da camera quali il Trio in la minore op. 50 di Cajkovskij e il Trio in mi minore op. 67 scritto da Dmtrij Šostakovic durante la seconda guerra mondiale.

 

Il Trio op. 50 fu scritto da Cajkovskij in memoria dell’amico Nikolaj Rubinstein, pianista, direttore d’orchestra e fondatore del conservatorio di Mosca, morto nel marzo 1881. Cajkovskij aveva appreso la notizia a Nizza e subito era partito per Parigi, per dare l’ultimo saluto all’amico. Anche Šostakovic volle dedicare un trio alla memoria dell’amico scomparso, riprendendo così il gesto di  Cajkovskij con il trio in mi minore.

La musica da camera fu per Dmtrij Šostakovic un rifugio intimo, una specie d’antidoto ai pezzi celebrativi e retorici richiestigli dal regime, e non è dunque un caso che abbia iniziato il grande ciclo dei suoi quindici quartetti per archi nel 1938, nel periodo della sua vita più difficile sul piano umano e artistico, quando era stato messo al bando in seguito alla pubblicazione sulla Pravda dell’articolo “Caos invece di musica”, ispirato dallo stesso Stalin, che non aveva gradito la sua opera Lady Macbeth del distretto di Mtsensk.

 

Il Trio n. 2 in mi minore per pianoforte, violino e violoncello op. 67, composto tra il febbraio e l’agosto del 1944, fu eseguito il 14 novembre dello stesso anno. Già da un paio d’anni la Sinfonia n. 7, dedicata all’eroica resistenza di Leningrado contro le armate di Hitler, aveva riportato in auge la musica di Šostakovic. Alla tragedia della guerra si aggiunse anche il profondo dolore per la morte prematura di Ivan Sollertinskij, compagno carissimo fin dai tempi del conservatorio, rimastogli fedele anche quando tutti gli avevano voltato le spalle, in seguito alla condanna staliniana della sua musica.

 

Nel centenario della nascita del compositore il progetto dedicato a Šostakovic sta vedendo a Parma la presenza di bacchette di prestigio internazionali e solisti autorevoli impegnati in pagine sinfoniche e cameristiche dell’autore russo, a cui il 24 febbraio sarà dedicata una giornata di studi conclusa dalla proiezione di pellicole accompagnate da musiche originali del compositore russo, alla vigilia del concerto dell’Orchestra Giovanile “Luigi Cherubini” diretta da Rudolf Baršai.

 

La Stagione Concertistica 2005-2006 del Teatro Regio di Parma è realizzata grazie al contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Fondazione Parma Capitale della Musica, ARCUS e con la collaborazione di Solares Fondazione Culturale - Società dei Concerti di Parma e della Fondazione Filarmonica Arturo Toscanini, partner ufficiale della Stagione Concertistica del Teatro Regio Cariparma e Piacenza, per il concerto del Trio Cajkovskij Solares Fondazione Culturale - Società dei Concerti di Parma ringrazia per il contributo Segea - Gazzetta di Parma. Per informazioni: biglietteria del Teatro Regio tel. 0521 039399 biglietteria@teatroregioparma.org www.teatroregioparma.org

 

 

TRIO CAJKOVSKIJ

Il Trio C?ajkovskij si è costituito a Mosca nel 1975. I suoi componenti, Pavel Vernikov, Konstantin Bogino e Anatole Liebermann, hanno ottenuto brillantemente i rispettivi titoli accademici al Conservatorio di Mosca, nei loro strumenti e in musica da camera, studiando con i più grandi musicisti sovietici del periodo. Già in Unione Sovietica il Trio Cajkovskij ha riscosso clamorosi successi, tenendo circa 180 concerti, tra il 1975 e il 1978, e partecipando a importanti avvenimenti della vita musicale di quel periodo. Nel 1978 Pavel Vernikov e Konstantin Bogino si sono stabiliti a Belgrado e nel 1979 hanno vinto, in duo, il primo premio al concorso ARD di Monaco e al Concorso Vittorio Gui di Firenze. Il Trio, dopo questa breve e forzata interruzione, si è ricostituito nel 1981, quando anche Anatole Liebermann lasciò l’Unione Sovietica. Da quel momento l’attività concertistica del Trio si è sviluppata nei più importanti centri musicali di Francia, Italia, Paesi Bassi, ex Iugoslavia, Finlandia, Giappone, Stati Uniti e Canada. È stato invitato ai maggiori festival internazionali, tra i quali ricordiamo Mentone e Sully (Francia), Santander (Spagna), Naantali e Kuhmo (Finlandia), Brescia/Bergamo e Torino (Italia). Ha suonato nelle più prestigiose sale da concerto mondiali, come Salle Gaveau e Musées d’Orsay a Parigi, Wigmore Hall a Londra, Teatro alla Scala e Conservatorio Verdi a Milano, Teatro della Pergola a Firenze, Théâtre de la Maison Neuve a Montreal, Carnegie Hall a New York, Concertgebouw ad Amsterdam e molte altre. Ha partecipato a molte trasmissioni radiotelevisive e ha inciso numerosi dischi in Francia, Italia, ex Iugoslavia e Finlandia. I suoi componenti fanno parte da molti anni delle giurie di vari concorsi internazionali. Individualmente hanno svolto attività solistiche e didattiche, e hanno suonato musica da camera con musicisti quali Krystian Zimerman, Christian Ivaldi, Oleg Kagan, Patrice Fontanarosa, Marielle Nordmann, Yuri Bashmet, Maria Tipo, Natalia Gutman, Gérard Caussé. Tengono inoltre corsi di perfezionamento in tutto il mondo. Recentemente il Trio, dopo alcuni anni di “separazione”, si è ricomposto. La comune formazione musicale e la frequentazione assidua e durevole dei suoi componenti fanno del Trio Cajkovskij un formidabile interprete del repertorio scritto per questa forma cameristica e di quello russo in particolare. Pavel Vernikov suona un violino Pietro Guarneri (Baron Knoff) del 1743 e Anatole Liebermann suona un violoncello Giovanni Grancino del 1712.  

 

 

 

 

 


PROGETTO ŠOSTAKOVIC

NEL CENTENARIO DELLA NASCITA

  

 

Teatro Regio

giovedì 17 novembre 2005, ore 20.30

ORCHESTRA CHERUBINI

Direttore RICCARDO MUTI

 

 

Teatro Regio

lunedì 16 gennaio 2006, ore 20.30

FILARMONICA ARTURO TOSCANINI

Direttore MSTISLAV ROSTROPOVIC

 

 

Auditorium Paganini

sabato 4 febbraio 2006, ore 20.30

ORCHESTRA SINFONICA DI MILANO GIUSEPPE VERDI

Direttore VLADIMIR JUROWSKI

 

 

Auditorium Paganini

mercoledì 8 febbraio 2006, ore 20.30

TRIO CAJKOVSKIJ

 

 

Casa della Musica

venerdì 24 febbraio 2006, ore 15.00

GIORNATA DI STUDI

 Organizzata da Fondazione Teatro Regio di Parma, Istituto nazionale di studi verdiani,

Università degli Studi di Parma - Sezione di Musicologia, Istituzione Casa della Musica

 

 

Auditorium Paganini

sabato 25 febbraio 2006, ore 20.30

ORCHESTRA CHERUBINI

Direttore RUDOLF BARŠAI

 

 

Auditorium Paganini

lunedì 5 giugno 2006, ore 20.30

ROYAL PHILHARMONIC ORCHESTRA

Direttore DANIELE GATTI

 

 

 

Paolo Maier
Ufficio Stampa
Fondazione Teatro Regio di Parma
via Garibaldi, 16/A
43100 Parma - Italia
Tel. +39 0521 039369
Fax +39 0521 218911
p.maier@teatroregioparma.org
stampa@teatroregioparma.org
www.teatroregioparma.org

  

I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto del d. lgs. 196/03. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta, ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail precisando l’indirizzo email che verrà immediatamente rimosso, ex art. 130 d. lgs. 196/03. Abbiamo cura di evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl