Con Mozart e Schubert torna il Parma Opera Ensemble

23/feb/2006 11.00.32 Ufficio Stampa Teatro Regio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
?
Teatro Regio di Parma

Fondazione

____________________

 

 

Con Mozart e Schubert

torna il Parma Opera Ensemble

La Serenata in mi bemolle maggiore K. 375

e la Sinfonia n 3 in re maggiore

proposta a parti reali dal gruppo da camera

Parma, Auditorium Paganini

lunedì 27 febbraio 2006, ore 20.30

 

Il Parma Opera Ensemble torna alla ribalta dell’Auditorium Paganini lunedì 27 febbraio per la Stagione Concertistica del Teatro Regio di Parma con un programma dedicato alla grande stagione del classicismo viennese. La Serenata in mi bemolle maggiore K. 375 di Wolfgang Amadeus Mozart e la Sinfonia n.3 in re maggiore di Franz Schubert sono le due pagine che saranno eseguite dal Parma Opera Ensemble.

La Serenata mozartiana, nata come sestetto per due clarinetti, due corni e due fagotti fu scritta da Mozart in circostanze che lo stesso musicista narra in una lettera al padre da Vienna, datata 3 novembre 1781: “Scrissi questa musica il giorno di Santa Teresa per la sorella della signora von Hickel, o meglio la cognata del signor von Hickel, pittore di corte, in casa del quale venne eseguita la prima volta. I sei esecutori erano dei poveri diavoli che però suonavano abbastanza bene insieme, in particolare il primo clarinetto e i due corni. Ma la ragione principale che mi spinse a comporre questa serenata fu quella di far sentire qualcosa di mio al signor von Strack [cameriere personale dell’imperatore Giuseppe II] che si reca ogni giorno in casa di Hickel. La scrissi pertanto con cura speciale. Ottenne grande successo e, la sera di Santa Teresa, venne eseguita in tre luoghi diversi poiché, non appena avevano finito di suonare in un posto, i musicisti venivano trascinati altrove e pagati perché la ripetessero”. In un secondo tempo Mozart aggiunse due oboi alla versione originale ed è con questo assetto cameristico che sarà proposto a Parma.

Nella seconda parte del concerto sarà proposta la terza sinfonia composta nel 1815 da Franz Schubert, ancora diciottenne ma già in grado di assimilare pienamente la lezione di Mozart, Haydn e Beethoven e di fonderla con la novità rossiniana in arrivo dall’Italia. Seguendo una prassi consolidata già ai tempi di Schubert, la sinfonia sarà proposta dal Parma Opera Ensemble in versione cameristica, a parti reali, esaltando così il disegno interno della pagina sinfonica.

Il Parma Opera Ensemble è nato nel 1996, con lo scopo di unire al repertorio classico, per formazioni cameristiche, tutta una serie di interventi strumentali, romanze da salotto, divertissements ottocenteschi, trascrizioni per organici diversi di arie o motivi celebri di opere di Mozart, Rossini, Verdi, C?ajkovskij, recuperando così la fiorente tradizione dell’opera da salotto. I suoi membri sono tra i migliori strumentisti italiani di livello internazionale, attivi nell’Orchestra del Teatro Regio di Parma, oltre che nelle orchestre e nei gruppi da camera più importanti del nostro Paese, anche in qualità di solisti.

La Stagione Concertistica 2005-2006 del Teatro Regio di Parma è realizzata grazie al contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Fondazione Parma Capitale della Musica, ARCUS e con la collaborazione di Solares Fondazione Culturale - Società dei Concerti di Parma e della Fondazione Filarmonica Arturo Toscanini, partner ufficiale della Stagione Concertistica del Teatro Regio Cariparma e Piacenza.

Per informazioni: biglietteria del Teatro Regio tel. 0521 039399 biglietteria@teatroregioparma.org www.teatroregioparma.org

 

 

PARMA OPERA ENSEMBLE

È nato nel 1996, per iniziativa di Sergio Pellegrini, con lo scopo di unire al repertorio classico, per formazioni cameristiche, tutta una serie di interventi strumentali, romanze da salotto, divertissements ottocenteschi su “temi tratti dall’Opera”, trascrizioni per organici diversi di arie o motivi celebri di opere di Mozart, Rossini, Verdi, C?ajkovskij, recuperando così la fiorente tradizione dell’opera da salotto. I suoi membri sono tra i migliori strumentisti italiani di livello internazionale, attivi nell’Orchestra del Teatro Regio di Parma, oltre che nelle orchestre e nei gruppi da camera più importanti del nostro Paese, anche in qualità di solisti. L’originalità della formula, l’accurata formazione degli organici - che vanno dal trio alla piccola orchestra - e la brillantezza delle esecuzioni proposte hanno portato il Parma Opera Ensemble a essere al centro di numerose manifestazioni musicali, con tournée negli Stati Uniti, in Spagna e in Francia. L’attività concertistica, sin dall’esordio, ha ottenuto pieni consensi dalla critica italiana ed estera, tanto che l’ensemble è diventato una presenza rilevante nel panorama concertistico internazionale. Dal giugno 2005 è rappresentato all’estero, in nazioni come Giappone, Cina, Stati Uniti, Canada, Australia, Germania, Austria e Svizzera, dalla Michael Storrs Music, agenzia internazionale con sede a Londra. La sua ricchezza sonora e la sua capacità di adeguarsi alle esigenze delle voci hanno favorito collaborazioni con diversi cantanti lirici, tra i quali Carlo Bergonzi, Raina Kabaivanska, Eva Mei, Vincenzo La Scola, Alberto Gazale, Roberto De Candia, Annamaria Dell’Oste, e con grandi musicisti di fama internazionale, come Joerg Demus, Boris Belkin, Bruno Canino. Un calendario di prestigiosi appuntamenti lo ha tenuto impegnato per tutto l’anno verdiano quale ambasciatore della musica di Verdi e a Parigi è stato invitato a rappresentare la città di Parma in occasione della presentazione ufficiale del Festival Verdi 2001 per il centenario della morte del grande Maestro. Tra gli impegni degli ultimi anni ricordiamo il Festival Verdi 2002, il Festival Verdi 2003 (con Mariella Devia e Michele Pertusi), la tournée a Marsiglia (dove ha eseguito lo Stabat Mater di Rossini) e quella in Spagna (Festival di Chambrils, di Sant Feliu e di Palma di Maiorca), entrambe nel 2004. La produzione discografica, che comprende quattro incisioni unicamente strumentali e quattro con grandi nomi della lirica mondiale (Mariella Devia, Michele Pertusi, Sergej Larin), ha ricevuto importanti riconoscimenti dalle maggiori riviste del settore («Amadeus», «Opera», «Bassoon CD Reviews»). In questo periodo il gruppo è impegnato nella registrazione di un nuovo Cd che conterrà un recital delle più belle romanze d’opera interpretate dal tenore Vincenzo La Scola.

 

 

 

 

STAGIONE CONCERTISTICA

2005 - 2006

Auditorium Paganini - Teatro Regio

 

 

Auditorium Paganini

giovedì 27 ottobre 2005, ore 20.30 Turno A

BALTIMORE SYMPHONY ORCHESTRA

Direttore YURI TEMIRKANOV

George Gershwin

Rhapsody in blue (Rapsodia in blu)

An American in Paris (Un americano a Parigi)

Antonín Dvorák

Sinfonia n.9 in mi minore “Dal nuovo mondo”

 

 

 

Auditorium Paganini

domenica 30 ottobre 2005, ore 20.30 Turno C

ORCHESTRA GIOVANILE ITALIANA

Direttore JEFFREY TATE

Benjamin Britten

Sinfonia da Requiem op. 20

Ernest Chausson

Soir de fête op. 32

Johannes Brahms

Sinfonia n. 4 in mi minore op. 98

 

 

 

Auditorium Paganini

giovedì 10 novembre 2005, ore 20.30 Turno A

Pianoforte RADU LUPU

Robert Schumann

Waldszenen op. 82

Humoreske in si bemolle maggiore op. 20

Sonata n. 1 in fa diesis minore op. 11

 

 

 

Auditorium Paganini

martedì 15 novembre 2005, ore 20.30 Turno A

ORCHESTRA DA CAMERA DI MANTOVA

Direttore UMBERTO BENEDETTI MICHELANGELI

Pianoforte PAOLO BORDONI

Maurice Ravel

Le tombeau de Couperin

Concerto in sol per pianoforte e orchestra

Franz Schubert

Sinfonia n. 4 in do minore D. 417 “Tragica”

 

 

 

Teatro Regio

giovedì 17 novembre 2005, ore 20.30 Turno C

ORCHESTRA GIOVANILE “LUIGI CHERUBINI”

Direttore RICCARDO MUTI

Violino FRANCESCO MANARA

Viola SIMONIDE BRACONI

Wolfgang Amadeus Mozart

Sinfonia concertante in mi bemolle maggiore per violino, viola e orchestra K. 364

Dmitrij Šostakovic

Sinfonia n. 5 in re minore op. 47


 

Auditorium Paganini

domenica 20 novembre 2005, ore 20.30 Turno B

BAYERISCHES STAATSORCHESTER

Direttore ZUBIN MEHTA

Mezzosoprano MARIANA LIPOVSEK

Tenore ROBERT DEAN SMITH

Franz Schubert

Sinfonia n. 8 in si minore D. 759 Incompiuta

Gustav Mahler

Das Lied von der Erde (Il Canto della Terra)

 

 

 

Teatro Regio

mercoledì 30 novembre 2005, ore 20.30 Turno A

FILARMONICA ARTURO TOSCANINI

Direttore LORIN MAAZEL

Ludwig Van Beethoven

Fidelio. Ouverture

Franz Schubert

Sinfonia n. 8 in si minore D. 759 “Incompiuta”

Ludwig Van Beethoven

Sinfonia n. 3 in mi bemolle maggiore op. 55 “Eroica”

 

 

 

Auditorium Paganini

mercoledì 11 gennaio 2006, ore 20.30 Turno A

giovedì 12 gennaio 2006, ore 20.30 Turno B

ORCHESTRA DEL TEATRO REGIO DI PARMA

Direttore JONATHAN WEBB

Violino MICHELANGELO MAZZA

Soprano ANNICK MASSIS

Vito Frazzi

Preludio magico

Luigi Dallapiccola

Tartiniana seconda, per violino e orchestra

Gustav Mahler

Sinfonia n. 4 in sol maggiore

 

 

 

Teatro Regio

lunedì 16 gennaio 2006, ore 20.30 Turno A

FILARMONICA ARTURO TOSCANINI

Direttore MSTISLAV ROSTROPOVIC?

Dmitrij Šostakovic

Sinfonia n. 7 in do maggiore op. 60 “Leningrado”

 

 

 

Auditorium Paganini

sabato 4 febbraio 2006, ore 20.30 Turno C

ORCHESTRA SINFONICA DI MILANO GIUSEPPE VERDI

Direttore VLADIMIR JUROWSKI

Dmitrij Šostako

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl