La magica chitarra di John Williams all'Auditorium Paganini

16/mar/2006 12.09.02 Ufficio Stampa Teatro Regio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
?

 

Teatro Regio di Parma

Fondazione

____________________

 

 

La magica chitarra di John Williams

Il celebre virtuoso presenta un programma

 di autori latino e americani nel concerto intitolato “El diablo suelto”.

L’appuntamento è realizzato in collaborazione con

VIII Festival Internazionale della Chitarra Niccolò Paganini

Parma, Auditorium Niccolò Paganini

domenica 19 marzo 2006, ore 20.30

 

 

Può essere considerato uno dei più importanti virtuosi del suo strumento, il chitarrista John Williams che, domenica 19 marzo, alle ore 20.30 sarà protagonista di un attesissimo recital all’Auditorium Paganini per la stagione concertistica  2005-2006 del Teatro Regio di Parma. Il titolo del concerto,  “El diablo suelto” riflette il variegato programma che impegnerà l’eccezionale interprete nell’appuntamento realizzato in collaborazione con VIII Festival Internazionale della Chitarra Niccolò Paganini.  Molti gli autori che saranno eseguiti da Williams fra cui Michael Preatorius, Isaac Albeniz, Antonio Lauro, Peter Schulthorpe, Pedro Lopez, Vicente Emilio Sojo, Antonio Carillo.

 

Nato a Melbourne, in Australia, nel 1941,  John Williams ha imparato a suonare la  chitarra da suo padre e poi ha proseguito gli studi con Andrés Segovia all’Accademia Musicale Chigiana di Siena. Sin dal 1960 si è esibito a Londra, Parigi, Madrid,  Giappone, Russia e Stati Uniti, sia in recital solistici sia con l’orchestra, ed è stato regolarmente ospite di trasmissioni radiofoniche e televisive. Tra le collaborazioni con altri musicisti, spiccano quelle con Julian Bream, Itzhak Perlman, André Previn, Cleo Laine e John Dankworth. La sua attività musicale comprende anche collaborazioni con i gruppi Sky, John Williams and Friends, Attacca, The National Youth Jazz Orchestra (con Paul Hart), Inti Illimani e diverse collaborazioni con Richard Harvey. Coltiva un grande interesse per la musica contemporanea. Ne sono esempi le sue incisioni con il compositore  giapponese Toru Takemitsu e la London Sinfonietta, una raccolta di musiche di Peter Sculthorpe e Nigel Westlake intitolata From Australia e il Cd in cui suona musiche del compositore cubano Leo Brouwer, The Black Decameron.

 

Sono numerose le incisioni di John Williams per le più importanti etichette discografiche, a cominciare dalle tre Sonate di Domenico Scarlatti, in origine registrate nel 1988 per CBS e più tardi ristampate in un Cd intitolato The Baroque Album. Un compact intitolato Echoes of Spain è interamente dedicato ad arrangiamenti dello stesso Williams di pagine di Isaac Albéniz, Stanley Myers, Johann Sebastian Bach, Francisco Tarrega, Manuel de Falla, Domenico Scarlatti, Ennio Morricone, Julio Sagreras, Erik Satie, Georg Friedrich Händel, Daniel Aloymias Robles, Edward Elgar, Antonio Vivaldi, Scott Joplin, Joaquin Rodrigo, Enoch Mankayi Sontonga, Gabriel Fauré, Andrew York, Nino Rota, Manuel Ponce, Charlie Byrd, Leo Brouwer. Nel 2003 il grande chitarrista ha inciso un’antologia di musica venezuelana intitolata “El diablo suelto”.

 

La Stagione Concertistica 2005-2006 del Teatro Regio di Parma è realizzata grazie al contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Fondazione Parma Capitale della Musica, ARCUS e con la collaborazione di Solares Fondazione Culturale - Società dei Concerti di Parma e della Fondazione Filarmonica Arturo Toscanini, partner ufficiale della Stagione Concertistica del Teatro Regio Cariparma e Piacenza. Per il concerto di John Williams Solares Fondazione Culturale - Società dei Concerti di Parma ringrazia per il contributo Segea - Gazzetta di Parma. Per informazioni: biglietteria del Teatro Regio tel. 0521 039399 biglietteria@teatroregioparma.org www.teatroregioparma.org

 

 

 

JOHN WILLIAMS

Può essere considerato uno dei più importanti “ambasciatori” del suo strumento, la chitarra. Nato a Melbourne, in Australia, nel 1941, ha imparato a suonare la chitarra da suo padre e poi ha proseguito gli studi con Andrés Segovia all’Accademia Musicale Chigiana di Siena. Sin dal 1960 si è esibito a Londra, Parigi, Madrid, Giappone, Russia e Stati Uniti, sia in recital solistici sia con l’orchestra, ed è stato regolarmente ospite di trasmissioni radiofoniche e televisive. Tra le collaborazioni con altri musicisti, spiccano quelle con Julian Bream, Itzhak Perlman, André Previn, Cleo Laine e John Dankworth. La sua attività musicale comprende anche collaborazioni con i gruppi Sky, John Williams and Friends, Attacca, The National Youth Jazz Orchestra (con Paul Hart), Paco Pen˜a, Inti Illimani e diverse collaborazioni con Richard Harvey. Coltiva un grande interesse per la musica contemporanea. Ne sono esempi le sue incisioni con il compositore giapponese Toru Takemitsu e la London Sinfonietta, una raccolta di musiche di Peter Sculthorpe e Nigel Westlake intitolata From Australia e il Cd in cui suona musiche del compositore cubano Leo Brouwer, The Black Decameron, che include il Quarto Concerto di Brouwer. Tra le sue numerose incisioni, citiamo Concierto de Aranjuez di Rodrigo, i Concerti di Richard Harvey e Steve Gray, Vivaldi Concertos, The Great Paraguayan, John Williams plays the Movies, The Guitarist - che include la sua Aeolian Suite per orchestra d’archi - e più recentemente l’ Arpeggione di Schubert e il Concerto op. 30 di Giuliani con l’Australian Chamber Orchestra, nei quali si esibisce con una chitarra Guadagnino del 1814. Esempi indicativi del suo entusiasmo di comunicare la musica in televisione sono Profile e The Seville Concert, due spettacoli di grande successo diretti da David Thomas per la London Weekend Television. Nel marzo del 1999 Williams ha suonato To the Edge of Dream di Takemitsu, con la City of Birmingham Symphony Orchestra diretta da Sir Simon Rattle; nel maggio dello stesso anno si è esibito in un tour in Europa con l’Australian Chamber Orchestra e a luglio ha partecipato al Darwin International Guitar Festival. A ottobre ha suonato con la Sydney Symphony Orchestra, proseguendo con numerosi concerti negli Stati Uniti. Nel 2000 si è esibito in concerto a Hong Kong e a Pechino. Nel marzo dello stesso anno ha suonato con gli Inti Illimani e Paco Pen˜a in Europa e a maggio per la prima volta a Cuba. Nel 2001 ha lavorato all’arrangiamento di musica africana con il suo gruppo John Williams and Friends, realizzando un Cd intitolato The Magic Box, edito da Sony Classical, che include musiche provenienti da Senegal, Camerun, Zaire, Sud Africa, Madagascar e Capo Verde. Con questo progetto ha realizzato tournée in Australia, Singapore, Germania, Regno Unito, Giappone e Stati Uniti. Nel 2003 Sony Classical ha pubblicato il suo Cd di assoli di chitarra El diablo suelto, una collezione di musiche venezuelane che comprende composizioni di Figueredo, Sojo, Lauro, Fernandez e Gutierrez. Anche il suo ultimo Cd, The Ultimate Guitar Collection, è uscito per l’etichetta Sony Classical. John Williams ha formato recentemente un duo con Richard Harvey, musicista in grado di suonare una grande quantità di strumenti: il loro programma, World Tour, presenta musiche dell’America Latina, della Cina, del Madagascar, dell’Irlanda, musica medievale e parte del repertorio di Händel e Piazzolla.

 

 

 

STAGIONE CONCERTISTICA

2005 - 2006

Auditorium Paganini - Teatro Regio

 

 

Auditorium Paganini

giovedì 27 ottobre 2005, ore 20.30 Turno A

BALTIMORE SYMPHONY ORCHESTRA

Direttore YURI TEMIRKANOV

George Gershwin

Rhapsody in blue (Rapsodia in blu)

An American in Paris (Un americano a Parigi)

Antonín Dvorák

Sinfonia n.9 in mi minore “Dal nuovo mondo”

 

 

 

Auditorium Paganini

domenica 30 ottobre 2005, ore 20.30 Turno C

ORCHESTRA GIOVANILE ITALIANA

Direttore JEFFREY TATE

Benjamin Britten

Sinfonia da Requiem op. 20

Ernest Chausson

Soir de fête op. 32

Johannes Brahms

Sinfonia n. 4 in mi minore op. 98

 

 

 

Auditorium Paganini

giovedì 10 novembre 2005, ore 20.30 Turno A

Pianoforte RADU LUPU

Robert Schumann

Waldszenen op. 82

Humoreske in si bemolle maggiore op. 20

Sonata n. 1 in fa diesis minore op. 11

 

 

 

Auditorium Paganini

martedì 15 novembre 2005, ore 20.30 Turno A

ORCHESTRA DA CAMERA DI MANTOVA

Direttore UMBERTO BENEDETTI MICHELANGELI

Pianoforte PAOLO BORDONI

Maurice Ravel

Le tombeau de Couperin

Concerto in sol per pianoforte e orchestra

Franz Schubert

Sinfonia n. 4 in do minore D. 417 “Tragica”

 

 

 

Teatro Regio

giovedì 17 novembre 2005, ore 20.30 Turno C

ORCHESTRA GIOVANILE “LUIGI CHERUBINI”

Direttore RICCARDO MUTI

Violino FRANCESCO MANARA

Viola SIMONIDE BRACONI

Wolfgang Amadeus Mozart

Sinfonia concertante in mi bemolle maggiore per violino, viola e orchestra K. 364

Dmitrij Šostakovic

Sinfonia n. 5 in re minore op. 47


 

Auditorium Paganini

domenica 20 novembre 2005, ore 20.30 Turno B

BAYERISCHES STAATSORCHESTER

Direttore ZUBIN MEHTA

Mezzosoprano MARIANA LIPOVSEK

Tenore ROBERT DEAN SMITH

Franz Schubert

Sinfonia n. 8 in si minore D. 759 Incompiuta

Gustav Mahler

Das Lied von der Erde (Il Canto della Terra)

 

 

 

Teatro Regio

mercoledì 30 novembre 2005, ore 20.30 Turno A

FILARMONICA ARTURO TOSCANINI

Direttore LORIN MAAZEL

Ludwig Van Beethoven

Fidelio. Ouverture

Franz Schubert

Sinfonia n. 8 in si minore D. 759 “Incompiuta”

Ludwig Van Beethoven

Sinfonia n. 3 in mi bemolle maggiore op. 55 “Eroica”

 

 

 

Auditorium Paganini

mercoledì 11 gennaio 2006, ore 20.30 Turno A

giovedì 12 gennaio 2006, ore 20.30 Turno B

ORCHESTRA DEL TEATRO REGIO DI PARMA

Direttore JONATHAN WEBB

Violino MICHELANGELO MAZZA

Soprano ANNICK MASSIS

Vito Frazzi

Preludio magico

Luigi Dallapiccola

Tartiniana seconda, per violino e orchestra

Gustav Mahler

Sinfonia n. 4 in sol maggiore

 

 

 

Teatro Regio

lunedì 16 gennaio 2006, ore 20.30 Turno A

FILARMONICA ARTURO TOSCANINI

Direttore MSTISLAV ROSTROPOVIC?

Dmitrij Šostakovic

Sinfonia n. 7 in do maggiore op. 60 “Leningrado”

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl