Una giornata di studi dedicata a Sostakovic inaugura "Contrappunti - percorsi intorno alla musica"

20/feb/2006 06.00.40 Ufficio Stampa Teatro Regio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Teatro Regio di Parma

Fondazione

____________________

 

 

 

Šostakovič: contrappunti tra musica e vita

Una giornata di studi dedicata al grande compositore russo

inaugura Contrappunti - percorsi intorno alla musica

Parma, Casa della Musica

Ple San Francesco, 1

venerdì 24 febbraio 2006, ore 15.00

 

 

Venerdì 24 febbraio prossimo, a partire dalle ore 15, presso la Sala dei Concerti della Casa della Musica di Parma in Piazzale San Francesco, si terrà una Giornata di Studi che col titolo “Šostakovič  - Funzionario o dissidente?” sarà dedicata al grande compositore russo di cui ricorre quest’anno il centenario della nascita: ricorrenza che il Teatro Regio ha ricordato con un’iniziativa di grande portata quale il suo “Progetto Šostakovič”. Intorno agli interrogativi che il titolo del convegno espone, forse il dibattito intorno ad un artista che anche al di là della sua musica ha sempre costituito un vero e proprio “caso”, si raccoglieranno a Parma artisti che hanno interpretato molte sue opere, come Bruno Bartoletti, che eseguì la prima italiana de Il naso, o che sono stati a lungo amici e collaboratori del Maestro, come Rudolf Baršai, oltre a studiosi quali Rosa Anna Giaquinta, che parlerà di “Šostakovič, la cultura e la società russa”, Franco Pulcini, con un intervento dal titolo “Il teatro di Šostakovič”, Ferruccio Tammaro, che parlerà di “Šostakovič  e il sinfonismo russo” ed infine, nella seconda parte dell’incontro, che prenderà inizio alle ore 21, Gianni Rondolino, con un intervento dal titolo “Šostakovič e il cinema”, nel corso del quale saranno visionati diversi estratti di film con musiche di Šostakovič. Una griglia d’interventi molto allargata che il Comitato scientifico formato da Pierluigi Petrobelli, Francesco Luisi e Marco Capra ha disegnato per affrontare il tema da diverse angolature, coinvolgendo in questo modo non solo gli appassionati della musica ma anche della storia, del cinema, della società contemporanea.

Questa giornata dedicata a Šostakovič non è che la prima di un più nutrito calendario d’iniziative che prendono spunto dai temi più importanti offerti dalla produzione del Regio per allargarle a più momenti di divulgazione e di studio: ben quattro sono infatti le Giornate di Studi organizzate dalla Fondazione Teatro Regio con la direzione scientifica e la collaborazione della Fondazione Istituto nazionale di studi verdiani, della Sezione di Musicologia dell’Università di Parma e dell'Istituzione Casa della Musica. Oltre a questa di venerdì prossimo, una dedicata a Benjamin Britten (28 marzo), di cui si eseguono due fra le opere più significative, The Turn of the Screw e War Requiem, e quindi a Il trovatore (26 aprile) e a Macbeth (27 maggio), le due opere programmate nel Festival Verdi 2006.

“Parma è una città che ha una tradizione ed una potenzialità straordinarie - sottolinea il Sovrintendente del Regio Mauro Meli -: a fianco di realtà produttive come la nostra sono infatti Istituzioni di cultura musicale quali l’Istituto nazionale di studi verdiani, la Sezione di Musicologia dell’Università di Parma e l'Istituzione Casa della Musica, che insieme formano un panorama che poche città possono vantare. Grazie al loro apporto e alle loro specificità è possibile continuare con nuova energia l’ambizioso percorso che abbiamo intrapreso. Il Regio ha iniziato da tempo questa attività: il mio desiderio è far sì che la sua funzione di produzione musicale e teatrale diventi un volano che aggreghi e coinvolga fasce sempre maggiori di appassionati di diverse generazioni. A questo scopo il Teatro Regio inaugura con queste Giornate di Studi una nuova iniziativa di carattere divulgativo, "Contrappunti - Percorsi intorno alla musica", che agli appuntamenti offerti dalla Stagione Lirica, da quella Concertistica e dal Festival Verdi, affiancherà giornate di studio, pubblicazioni, mostre, appuntamenti col pubblico tenuti da esperti e protagonisti delle diverse arti: l'obbiettivo è quello di stimolare l'interesse di un pubblico sempre più vasto intorno a una lettura dell'offerta musicale proposta dal Regio che non può e non deve più limitarsi ad un’esperienza esclusivamente circoscritta solo a quanto avviene sul palcoscenico. Questi incontri, liberamente aperti a tutti gli interessati, saranno tenuti dai massimi esperti di diverse discipline e corredati da esempi musicali anche dal vivo, proiezioni di immagini e filmati, con l’intento di rendere l’evento culturale una piacevole esperienza personale».

Per scoprire dunque Šostakovič e il suo mondo, la cultura e la storia di un periodo nevralgico del ‘900, l’appuntamento è alla Casa della Musica il prossimo venerdì 24 febbraio a partire dalle 15.

Per informazioni: Fondazione Teatro Regio di Parma, via Garibaldi 16/A, 43100 Parma - Biglietteria tel. 0521 039399 fax 0521 504224 biglietteria@teatroregioparma.org - www.teatroregioparma.org

Casa della Musica, piazzale San Francesco 1, 43100 Parma tel. 0521 031170 - infopoint@lacasadellamusica.it www.lacasadellamusica.it

 

 

 

Giornate di studi

2006

 

Comitato scientifico

Pierluigi Petrobelli

Fondazione Istituto nazionale di studi verdiani

Francesco Luisi

Università degli studi di Parma

Marco Capra

Istituzione Casa della Musica

 

 

 

 

 

Casa della Musica, venerdì 24 febbraio

Šostakovič - Funzionario o dissidente?

Nel centenario della nascita

Progetto Šostakovič

 

ore 15.00 Introduzione

 

Rosa Anna Giaquinta

Šostakovič, la cultura e la società russa

Franco Pulcini

Il teatro di Šostakovič

Ferruccio Tammaro

Šostakovič e il sinfonismo russo

Rudolf Baršai, Bruno Bartoletti

Testimonianze

 

ore 21.00 Gianni Rondolino

Šostakovič e il cinema

Introduzione e commento a un’antologia

di films con musica di Šostakovič

 

 

 

 

 

Casa della Musica, martedì 28 marzo

Britten - L’impegno scomodo

In occasione delle esecuzioni di War Requiem e The Turn of the Screw

Britten, a portrait

 

ore 10.00 Introduzione

 

Carlo Majer

Repertorio del ventesimo secolo: Britten

Laura Bandiera

“The Turn of the Screw” di Henry James

e la poesia di Wilfred Owen

Bruno Bartoletti

Testimonianza

 

ore 15.00 Ennio Speranza

L’ambiguità in “The Turn of the Screw”:

dal testo alla musica

Pierluigi Petrobelli

“War Requiem”: dalla storia alla poesia, alla musica

Gian Paolo Minardi

Britten e la musica del passato

 

 

 

 

 

Casa della Musica, mercoledì 26 aprile

Il trovatore

In occasione del Festival Verdi 2006

 

ore 10.00 Introduzione

 

Marco Marica

Verdi e il dramma romantico spagnolo

Silvia Tatti

Salvadore Cammarano librettista

Wolfgang Osthoff

Il personaggio di Azucena e l’unità

drammatico-musicale de “Il trovatore”

 

ore 15.00 Susan Rutherford

Le donne de “Il trovatore”

Maria Ida Biggi Chiarot

La scena de “Il trovatore”

Pierpaolo De Martino

“Il trovatore” in bianco e nero

 

 

 

 

 

Casa della Musica, sabato 27 maggio

Macbeth

In occasione del Festival Verdi 2006

 

ore 10.00 Introduzione

 

Giovanna Silvani

Macbeth”: il tempo della paura,

ovvero le allucinazioni del potere

Francesco Paolo Russo

La “facilità” di Piave

Philip Gossett

“Macbeth”: la fusione di due stili musicali

 

ore 15.00 Marinella Pigozzi

Macchine e scene per “Macbeth”

Marco Capra

Verdi e il soprannaturale

Marco Beghelli

Le formule musicali della ritualità

operistica in “Macbeth”

 

 

 
 
 
Paolo Maier
Ufficio Stampa
Fondazione Teatro Regio di Parma
via Garibaldi, 16/A
43100 Parma - Italia
Tel. +39 0521 039369
Fax +39 0521 039331
p.maier@teatroregioparma.org
stampa@teatroregioparma.org
www.teatroregioparma.org
 

I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto del d. leg. 196/2003. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta, ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail precisando l’indirizzo email che verrà immediatamente rimosso. Abbiamo cura di evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl